venerdì 13 gennaio 2012

TAGLIATELLE ALLE ORTICHE -NETTLE TAGLIATELLE (noodles)

                                             


                                         Scroll down for English version

Come dettovi prima QUI oggi vi posto le mie tagliatelle verdi!!

Tutto nasce tanti anni fa, ed esattamente a quando sono nata, sarà la città dove sono nata, Bologna, sarà che avevo una nonna terribile (nel vero senso della parola , non le ho mai perdonato il non essere stata una buona madre con la mia splendida mamma), ma eccellente a tirare la sfoglia…. Nella memoria delle mie papille gustative sono ben conservati i sapori dei suoi ragù, delle sue lasagne verdi, dei suoi unici ed inimitabili tortellini., sarà per tutto questo, ma io ADORO la pasta fatta in casa ed in particolare la “sfoglia bolognese”.
Questa nonna per tanti anni non sono riuscita a perdonarla, per il dolore che ha sempre dato alla mia mamma sin dall’infanzia, purtroppo ancora oggi fatico a parlare bene di lei , ma con la maturità non lo dico più con rabbia, ma con tanto dispiacere…però diciamo che un sorriso pensando a lei lo faccio quando tiro la sfoglia, quando riempio i tortellini o quando taglio le tagliatelle…riesco ancora a ricordare le sue dita, le sue mani…e il movimento ritmico e dolce che faceva con il suo corpo impastando la sfoglia. Era una donna bellissima, ma aveva gli occhi stretti, come le streghe cattive…e come le streghe ha sempre cercato di conquistare , anzi comprare, non il mio affetto, ma il mio appoggio (che non le ho mai dato!!)..riempiendomi di gelati e giocattoli bellissimi..anche la mia Barbie , quella con la faccia più altera me la regalò lei..e puntualmente Lyssa , il mio pastore tedesco di allora, la disintegrò..evidentemente anche lei sentiva che non amavo quella donna e quella Barbie, che però aveva un vestito salmone e oro stupendo!!!!
Però l’amavo quando tirava la sfoglia…e credo che l’unica eredità sincera che mi ha lasciato è stata quella di imparare a tirare la sfoglia e oggi …la ringrazio per questo e per aver messo al mondo la mia mamma, che è la persona più buona e sincera del mondo. Mia mamma ha un sorriso splendido, ha una forza immensa per essere sopravvissuta ad una madre simile e per avermi cresciuta con tutto l’amore che solo una mamma può dare e ora sono felice di sapere che lei nella sua Fede e nel suo amore per una mamma come la sua, ma pur sempre mamma, è riuscita a farci i conti..a farci pace e a perdonarla.

 Per tutto il procedimento vi rimando al postprecedente e ora veniamo un po’ alla ricetta che ho appositamente preparato per il Menuturistico Challenge (MTC) di gennaio , grazie anche ad Ale OnlyKitchen per aver proprosto questa bellissima sfida sulle tagliatelle fatte in casa a mano senza l’aiuto di planetarie o macchinette per la sfoglia… è un sfida con noi stessi questa..ed è una bellissima sfida!!



TAGLIATELLE ALLE ORTICHE CON CREMA AL GORGONZOLA

Per 250 gr di tagliatelle

2 uova
200 gr farina 0
30 gr di cimette fresche di ortiche* (lavate, mondate e fatte bollire 2-3 minuti e successivamente fatte raffreddare e ben strizzate)

Con la farina formate su un tagliere grande una fontana, fateci un buco e rompete le uova al centro; con l’aiuto di una forchetta rompete le uova e cominciate gradualmente ad inglobare la farina, inserite le ortiche  e amalgamatele alle uova, piano piano sempre con la forchetta.(questo impasto avrà sicuramente bisogno di quei 20-30 gr di farina in più poiché c’è l’umità aggiunta dalle ortiche)
Quando le uova avranno assorbito la farina, cominciate a lavorare l’impasto con le mani, all’inizio aiutatevi con una spatola o un coltello per staccare l’impasto dal tagliere.
Lavorate bene per almeno 15 minuti.
Quando l’impasto risulterà poroso, elastico e morbido, formate una palla e fatelo riposare riparato dall’aria , sotto ad una coppetta a campana o avvolta nella pellicola trasparente. Dovrà riposare 20-30 minuti almeno, perché più riposa più per voi sarà facile lavorare la sfoglia.
Spolverate il tagliere con la farina,  poggiate l’impasto e spolverate con farina, cominciate ad abbassare l’impasto con l’aiuto del mattarello e cominciate a lavorare e tirare la sfoglia.

Quando la sfoglia sarà pronta lasciatela asciugare un po’ (io l’ho messa stesa sullo stendino dei panni per  una ventina di minuti) , poi fateci un rotolo e con l’aiuto della coltella ( o se non l’avete utilizzate un coltello a lama larga) tenendo la punta della coltella sempre a contatto con il tagliere cominciate a tagliare le tagliatelle che per essere TAGLIATELLE devono avere una larghezza compresa tra i 7 e gli 8 mm!!!

Mettete l’acqua a bollire e nel frattempo preparate la crema al Gorgonzola

CREMA AL GORGONZOLA E PANCETTA

100 gr Gorgonzola dolce  tagliato a cubetti
100 gr panna
75 gr pancetta dolce
Pepe
1 noce di burro

Fate sciogliere la noce di burro in una pentolina, fate rosolare la pancetta per un paio di minuti ed aggiungete la panna e il pepe.

Quando l’acqua per le tagliatelle bolle salatela e cuocete le tagliatelle, che quando vengono a galla saranno pronte e ricordate che devono rimanere sode!!! Nel mentre aggiungete alla panna il gorgonzola e fate sciogliere.

Scolate le tagliatelle e conditele subito con la salsa al Gorgonzola e pancetta, e servitele subite con una spolverata di Parmigiano Reggiano.



Ho scelto di fare questa crema , che comunque non è fortissima, essendo stemperata con la panna, perché in realtà le ortiche nella pasta sfoglia vengono usate per dare il colore, non un sapore, in quel caso è consigliabile usare gli spinaci!!!
*Le cimette delle ortiche utilizzate sono quelle belle fresche che stanno cominciando ad invadere il mio giardino, le ho prese in punti impervi , dove ovviamente Mou non può arrivare, ho utilizzato dei guanti, poi le ho pulite dai gambi e dalle infiorescenze, le ho lavate sotto l’acqua corrente e messe a bollire, solo dopo averle scolate, le ho toccate con le dita e lavorate nell’impasto per la sfoglia.



Buon lavoro e buon weekend,
                                                  Flavia


















English version

You call them Noodles, but Italians and I call them TAGLIATELLE. I was born in Bologna, the city of homemade pasta like tortellini, lasagna and tagliatelle.
My grandmother was not a good mother and for many years I didn’t forgive how she was a bad mother with my wonderful mom,, but she was so good to made pasta. She was so beautiful as bad, not with me , but with my mom since when she was a baby. Anyway I just thank my grandmother only because she taught me how to made homemade pasta…this is the only heritage she left me…and my special , gorgeous , marvelous mom!!!

These noodles are green because I used nettles I found in my garden, nettle just gives the color , not the flavor, if you want a flavor use spinach, but not season tagliatelle with these Gorgonzola sauce, because you couldn’t taste the spinach flavor.


TAGLIATELLE made with nettle , and seasoned with GORGONZOLA AND PANCETTA SAUCE

For 250 grams of Tagliatelle

2 eggs
200 g all purpose flour
30 g of fresh nettles * florets (washed, peeled and boiled and then 2-3 minutes to cool and well-made squeeze)

With the flour on a cutting board form a large fountain, a hole and  break the eggs in the middle, with the help of a fork, break the eggs and begin to gradually incorporate the flour, place the nettles and mix the eggs, gradually more and always  with a fork. (this mixture will definitely need that 20-30 grams (2 TBSP)of flour because the humidity of nettles)
When the eggs have absorbed the flour, start working the dough with your hands, help each beginning with a spatula or knife to remove the dough from the cutting board.
You work for at least 15 minutes.
When the dough will be porous, elastic and soft, form a ball and let it sit sheltered from the air, under a bell-shaped cup or wrapped in plastic wrap. Must rest at least 20-30 minutes, because the more rest will be easy for you to work more than the dough.
Sprinkle the cutting board with flour, put the dough and sprinkle with flour, begin to lower the dough with the help of rolling pin and start to work and pull the dough.

When the SFOGLIA  is ready , let it dry a bit '(for about twenty minutes), then roll with the help of large knife , the tip of the knife must be always in contact with the cutting board and  begin to cut the noodles that to be TAGLIATELLE  must have a width between 7 and 8 mm!

Put water to boil and meanwhile prepare the creamy Gorgonzola sauce

 GORGONZOLA AND PANCETTA SAUCE

100 g sweet gorgonzola, cut into cubes
100 g half-an-half
75 g sweet pancetta
Pepper
1 knob of butter

Melt the butter in a small pot, fry the bacon for a couple of minutes and add the cream and pepper.

When the water boils add salt  and pour pasta and cook the noodles, which will be ready when they  come to the surface  , they must remain firm ”al dente”  remember that! Meanwhile, add the gorgonzola to the cream melt.

Drain the noodles and season immediately with the sauce with Gorgonzola and pancetta , and serve with a sprinkling of Parmigiano Reggiano.

Good job to make Tagliatelle  and good weekend,






                                                                                            Flavia

P.S. Mom, I love you!!

40 commenti:

  1. ahhhh ora si!...ammazza..e come si fa???? ma saranno di un buono!!!

    RispondiElimina
  2. Ecco io ti insegno a far le rose, e tu mi insegni a tirar la sfoglia come si deve?Ehh che dici???
    Baciotti, anche alla tua dolce mamma ;D

    RispondiElimina
  3. Wow wow che spettacolo!Bravissima!Davvero un'ottimo piatto!Complimenti!

    RispondiElimina
  4. Non è giusto peròòòò!!! Io a dieta che posto ricettine light e voi mi tentate con tutte 'ste tagliatelle... Queste sembrano favolose! =P

    RispondiElimina
  5. Che colore splendido e che belle. Peccato che io detesti il gorgonzola, dovrò trovare un'alternativa. Grazie mille, Rosanna
    PS: anch'io a nonne non sto molto bene ... e non ha neppure provato a "comprarmi". Non ti fare il sangue marcio come si dice da noi, da quando ho imparato un sano distacco mi sento MOLTO meglio.

    RispondiElimina
  6. io invece avevo una nonna adorata, che in cucina sapeva fare poco o niente. Però, quel poco che sapeva fare me la ricorda ogni volta- ed è uno strazio, con tutta che è mancata pochi anni fa (quindi, checchè lei ne dicesse, vecchia) e me la sono goduta per 40 anni tondi tondi. Ma quando hai la fortuna di imbatterti con persone di questo genere, la parte più terribile è il "dopo": lasciano un vuoto incolmabile e non c'è tempo che lenisca queste ferite. Per cui, prendilo come un altro regalo di tua nonna, questo riuscire a ricordarla senza rimpianto... noi ci prendiamo queste tagliatelle e, lasciatelo dire, la classe non è acqua e qui la vediamo tutta.
    un bacione
    ale

    RispondiElimina
  7. wow! che originalità questa ricetta! non e che mi pungono però? hihihi bacione

    RispondiElimina
  8. Ma che bel colore!!! Il verde è il mio preferito...anche io pensavo di farle colorate ora però cambierò colore.Buon anno!!!! Baci

    RispondiElimina
  9. Assolutamente da provare!!! Brava!!!

    RispondiElimina
  10. Ritorno sul post perchè accecata dalla bontà mi ero persa la sostanza... tutto nasce tanti anni fa e magari un pochino continua, ma mi va di pensare che se impariamo a dosarlo il sale dei brutti ricordi può creare piatti straordinari... come quel tuo piatto mezzo pieno che sa tanto di mamma. Baci *_*

    RispondiElimina
  11. Perfette, meravigliose, ti eleggerei la regina delle tagliatelle, invidio la capacità di tagliarle quasi della stessa identica misura, io non riesco, non ho mio il gioco perfetto di coltello, mi devo allenare ancora.
    Bravissima Flavia, se ci fosse al mondo ancora la mia mamma le avrei già girato le tue foto.
    Ciao, Sara

    RispondiElimina
  12. Dicono che io abbia avuto due nonne... ed effettivamente me le ricordo pure... ma poco e sbiadite... ahimè le ho perse anche abbastanza presto... La nonna materna faceva solo i cavatelli... e io non mai più provato a farli... magari la ritrovo lì!
    Un bacio!

    RispondiElimina
  13. ricettina incantevole, tesoro, me la segno per non perdermela!w i nonni!

    RispondiElimina
  14. Una meraviglia di sfoglia che io ancora non riesco ad affrontare, ma dovrò farlo, lo so!
    Alle ortiche le proverei volentieri, da mangiare intendo...visto la mia incapacità non penso che potrò complicarmi la vita!!
    buon we
    loredana

    RispondiElimina
  15. FANTASTICHE!!!!!
    Sembra strano possano esserci mamme sempre troppo dure.
    Forse erano i vecchi tempi ma probabilmente è solo carattere.
    Almeno ti ha tramandato quest'amore per la sfoglia perfetta come la tua.
    Bravissima!

    RispondiElimina
  16. Very sweet post about your mother, Flavia. I can tell you love her very much. As you said, at least your grandmother taught you how to make wonderful pasta. This looks delicious!

    RispondiElimina
  17. davvero sono straconvinta che devi tenere un corso sulla sfoglia bolognese... queste tagliatelle sono prefette!!!

    RispondiElimina
  18. Ciao, queste tagliatelle sono davvero bellissime da vedere, così verdi e cariche ! Ottimo il condimento: gustoso e morbido, si abbina perfettamente ad una pasta ricercata come questa.
    baci baci

    RispondiElimina
  19. Eppure Flavia, la società è molto più pronta a perdonare o credere e giustificare le madri e non i figli. Grazie per quello che hai scritto.
    E... viva la tua Mamma, abbracciala da parte mia.

    Domani vedo se ho un po' di ortica in giardino :)

    RispondiElimina
  20. Da una nonna ho imparato a cucinare il coniglio con i biscotti e a dire tutto quello che pensavo, senza pelli nella lingua.
    Da l'alra ho imparato tante ricette e segreti in cucina, ma anche a stare zita e pensare prima di aprire bocca... dalla prima ho preso la lingua viperina, dalla seconda l'amore per i fornelli. Voglio pensare che ho preso il meglio di loro nel mio caratere e lo stesso va per te, uno prende le impara le cose buone! E l'esempio sono queste tagliatelle verde-ortica con il suo sugheto saporito. Con queste non ti stancano mai.

    Eli, che bel post e che meraviglia di tagliatelle!

    besos

    RispondiElimina
  21. Che splendore queste tagliatelle!

    RispondiElimina
  22. c'è del buono in ognuno di noi, e vedo che sei riuscita a trovarlo anche in questa donna, tanto amata e tanto disprezzata. e scommetto che tutta la tua forza e la tua solarità, dipendono, in qualche modo, anche da lei.
    e poi guarda qua che popò di tagliatelle che ti ha insegnato a fare! Uno spettacolo!

    RispondiElimina
  23. Splendide le tue tagliatelle sei stata davvero brava a tirare la sfoglia ..io devo ancora provarci.
    Nonostante sia emiliana la sfoglia non la so tirare sarà un'impresa!!!!
    un bacio

    RispondiElimina
  24. ti capisco perfettamente quando dici che per il dolore che la tua nonna ha procurato a tua madre sin dall'infanzia non riesci a parlarne bene. è quello che accade a me con la mamma di mio padre. non ha mai avuto buone parole per lui ne' buone azioni e di riflesso per noi nipoti non c'è mai stato più del freddo augurio di buon natale, con annesso regalo che formalmente di metteva alla pari degli altri nipoti, ma che in realtà per me non ha mai significato nulla di più che un regalo di una nonna che con noi ha avuto pochi atteggiamenti da nonna. mi è sempre mancata una persona che mi dicesse oggi ti preparo la cosa tanto buona che piace a te o la complice di un'infanzia.. come lo è la mamma della mia mamma. e la cosa che mi dispiace ancora di più è che con mio padre si atteggia in maniera decisamente diversa rispetto a tutti gli altri figli, segregandolo al ruolo della pecora nera della famiglia. è la cosa che mi fa più soffrire, perché vedo la sofferenza di mio padre ogni volta che gli tornano pensieri o fatti al riguardo.

    RispondiElimina
  25. Un post dove l'amarezza e la rabbia sono temperate dalla maturità adulta e dal tuo saper "vagliare tutto e trattenere ciò che è buono".
    E buone queste tagliatelle lo sono senz'altro, ti sto invidiando da matti l'idea!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  26. Le pietanze all'ortica mi hanno sempre ispirata eppure, non so perché, non le ho mai assaggiate. Anche le tue tagliatelle mi attrangono molto, anche se non saprei dove trovare le ortiche... :)

    RispondiElimina
  27. Vedi la differenza di vivere in Sicilia??? Tu puoi già raccogliere le ortiche e io dovrò aspettare Luglio prima di vederle nella casa sui monti!
    Bella idea, inoltre le ortiche contengono tantissimo ferro e per le anemiche come me..... sono una MANNA!
    Buonanotte
    Nora

    RispondiElimina
  28. Cara Flavia, l'influenza bolognese si vede, eccome!!! Sei proprio una "sfoglina". Sei stata brava ad aver saputo trarre il meglio, anche da una parte negativa e di sofferenza della tua vita...
    Un bacione

    RispondiElimina
  29. ottime! noi le cogliamo in campagna da un'amica, ma ora fa troppo freddo :)
    per il momento mi godo le tue, bellissime!

    RispondiElimina
  30. fla, sei grandissima: in tutto quello che fai, cucini e scrivi!! ti adoro :))))

    RispondiElimina
  31. Wow we use nettles for nothing over here, though I do know they are edible and good for you, going to have to look into them a bit more I think. It is good you have found something nice about your grandmother, it is always always easy to find good in these matters.

    RispondiElimina
  32. Leggendo le tue parole ho fatto un tuffo nel passato.. mi sembrava di rivedere me e la mia famiglia!anch'io cerco d'aggrapparmi a dei semplici minuscoli ricordi per creare nella mia testa un immagine positiva di mia nonna.. purtroppo, ci riesco a stento! che dire.. w la sfoglia bolognese.. ma soprattutto ottime le TUE tagliatelle! baci

    RispondiElimina
  33. purtroppo non sempre il rapporto fra genitori e figli è come dovrebbe, soprattutto di amore. A me le tagliatelle con le ortiche ricordano una persona speciale, una quasi nonna buonissima che le faceva divinamente, e condite semplicemente con il burro sono fantastiche, così delicate e leggere!!!

    RispondiElimina
  34. I love noodles especially butter noodles so famously made in my Penn Dutch area. I will be posting on my blog this Thursday images from the Witness movie location tour from the film that stared Harrison Ford in 1985 in Lancaster county, so i hope to see some of you folks there. Richard

    RispondiElimina
  35. Mai mangiate...ma secondo me è un primo veramente gustoso,un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  36. Complimenti davvero, una ricetta che "sa di casa"! Ps. W le mamme!!!

    RispondiElimina
  37. Belle e buone queste tagliatelle! La pasta fatta in casa spesso ci fa rievocare persone, gesti ed emozioni del passato. Anch'io ricordo mia nonna, le sue mani nodose, la pasta ammucchiata ordinatamente e messa a seccare nella camera degli ospiti sul suo grande tagliere. Queste nonne, in un verso o nell'altro, fanno parte di noi e sarà sempre così credo.
    a presto!

    RispondiElimina
  38. questo post mi ha commosso.
    questi piatti della tradizione hanno il potere catartico di tirarci fuori l'anima.
    e poi c'è anche la ricetta: bellissima versione, la tua, mi ispira molto.

    RispondiElimina
  39. Ewwwwiva chi la sfoglia la sa preparare, da te c'è solo da imparare...oggi non vado in campagna.....troppo freddino, vedo domani e se trovo ortica oltre a tutte le altre erbe infestanti che solitamente albergano li', preparo queste deliziosissime tagliatelle.Grazie Eli/Fla!
    Diana

    RispondiElimina