venerdì 18 ottobre 2019

PASTA AL PESTO DI ZUCCHINE A CRUDO



Sempre per il discorso che a pranzo stiamo cercando di fare piatto unico con un primo, oggi vi parlo di un pesto, ma lo chiamerei più salsa a crudo, di zucchine verdi, che lo so non sono più di stagione, ma in verità questo piatto l'ho preparato a Settembre e so anche che potevo tenerla sospesa fino alla stagione giusta, ma avrebbe significato farla finire nel dimenticatoio e sinceramente è una cosa così veloce e buona che mi dispiacerebbe non ritrovarmela più nel blog e quindi la pubblico, ma voi ricordatevi poi quando in Primavera inoltrata le zucchine torneranno a  fare bella mostra sui banchi del mercato, di questa ricettina, che vi risolverebbe un pranzo in pochissimi minuti, il tempo di cuocere la pasta e via!!!



PASTA AL PESTO DI ZUCCHINE CRUDE

(per 4 porzioni)

280 g di Spaccatelle (ma anche Fusilli, Strozzapreti, o Caserecce vanno bene)
2 zucchine verdi medie
30 g di mandorle spellate
2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
sale
pepe nero
1/2 spicchio di aglio piccolo

Mettete sul fuoco una pentola con abbondante acqua e portate a bollore.
Nel frattempo lavate e mondate le zucchine, tagliatele a tocchetti e mettetele in un boccale o contenitore alto e stretto, aggiungete le mandorle, possibilmente già tritate un po', l'olio, il sale, il pepe e l'aglio e frullate tutto molto molto bene. Assaggiate di sale e se serve aggiustate il sapore.
Quando l'acqua bolle  aggiungete il sale grosso e versate la pasta e cuocetela al dente.
Prelevate 2-3 cucchiai di acqua della pasta e mescolatela bene con la salsa di zucchine aiutandovi col frullatore ad immersione.
Scolate la pasta, conditela e servite calda, aggiungendo del buon Parmigiano Reggiano grattugiato.

Enjoyyy!


mercoledì 16 ottobre 2019

PANE di SEMOLA e farina con lievito di birra



Oggi, di nove anni fa, mi lanciavo in questa avventura di Cuocicucidici, e come ho già detto negli anni passati, il mio blog è nato nel giorno Internazionale del Pane, World Bread Day 2019, che è anche il simbolo di cibo per eccellenza. Così, da quando ho scoperto questa bellissima coincidenza cerco ogni anno di pubblicare un pane per festeggiare l'anniversario di Cuocicucidici.
Inutile dire che se fossi stata costante a quest'ora pubblicherei un pane fatto con lievito madre, ma ne ho ammazzati così tanti, che ecco sono votata ormai al lievito di birra e ancora di più a quello disidratato che acquisto al Lidl e che non manca mai nella mia dispensa.
Ciò però non significa che dal mio forno non escano comunque ottimi pani e profumati.
Oggi vi regalo una semplicissima pagnotta di pane mista con la farina di semola, che però è davvero tanto buona, profumata ed è come un tubino nero: sta bene con tutto, che sia salame o formaggio, bruschetta con pomodorini e origano, burro e marmellata ... o anche con un semplicissimo filo di olio extra vergine di oliva, o una barretta di cioccolato.




World Bread Day 2019 


                                  #wbd2019 #worldbreadday #worldbreadday2019

PANE DI SEMOLA E FARINA

350 g di farina di semola di grano duro
150 g di farina 0
450 g di acqua minerale naturale
4 g di lievito di birra secco
14 g di sale


Nella ciotola della planetaria con il gancio "K" o foglia, mescolate le farine con il lievito, ed aggiungete a velocità 1 (io uso il KitchenAid, quindi la velocità è intesa bassa) l'acqua, dopo un paio di minuti passate a velocità 2 e fate lavorare l'impasto per 4-5 minuti, l'impasto deve incordare, cioè deve aggrapparsi tutto al gancio, lasciando le pareti della ciotola pulite. e deve risultare bello liscio. Aggiungete il sale e fate lavorare la planetaria a velocità sostenuta altri 4-5 minuti.


Cambiate il gancio e passate a quello ad uncino e lavorate per 2-3 minuti.
Coprite la ciotola con pellicola trasparente e lasciate così per un'oretta.
Infarinate con la semola il piano di lavoro e fate un giro di pieghe del tipo 1 e coprite a campana, ripetete altre 2 volte ogni 20 minuti circa.




Infarinate molto bene un cestino da lievitazione e mettete la palla di impasto che avrete formato con la chiusura verso l'alto.



Coprite a campana (io uso un Tapperware che si incastra perfettemente con il diametro del cestino che utilizzo, fate puntare un'ora e poi mettete in frigo, per circa 8-9 ore.
Accendete il forno a 250°C in funzione statica, ricordando di mettere la pietra refrattaria nell'ultima tacca in bassa del forno (se non avete la pietra potete anche usare la placca del forno girata) e un pentolino di acqua sul fondo.


Prendete il cestino e date una spolverata generosa di farina di semola* sulla superficie  e girate il pane su una pala ben infarinata, fate dei tagli sulla superficie del pane ed infornate direttamente. Abbassate la temperatura del forno a 220°C per 20 minuti, poi abbassate la temperatura a 190°C, e cuocete per altri 25 minuti, ma ricordate di aprire il forno a fessura negli ultimi 5 minuti di cottura per fare uscire il vapore.

Spegnete il forno, mettete la pagnotta di pane in verticale e lasciate raffreddare.


*NOTE MOLTO IMPORTANTI:

-L'impasto ha un'altissima idratazione, quindi ricordate che inizialmente al primo giro di pieghe non sarà facilissimo lavorarlo, quindi aiutatevi con un tarocco, ma vedrete che con il passare del tempo e delle pieghe otterrete un impasto straordinario.
-Proprio per l'alta idratazione l'impasto resterà morbido, quindi quando fate il passaggio dal cestino alla pala, ricordate di infarinare molto bene.
-Per il motivo di cui sopra, far scivolare la pagnotta dalla pala alla pietra refrattaria, deve essere veloce, ma fatto con cautela, poichè se si è troppo "grezzi" potreste rovinare un po' il risultato finale, al taglio, come è accaduto a me, il sapore resta buonissimo, ma la prossima volta userò molta più farina sulla base dell'impasto direttamente dal cestino.
-Come vedete dalle foto delle pagnotte l'ho già fatto tre volte, perchè il sapore è davvero buonissimo e si conserva anche bene per qualche giorno.


ENJOYYY!!!



lunedì 14 ottobre 2019

PASTA AI PEPERONI (buonissima)


Spesso quando mi capita di mangiare pasta condita con i peperoni, 'è l'aggiunta della panna, che per carità ammetto sia tanto buona, ma in realtà ho anche scoperto che con la ricetta giusta è possibile ottenere una salsa di peperoni che risulti cremosa e saporita senza aggiunta di altri grassi se non un paio di cucchiai di ottimo olio extra vergine di oliva.
Ultimamente stiamo cercando qui in casa di seguire un'alimentazione più "equilibrata" e questa comprende un piatto di pasta o riso per pranzo, come piatto unico e devo dire che ci stiamo trovando bene, soprattutto perchè sto scoprendo che con le verdure o ortaggi è una cosa che fa variare i condimenti e ci regalano gusto senza dover fare troppe rinunce.
Tutto è partito dai peperoni arrostiti che ho fatto qui, ma da noi spesso dai fruttivendoli o nei panifici si trovano in vendita insieme alle melanzane e alle cipolle, in modo che tornati a casa si deve solo sbucciare e condire a piacere.




PASTA AI PEPERONI (buonissima e volendo light)
(per 4 porzioni)

280 g di pennette lisce (ma vanno bene anche maccheroncini rigati, fusilli, quello che preferite)
3 peperoni arrostiti
2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
sale
pepe nero
prezzemolo fresco

Per i peperoni seguite la ricetta che ho pubblicato qui , che potete preparare anche il giorno prima, omettendo ovviamente i capperi, che magari se piacciono li aggiungete dopo a decorazione del piatto.
Una volta che avrete i vostri filetti di peperoni, puliti e conditi, metteteli in una boccale o contenitore alto e stretto e frullate bene con un frullatore ad immersione fino ad ottenere una salsa cremosa e densa. Coprite e mettete da parte, in frigo se la preparate qualche ora prima di cuocere la pasta.
Mettete sul fuoco una pentola con abbondante acqua, quando bolle aggiungete il sale grosso e versate la pasta, che cuocerete al dente.
Scolate la pasta e condite con la salsa di peperoni e servite subito accompagnata con dell'ottimo Parmigiano Reggiano grattugiato se vi piace.


Enjoyyy!!!

venerdì 11 ottobre 2019

BISCOTTI AL LIMONE



Capita spesso che io pubblichi pochi dolci, quando siamo in periodi lontani da feste e festività, ma poi me ne ricordo e qualcosina ce la faccio sempre uscire.
Cercavo qualcosa di facile e veloce, ma che soprattutto si potesse fare con gli ingredienti "base" che non mancano mai in una cucina e così cercando cercando ho trovato questa ricetta pubblicata in un commento in un gruppo dalla Signora Francesca Ferrante e mi sono subito messa al lavoro!!!
Cosa aggiungere??? Beh ecco raddoppierò la dose la prossima volta in modo da avere un buona scorta per l'ora del tè o da regalare se capita!!!


BISCOTTI AL LIMONE (di Francesca Ferrante)

260 g di farina 00
110 g di zucchero
100 g di burro a temperatura ambiente
1 uovo
succo e scorza grattugiata di UN limone
1/2 bustina di lievito per dolci

zucchero semolato e zucchero a velo


In una terrina mescolate lo zucchero con il  burro e la scorza del limone grattugiata, aggiungete la farina con il lievito, otterrete un composto di grumi e briciole, aggiungete l'uovo, mescolate ed  amalgamate anche il succo di limone.
Formate una palla, richiudetela in pellicola trasparente e fate riposare in frigo un paio d'ore.


Con l'impasto ottenuto formate delle palline grandi come noci (circa 18 grammi cadauna), passatele prima nello zucchero semolato e poi nello zucchero a velo.



Preriscaldate il forno a 180°C. E mettete la teglia in freezer il tempo che il forno arrivi a temperatura.
Posizionatele distanti tra loro su una placca da forno rivestita di carta forno e cuocete per 8-10 minuti. I biscotti devono restare chiari e morbidi.




martedì 8 ottobre 2019

PEPERONI ARROSTITI o al FORNO


In casa nostra non esiste un secondo che sia di carne, o pesce, anche solo di salumi e formaggi che non sia accompagnato da un contorno di verdure o ortaggi.
I peperoni arrostiti, sono una delle cose che adoro di più in assoluto, anche perchè ho imparato il metodo che mi si addice di più per prepararli.
Sembra una cosa lunga ma vi assicuro che non lo è, io poi preferisco farli il giorno prima proprio perchè così si amalgamano bene i sapori e soprattutto, perchè in questo modo è già pronto!!!
Spesso nei buffet degli antipasti delle trattorie locali non mancano mai insieme alla Caponata Siciliana, alla Parmigiana, a formaggi e frittate, ma già da soli con una fetta di pane fresco sono un piatto "gourmet della semplicità"!!!
P.S. Digerendoli e dosando bene l'olio di condimento vi assicuro che sono anche un contorno molto light.



PEPERONI ARROSTITI

3 peperoni rossi grandi
olio d'oliva extra vergine
prezzemolo
sale
1 spicchio d'aglio
capperi (facoltativo)

Lavate i peperoni e metteteli così interi sulla placca del forno con carta forno.
Infornate, accendete il forno a 190°C e cuocete un'ora; girate i peperoni e continuate la cottura per altri 30 minuti e poi spegnete il forno e dimenticate i peperoni lì dentro almeno 4-5 ore (Se vi dovesse servire il forno, invece, prendete i peperoni bollenti e chiudeteli in un sacchetto di carta, tipo quello del pane, e anche in quel caso lasciateli raffreddare).


Prendete i peperoni, ben freddi e vedrete come la pellicina verrà via velocemente, senza alcuna resistenza, levate il picciolo, apriteli ed eliminate tutti i semini e anche le coste interne (che con la cottura sembreranno quasi scomparse). Pulite bene i filettini di peperone, adagiateli su un piatto, aggiungete l'aglio tagliato in due tre pezzetti, versate l'olio extra vergine di oliva, il sale, il prezzemolo e mescolate bene. Coprite e mettete in frigo fino al momento di servire.
Se vi piacciono aggiungete qualche cappero.

Enjoyyy!!!

giovedì 3 ottobre 2019

ORECCHIETTE ALLA NORMA RIVISITATA


Qua da noi a Catania la Pasta alla Norma è un MUST, tanto che esiste anche a pizza alla Norma! Di conseguenza, so a qualcuno verrà da storcere il naso, ma le melanzane le si trova tutto l'anno, ma va considerato anche che qua da noi il clima è mite e il periodo delle coltivazioni in serra è praticamente inesistente.
Quindi non ho nessuna remora a proporvi una Norma "rivisitata" in Ottobre, anche se da noi appunto siamo ancora in Estate, con temperature più gradevoli, rispetto a quelle afose di un mese fa, ma un bagno al mare lo si può ancora tranquillamente fare.
Una ricetta dal gusto armonioso che  noi è piaciuta tantissimo e che ben si adatta a tanti tipi di pasta fatta in casa, tipo i Busiati  se si preferisce la pasta lunga.




ORECCHIETTE alla NORMA "RIVISITATA"
per 4 persone

320 grammi di orecchiette  (io me le faccio in casa)
1 melanzana
300 g di pomodorini datterini
olio extra vergine di oliva
sale
pepe

Ricotta salata

olio di mais o arachidi per friggere la melanzana

Per fare i pomodorini confit:

timo fresco
sale
olio extra vergine d'oliva
zucchero
pepe nero


Tagliate la melanzana a tocchetti piccoli, eliminando il picciolo e metteteli in un contenitore con acqua e sale grosso e lasciateli lì per un'oretta, nel frattempo lavate e mondate i pomodorini e procedete a farli confit (clickate sul link e vedete il semplice procedimento).
Strizzate i tocchetti di melanzane e poggiateli su un panno, in una paella mettete abbondante olio di mais o di arachidi e quando l'olio è a temperatura versate i tocchetti e lasciate dorare molto bene. Fate scolare e mettete da parte.

In una pentola molto capiente portate l'acqua a bollore, salate e versate le orecchiette e fatele cuocere, al dente. Scolate la pasta, mettetela in una zuppiera e conditela con i pomodorini confit, un giro d'olio e coprite con la melanzana e una bella grattugiata di ricotta salate e servite subito.


NOTE: sia le melanzane fritte che i pomodorini confit potete prepararli anche mezza giornata prima, così dovrete solo cuocere la pasta.

Enjoyyy!!!