giovedì 12 gennaio 2012

RICUCÚRICÓ



                                                       Scroll down for English version


Ormai lo sapete tutti  che quando ci sono le (st)renne il giovedì è il mio giorno. Sapete anche che il lunedì è quello di Ale e Dani , il martedì tocca ad Annalù e Fabio, il mercoledì è la giornata di Stefania (con le sue ricette gluten free , ma adatte a tutti, quindi correte a vedere il suo contest  che potreste diventare “(st)renne per un mese”e avere la possibilità di vincere un weekend in un bellissimo agriturismo in Sicilia) e venerdì sarà il turno di Mapi. Per queste tre prime settimane vedrete zuppe e minestre di ogni sorta e la quarta settimana sarà la volta delle (st)renne per un mese di questa collezione.



Oggi vi presento il RICUCÚRICÓ , una ricetta di sicuro della tradizione per la famiglia della Signora che ha scritto un libricino delizioso con tutte le ricette che ha imparato ad eseguire nella sua ricca e grande cucina sin da bambina, osservando ed aiutando le donne che passavano le giornate tra i fornelli tra maioliche e ceramiche di Caltagirone, utilizzando quello che portavano di fresco i contadini dalle campagne e dando quel tocco in più personale ed inimitabile.
Ricucùricò…. RIso-CUCUzza(zucca)-RICOtta , buono, semplice, confortevole e ricco…sostanzioso tanto da averlo mangiato a cena come piatto unico. Maritozzo non ricordava di averlo già mangiato, ma gli è piaciuto tanto quanto quelle volte che lo abbiamo gustato a casa della Signora Giuliana che è una maestra in cucina e soprattutto ha una memoria storica di tutte le ricette bellissime siciliane che si preparavano e si preparano tuttora nella sua grande e bellissima cucina antica!!!


Questa ricetta per le (st)renne gluten free è perfetta, peccato che non posso gareggiare 




RICUCÚRICÓ (da “ Quaderno della Felicità” di Giuliana Spadaro di Passanitello ed. Giuseppe Bonanno)

1 cipolla media
1 noce di burro
2 cucchiai di olio EVO
2 chiodi di garofano
1 pezzetto di cannella
5-6 grani di pepe nero
Sale
500 gr zucca
300 gr di ricotta
200 gr riso Carnaroli
½ lt di brodo di carne
40 gr di Cacio(o pepato, o scamorza) grattugiato a scaglie
Pistacchi di Bronte (sminuzzati al coltello)

Fate rosolare leggermente la cipolla tritata nell’olio e nel burro. Aggiungete la zucca tagliata a cubetti e il pesto ottenuto pestando i chiodi di garofano, la cannella, il pepe e il sale. Dopo circa un quarto d’ora versate il riso e fate cuocere bagnando con metà del brodo per circa 20 minuti. Finite il brodo, perché la consistenza finale deve risultare più liquida di un comune risotto.
Intanto in una terrina lavorate la ricotta con una forchetta e un cucchiaio di brodo. Tenete la ricotta a bagnomaria per intiepidirla. Aggiungetela al riso , versate in una zuppierina e guarnite con le scaglie del formaggio e i pistacchi, tagliati al coltello.




English version

This a traditional soup from a Sicilian family and I had the lucky to taste it made from the lady who wrote a little recipes collection. She got a beautiful old kitchen the same where she , when she was a child, learnt to cook with servants, she learnt old tips and ancient way to cook. I helped her to cook sometimes in her kitchen and it was as I was in her past!!
RI(RIso=rice)CUCU(cucuzza-zucca=pumpkin)RICO(RICOTTA cheese).. that’s easy….. J

This is my “reindeer” recipe for my Thursday!!!



RICUCÚRICÓ (by “ Quaderno della felicità” Giuliana Spadaro di Passanitello)

1 medium onion
1 knob of butter
 2 Tbsp of  EVO oil
2 cloves
1 piece of cinnamon
5-6 black peppercorns
salt
2 cups diced pumpkin
1 cup  Ricotta cheese (cottage cheese)
1 ½ cup  Carnaroli rice
 2 cups  of broth
40 g  cheese flakes (caciocavallo or scamorza)
Pistachios from Bronte(chopped with a knife)

Brown chopped onion lightly in butter and oil. Add the diced pumpkin and pesto getting pounded cloves, cinnamon, pepper and salt. After about fifteen minutes add the rice and cook dipping half of the broth for about 20 minutes. Add broth because the final consistency should be more liquid than a common risotto.
Meanwhile in a bowl mix  ricotta cheese with a fork and a spoon of broth. Add it to the rice, pour in a soup bowl and garnish with shavings of cheese and pistachio cut with a knife.

Have a sunny special day, 


                                           Flavia  

26 commenti:

  1. Oooops mi sono persa il resto del commento .. btw non conoscevo questa ricetta, dev'essere squisita, adoro tutte queste spezie e profumi, e i pistacchi, wow!!Mille baci friend

    RispondiElimina
  2. é bellissima! e il nome è fantastico!
    Buona giornata
    Vale

    RispondiElimina
  3. Davvero originale!complimenti!

    RispondiElimina
  4. Ma che nome simaptico che ha questo piatto mi piace prorpio il suono ma anche il piatto stesso che è saporitisssimo e gustoso!!bacioni,Imma

    RispondiElimina
  5. Ecco svelato il segreto. Mi piacee questo piatto, soprattutto perchè mi sa di quei piatti che ti scaldano il cuore. E brava la nostra siculo-bolognese :D
    Baciotti

    RispondiElimina
  6. originale sia nel nome che negli ingredienti, mi sembra moooolto gustosa!!!

    RispondiElimina
  7. Il nome sembra rumeno..come la zuppa di Stefania, ma il profumo é tutto Siciliano...a quanto mi piacciono queste mine(st)renne...

    RispondiElimina
  8. Dal nome non avrei mai capito che cosa e', ma dopo aver letto la ricetta non ho dubbi che sia buonissimo!

    RispondiElimina
  9. Bella questa ricetta, molto particolare, non la conoscevo...ma mi sembra di sentirne il profumo! Un bacione!Smack!

    RispondiElimina
  10. voglio quel libro, Flavia, assolutamente LO VOGLIO... ma tu hai potuto mangiare questa minestra direttamente dalla cucina della sua autrice? E' una figata cosmica, davvero...
    ciao
    ale

    RispondiElimina
  11. mizzica che bel piattoooo Flavia sei un mito!!! Ma lo sai che il nome mi ha incuriosita parecchio e mai e poi mai sarei arrivata a spiegarlo? Mai provato comunque l'abbinamento con la ricotta, è proprio da fare.
    Grazie!
    Bacio
    PS ma l'hai visto il mio post di ieri sulla tua bacheca? ihihihih

    RispondiElimina
  12. ...pensavo proprio lo stesso: voglio quel libro e sfogliarlo dopo che ho fatto il bis a questo RICUCÚRICÓ! Immagino già il crocante del pistacchio con il morbido della zucca! Che buono!


    beeeeeeesssssos!

    RispondiElimina
  13. grandiosa!!!!! questa minestra contiene tutto quello che piace a me :))))))))

    RispondiElimina
  14. Ciao, "Cuocicucidici" è su "BlogImportanti"

    RispondiElimina
  15. Anche a me il nome ha incuriosito parecchio, che bel piattone e che bel libro!!!!
    Baci baci Deborah

    RispondiElimina
  16. Incuriosita da questo nome ho letto la ricetta e...che bontà! un piatto davvero gustoso!

    RispondiElimina
  17. Dirti che questa zuppa così ricca di aromi mi tenta tantissimo mi sembra superfuo, invece voglio chiederti: la prossima volta si può avere un nome più semplice?..:-DDD
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  18. Ma troppo buono questo piatto non lo conoscevo!

    RispondiElimina
  19. Per gli altri è una vera fortuna che tu non possa partecipare... :DDD

    RispondiElimina
  20. Oh, this looks so fabulous...perfect for this chilly weather. Love the shavings of cheese on top :)

    RispondiElimina
  21. Bella bella bella e strabuona sicuramente!!! Mi spiace che tu non possa partecipare, ma sono felicissima che tu l'abbia postata comunque così provo a farla sicuramente...adoro ogni singolo ingrediente, quindi so che non si può sbagliare!!! Grazie Flà!!!
    Mille mega bacioni
    Ema

    RispondiElimina
  22. un'autentica...raffinata prelibatezza! da provare sicuramente! grazie Flavia <3

    RispondiElimina