giovedì 5 marzo 2015

LA RICETTA DELLA SFIDA DI MARZO 2015 è ...




                      Scroll down for the English version of recipe

La Pasta Brisée di Michel Roux nelle torte salate.


A me sembra impossibile! Io ho vinto MTC??? Ma siete sicuri??? Annarita , Alessandra…confermate?? È la vostra risposta definitiva?? l’accendiamo??
A quanto pare sono sicuri… a quanto pare non sto sognando… a quanto pare mio marito ha smesso di prendermi in giro dicendomi ad ogni ricetta e ogni sfida :”tanto non vinci!”.
Ecco davvero io Domenica scorsa fino alle 21.00 ero tranquilla e serena e stavo già preparando il post per la  community MTC con scritto “ Congrats” con il link al post sul vincitore, quando dopo il titolo ho fatto scorrere verso il basso l’immagine e mi è spuntata la cima delle campanule bianche che adesso godono la Primavera sul mio balconcino della cucina…. E credetemi ho seriamente pensato “Ma siamo a Marzo, mica al Primo di Aprile ….ma  che scherzi sono questi???” e non sono andata più giù di quel bordo di campanule a controllare se la ricetta vincitrice fosse realmente la mia.
Non sono saltata sulla sedia, non ho cominciato a strillare, non sono svenuta, non ho avuto l’impellente esigenza di correre in bagno….. è semplicemente successo quello che mi capita quando avviene qualcosa in cui bisogna avere il sangue freddo… tipo il cane sotto alla macchina (e mi è successo), il bambino di 2 anni che si è riempito il naso di micro palline di carta e poi se ne è andato a dormire (non ho figli, ma mi è capitato anche quello!!!) o tipo come quando accompagni un’amica a consegnare una torta bellissima ad un evento importante e tempo tre secondi ..la torta cade dal sedile dell’auto e ti ritrovi a combattere con un’amica isterica che scappa fuori dalla macchina urlando come una pazza per strada e te che in un secondo netto sai già cosa devi fare (anche questo mi è successo), insomma mi sono comportata  come tutte quelle volte  in cui succede che tutti iniziano a non capire un bel niente (non devo scrivere parolacce, lo so), che corrono a destra e sinistra senza in realtà essere di nessun aiuto, ..ecco io in quei momenti rimango impassibile, fredda ed eseguo quello che si deve fare in certi casi …usare il computer nella scatola cranica e prendere il cane di 35 kg in braccio e correre a piedi dal veterinario (che a quei tempi neanche si sapeva cos’erano i telefonini cellulari), andare a rovistare nella borsa in cerca della pinzetta per le sopracciglia, per le palline di carta nel naso…. O avere in mente la lista di quello che servirà per recuperare la torta a forma di cappello dei pompieri Americani … . Tutto qua…ma il Primo Marzo Duemilaquindici ore 21.00…. il computer nella mia scatola cranica aveva solo una comando da dare : farmi alzare dalla sedia, passare dalla mia postazione in cucina  a quella di maritozzo in sala, guardare colui spaparanzato sul divano e dirgli: HO VINTO MTC E ORA NON POTRAI PIÙ PRENDERMI IN GIRO (non ho usato esattamente questa parola, ma qualcosa mi dice che siete più dei soliti 4 gatti- favolosi e meravigliosi  4 gatti- a leggermi oggi!!!!)!! …credetemi che queste sono le vere soddisfazioni nella vita!!! …per inciso il cane tornò a correre felice, il bambino si è svegliato il giorno dopo senza più trovare le sue palline di carta "NAScostee i pompieri  Americani hanno mangiato felici la torta, acclamando la mia amica come "the cake boss"!
Quindi alla fine ringrazio veramente tanto Annarita ed Alessandra per avermi dato la possibilità di pronunciare questa frase a maritozzo.. perché  sono anche frasi come questa che cambiano gli eventi.. perché  va bene il pane, va bene il tempu, ma soprattutto la “pacenzia” alla fine PREMIA!!!!
Notaio metta agli atti: Il Primo Marzo Duemilaquindici alle 21.00 ho vinto l’MTChallenge, e il Primo Marzo Duemilaquindici alle 21.14 in chat con Alessandra dopo la mia frase di apertura “ e ora???” avevamo la ricetta della sfida n. 46.

Ora veniamo alla ricetta e alla mia scelta: fondamentalmente credo che MTChallenge sia stata ed è davvero una scuola di cucina per tutti noi, spesso o quasi sempre, come nel mio caso,  abbiamo imparato da altri, in altre occasioni noi  stessi abbiamo dato qualcosa alla sfida, da ogni ricetta abbiamo attinto idee, metodi e conoscenze, abbiamo finalmente osato andare alla ricerca di quel particolare ingrediente che non osavamo comprare, abbiamo assaggiato alimenti che forse senza lo stimolo MTC non  avremmo minimamente provato…. Quindi credo che spesso in una scuola si debba pensare anche alle “basi” e la Pasta Brisée a mio parere lo è e anche  il modo di cuocerla lo è …. Sembra facile, ma sapevate che esistono due tipi di Brisée diverse??? E Sapevate che il trucco per una Quiche dalla base cotta bene va  fatta in bianco?? Sono tutte conoscenze, a mio avviso, che grazie a MTC e alla redazione saremo in grado di trasmettervi quanto prima.
Ho scelto la Pasta Brisée di Michel Roux, perché fino ad ora non mi ha mai delusa nelle sue ricette, e perché lo ritengo seriamente un maestro in materia, e ho scelto “questa” pasta Brisée con l’uovo, perché a differenza di quanto si pensa anche questa è la Pasta Brisée, ed è molto usata in Francia, patria delle Quiche.
Per la sfida n.46  e il regolamento  vi rimando a MTChallenge e vi chiedo seriamente  di leggere molto bene le regole perché di primo acchito tutto vi sembrerà facilissimo, ma sappiate che vogliamo la foto dell’impasto prima di essere steso, la foto in primo piano della fetta tagliata, fossero anche delle micro quiche o tarte salate di 2 cm di diametro, che se quiche deve essere deve avere l’ “appareil” (base del ripieno costituita da panna e/o latte e uova), mentre se è una tarte salata no (con la base delripieno costituita da formaggi e/o da salse o anche da ingredienti diversi nel caso vogliate scegliere la carne o il pesce), e soprattutto desideriamo delle ricette che non siano “svuotafrigo”, ma che vi sfidino realmente sugli abbinamenti e sugli equilibri! Vi sfidiamo nella sfida … siate Gourmet!
E soprattutto ricordate che la BASE deve essere la PASTA BRISÉE di Michel Roux
BUONA SFIDA  MTC 46 A TUTTI!


PASTA BRISÉE di Michel Roux

250 g di farina
150 g di burro, tagliato a pezzettini e leggermente ammorbidito
1 cucchiaino di sale
Un pizzico di zucchero
1 uovo
1 cucchiaio di latte freddo
Versate la farina a fontana sul piano di lavoro. Mettete al centro il burro, il sale, lo zucchero e l’uovo, poi mescolateli e lavorateli con la punta delle dita.
Incorporate piano piano la farina, lavorando delicatamente l’impasto finché assume una consistenza grumosa.
Aggiungete il latte e incorporatelo delicatamente con la punta delle dita finché l’impasto comincia  a stare insieme.
Spingete lontano da voi l’impasto con il palmo della mano, lavorando di polso, per 4 o 5 volte, finché è liscio. Formate una palla, avvolgetela nella pellicola e mettetela in frigo fino all’uso.
-La Pasta Brisée si conserva benissimo in un contenitore a chiusura ermetica, per una settimana in frigo e fino a tre mesi in freezer.




RIVESTIRE UNA TORTIERA    
        
-Infarinate leggermente il piano di lavoro (meglio se di marmo) e il mattarello. Stendete la pasta con colpi leggeri e pressione regolare, ruotandola di 90° e girandola di tanto in tanto, per evitare che attacchi e facilitare l’aerazione. Continuate così fino a ottenere le dimensioni e la forma desiderate.
Usate il mattarello stesso per misurare la vostra tortiera. Se usate un anello, appoggiatelo sulla carta da forno. Stendete l’impasto con un diametro di 5-7 cm superiore a quello della tortiera, in base all’altezza. Sollevate la pasta sul mattarello e srotolatela sullo stampo.
Rifilate la pasta in eccesso col coltello o passando il mattarello sulla tortiera. Premete una pallina di impasto sul bordo per alzarlo un poco. Lasciate raffreddare in frigo per 20 minuti perché non si crepi durante la cottura.
Prima di cuocere in bianco o di versare il ripieno, bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta per far fuoriuscire l’aria.
-Se utilizzate degli stampini, con un tagliabiscotti delle giuste dimensioni o seguendo il profilo di un piatto, ricavate dei dischi per rivestire gli stampini singoli. In base alla profondità degli stampi, l’impasto dovrà avere un diametro maggiore di 4-7 cm di quello degli stampi. Mettete i dischi di pasta negli stampini e premete delicatamente con le dita per farli aderire e creare un bordo leggermente sollevato.
















COTTURA IN BIANCO DELLA PASTA BRISÉE

-Rivestite il guscio di pasta con la carta forno e riempitelo con uno strato di pesi ( dai pesi in ceramica da forno, ai fagioli o ceci secchi, o riso) che tenga schiacciato l’impasto  evitando che si gonfi in maniera non uniforme.
Cuocete “in bianco” nel forno alla temperatura indicata dalla ricetta (di solito 180°-190°C) per il tempo previsto, poi togliete i  pesi e la carta e rimettete in forno perché la pasta si asciughi e colori. Se il guscio non tornerà in forno per la cottura del ripieno, deve essere completamente cotto.

-Per la cottura in bianco negli stampini piccoli, possono essere coperti di carta forno e pesi (come sopra) o con uno stampino delle stesse dimensioni. Anche in questo caso dovete rimettere in forno i gusci per 5-10 minuti dopo aver tolto il “rivestimento” perché la pasta si asciughi e si colori.



QUICHE LORRAINE di Michel Roux (da “Frolla&Sfoglia”)


Per uno stampo di 28 cm di diametro o 6 stampini da 10 cm

375 g di pasta brisée
140 g di pancetta tesa dolce in un’unica fetta
1 uovo
3 tuorli
300 ml di panna densa* , panna fresca
Un pizzico di noce moscata
Sale e pepe macinato al momento
140 g di Gruyère grattugiato

Stendete la pasta di 2-3 mm di spessore. Rivestite una tortiera (o 6 stampini) (io ho usato una tortiera dal fondo rimovibile e non ho avuto bisogno di imburrare, infarinare lo stampo e nemmeno di rivestirlo con carta forno) come spiegato sopra e mettete il frigorifero per 20 minuti.
Scaldate il forno a 190°C. Bucherellate il fondo del guscio di pasta e cuocetelo in bianco, per 15 minuti. Abbassate la temperatura a 170°C, togliete i pesi e la carta e rimettete in forno per 5-10 minuti. Lasciate da parte mentre preparate il ripieno.
Tagliate la pancetta a striscioline o dadini.
Preparate l’ “appareil”  mettendo l’uovo e i tuorli in una ciotola, incorporate la panna densa* con la frusta ed insaporite con noce moscata, sale e pepe. Distribuite la pancetta e il formaggio grattugiato sul guscio e coprite con il composto di uova fino al bordo. Infornate per circa 15 minuti.


Sformate la quiche su una griglia trasferite su un piatto da portata e servite.

*per la panna densa: basta semi-montare la panna fresca con le fruste.


English version
 


This is a great, all-purpose dough that can be used to make savoury or sweet tarts that call for a somewhat flaky crust. This dough must be chilled completely for at least one hour before rolling, but overnight is ideal.

Pâte Brisée
 Makes about 1 pound

1¾ cups all-purpose flour
⅔ cup unsalted butter, cut into small pieces and softened
1 teaspoon salt
Pinch of superfine sugar
1 large egg
1 tablespoon cold milk
Tip the flour on your counter and make a well in the centre. Place butter, salt, sugar and egg in centre of well and mix together using your fingers. Slowly incorporate flour into butter mixture, using your fingers, until a slightly sandy dough forms.
Using your fingers, slowly incorporate milk until dough begins to come together.
Using the palm of your hand, knead dough until smooth, 4 to 5 times (do not overknead the dough or it will be tough). Shape dough into a flat disk then wrap with plastic wrap and refrigerate until ready to use.

QUICHE LORRAINE by Michel Roux 
This recipe, in Michel Roux’s book "Pastry", is for a single large quiche, but you can also make individual ones. Just adjust the cooking times accordingly.
 
Roll out the pastry to a 2-3mm thickness. Sometimes easier said than done! But if you have a marble pastry board that will help to keep it cool. I’ve seen Michel Roux in action at the Waterside Inn. He begins by removing all rings from his fingers. He will tell you that little particles of grease or dirt can hide under a ring – not good with pastry!
Dust your work surface with flour. And then use light strokes and apply even pressure to roll out the pastry, giving it quarter-turns and flipping it over like a pancake. This will prevent it from sticking and helps to keep it aerated.
You need the pastry to be 5-7cm larger all round than the tin and then lift the pastry on the rolling pin and unroll it over the tin. Lightly press the pastry into the edges of the tin and into the flutes. Trim off the excess by rolling the pin over the tin and then press a ball of spare pastry around the sides to lift the edges slightly and then make a pastry border with your fingers. Now prick the base all over with a fork to release any trapped air and chill for another 20 minutes.
Pre-heat the oven to 375° and blind bake for 20 minutes. You don’t want a soggy bottom. The pastry should be crisp and cooked. So if using an ordinary oven, place the quiche tin on a preheated baking tray. Remove the greaseproof paper and baking beans and cook for a further 5-6 minutes. Leave the tin and set aside to cool while you prepare the filling.

10 Rashers thick cut smoked bacon, cut into lardons.
1  cup Gruyere cheese
1 large egg
3  medium eggs yolks
1 1/2 cup  Double cream
Pinch of grated nutmeg
Cover the base of the quiche with the pieces of ham and 140g Gruyère cheese and prepare the custard in a bowl by whisking three egg yolks plus one egg and 300ml double cream and season with a good pinch of nutmeg, salt and freshly ground black pepper and fill to the brim with the egg mixture.
Finally, grate some more nutmeg over the top and bake in the oven at 340°F for about 25 minutes until golden brown and firm.


100 commenti:

  1. Felicissima meee!!!
    E felicissimo anche il marito, sallo.
    Spero proprio di riempirti di torte salate, quiche e quant'altro la mia mente malata vorrà produrre!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ooooh questo è lo spirito che mi piace!

      Elimina
  2. Yeahhhh che il mese della Briseè abbia iniziooo!!!

    RispondiElimina
  3. hai fatto felici tutti lo sai vero? grazie Flavia!! Non ti deluderemo, vedrai....buon MTC!!

    RispondiElimina
  4. Sono molto molto contenta Flavia adoro la brisée e faccio quiche in mille modi, sono contentissima...grazie cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto che ho pensato anche a chi non mangia la ciccia?

      Elimina
  5. Bella questa sfida!!! Non ho ancora trovato la mia pasta brisè perfetta..chissà che non lo sia questa di Roux! Io di solito usavo acqua gelata ma vedo che qui non c'è traccia...proveremo!! ;-)
    Complimenti per la vittoria e buon lavoro!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiara, io l'ho trovata ottima proprio da lavorare prima ancora di mangiarla

      Elimina
  6. Prevedo, senza neanche sforzarmi troppo, torte salate come se piovesse.....!!!!!
    Bellissima sfida, e devo dire che sei stata moooooooooooooolto umana!!!!!
    Stamattina andando al lavoro mi sono trovata a pensare "Uh Signur, chissà cosa tireranno fuori la Flavia e la Elisa....." ahahahahah!!!! Panico da prestazione inadeguataaaaa!!!! :-DDD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io spero arrivino versioni e ricette come se piovesse significherebbe che questa sfida vi ha intrigato parecchio e ne sarei gelice

      Elimina
  7. Flavia bellissima proposta
    È vero le basi della cucina a volte vengono date per scontate ........ giustissimo approfondire e poi Roux è bravissimo e il suo libro per me è un manuale .......
    La brisee sul tuo bellissimo piano di marmo è molto bella direi che è stato inaugurato von il botto ........ vittoria e ricetta superba
    Bravissima e grazie
    Manu

    RispondiElimina
  8. Wow!!! Grandissima Flavia!!! Spero di riuscire a partecipare con più di una ricetta perché mi strapiace!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E concordo ROUX è un vero maestro per queste cose

      Elimina
    2. Rispondevo a Manu sopra e non so cosa sia ccaduto! sarai e io aspetto tutte le cose versioni a braccia aperte, purtroppo non mi arriveranno a casa sigh

      Elimina
  9. FANTASTICA, FANTASTICA, FANTASTICA FLAVIA!!!!
    Io ADORO le basi di cucina e non potevi farmi più felice di così, visto che finora ho considerato come vera brisée solo l'impasto senza uova e neanche mi sono fatta sfiorare dal dubbio che in Francia potesse essere vero il contrario.
    La sfida è molto meno semplice di quanto non sembri, e manco a dirlo è molto appassionante.
    GRAZIE!!!!!

    P.S.: la scena dell'amica che scende dalla macchina urlando come una pazza mi ha fatto morire dal ridere: avrei voluto essere lì!!!! E con te non avevo dubbi che la torta sarebbe stata recuperata alla stragrande!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si la penso come te sulla sfida, sembra facile...... 😉.....mentre per la scena dell'amica te la mimo appena ci vediamo....ed è vero si rizzano i capelli in testa sul serio..peccato non aver fatto una foto

      Elimina
  10. Flaviaaaaa, ti adoro, verrei a baciarti dalla gioiaaaaaaa!!!!!
    ....e mo son tutt...e torte tue!
    E quante!!!!!
    ...rigorosamente all'ultimo minuto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vitto ...io ti aspetto impaziente ...con tutte le versioni che vorrai

      Elimina
  11. Cara mia bella, tu avresti dovuto vincere da mo!
    splendida idea la pasta brisèe mi piace molto.
    Grazie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio momento evidentemente era questo e va benissimo così....dovevo farmi le ossa

      Elimina
  12. Risposte
    1. Grazie Francesca ..... Grazie mi fa piacere

      Elimina
  13. A parte che sono troppo contento per la tua vittoria, mi immagino la tua faccia seria all'apprendere la notizia e rido ahahah
    "nascoste" poi, va be', io apprezzo queste cose, lo sai :-D
    E ora a leggere bene il regolamento e via con la sfida!
    In bocca al lupo, terzo giudice! :-D

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fabio..... Qua do ho pensato " NAScoste" indovina chi mi è venuto in mente? E comunque .... Sono pronta alla sfida!!

      Elimina
  14. Flavia,
    te l'ho già detto di là e te lo ripeto qui. Ci sarà da divertirsi (e io ho già imparato qualcosa alla sola prima lettura della ricetta)!
    grazieee

    RispondiElimina
  15. et voila che la Baker mi ha tolto l'incubo della "panna densa"....che tutte le volte che leggo questa dicitura nel libro di Roux esco pazza perchè non so come uscire dall'inghippo se non infilando un goccio di panna da cucina (che notoriamente non va usata, è mal vista, non è ben accetta, non è politicamente corretta...fate un po' voi...). Ora, porca pupattola....la soluzione era così lampante: la panna semimontata. Ma tu guarda che non ci avevo mai pensato.
    Baker sei un mito, oltre che un'amica e l'MTC si conferma, per l'ennesima volta, una fucina di piccoli ed utili segreti. Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mito per la panna densa è uno chef che mi spiego la dritta qualche ànno fa e riconosco deh la differenza c'è e si vede pure!! grazie Giulietta...un'altra cosa bellissima dell'MTC è aver conosciuto tante persone belle come te ed essere diventati amici

      Elimina
  16. oggi impasto subito, domani penso a come riempirla!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi. Baker americani diciamo. So PROUD of you , grazie

      Elimina
  17. Grande,grande, grandiosissima... Adoriamo le torte salate!!! E tutto il tuo intro sulla vittoria... Ci ha fatte morire dal ridere!!!! ;D

    RispondiElimina
  18. Flavia non potevi farmi regalo più grande!! C'è solo limbarazzo della scelta. Grazieeeee!!! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alessandra... Guardavo le tue splendide Tatin e pensavo....si mangerà le mani ahahahahahah. Sono contenta che questa sfida ti piaccia tanto

      Elimina
  19. La pasta e in frigo 😍 domani faccio il resto

    RispondiElimina
  20. Contenta della scelta! Bellissima sfida!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazieeeeeeee.... E non sai come vi aspetto tutti al varco

      Elimina
  21. Flavia sono molto felice che tu abbia vinto!! E il tuo racconto mi ha fatto troppo ridere...non c'è prezzo alla soddisfazione di dire che si è vinto a un marito/compagno che ci prende in giro!! :-D
    Bella scelta, io devo imparare tanto e quindi se si parla di basi sono felice. Ogni volta che vedo una nuova sfida penso a quanto mi sono persa nelle prima 42 puntate (sono proprio una novellina...) e mi mangio le mani. Ma prima o poi rifarò tutte le ricette dell'MTC dall'inizio..è un sogno...
    Intanto, metto in moto la fantasia... :-)
    A presto!
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alice.... Non saprei dirti sinceramente qual è la sfida che mi ha entusiasmata di più perché sinceramente sono state tutte belle, importanti ..legate ad un periodo, una stagione, a dei ricordi....quindi davvero il comune denominatore di tutte le sfide sicuramente è stato il ricevere lezioni di cucina e anche di amicizia con allegria! Intanto ti dico che come community nei periodi " fermi" dell'MTC riproponiamo le E-saltate e cioè chi vuole fa le sfide saltate in passato..... Inizia a spulciare che sembra lontano ma luglio arriva presto

      Elimina
  22. scelta grandiosa, lo scrivo pure qui... sono felicissima della tua vittoria!
    ed ora iniziamo a "cogitare"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sai quanto tutto il vostro entusiasmo per la scelta mi renda felice...grazie

      Elimina
  23. Complimenti alla meritatissima vincitrice! Che bello anche il tuo racconto, mi hai fatto sorridere. Accolgo la sfida e mi impegnerò al massimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Così mi piace..... Affrontate la sfida sicuri...di divertirvi e di cucinare qualcosa che vi piacerà

      Elimina
  24. Questa volta ho un unico dubbio....e la mia dieta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho la risposta pronta: dieta? Perché soffrire quando si può evitare di farlo?

      Elimina
  25. Complimenti cara. Per la vittoria e per questa splendida ricetta (anche per me l'MTC è una scuola...ma dubito che ne vincerò mai uno...e un po' lo spero!!)
    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara mia è qui ti sbagli.... Io ne sono la prova lampante..... Ho sempre seriamente pensato che non avrei mai mai vinto MTC e...invece eccomi qua ...ed è veramente bello e non pensavo

      Elimina
  26. Ricetta splendida!!! Lo dico anche qui, mi hai resa felice!!!!
    E complimenti per la vincita, super stra meritata!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai fatto la mia " settiman" o come diciamo noi Baker ...... " you Made my day" anzi diciamo tutto il mese di Marzo .....

      Elimina
    2. Volevo dire che noi Baker diciamo " you Made my week" ...ma anche tutto il mese di marzo..perché cosa c'è di più bello che render felici gli altri?

      Elimina
  27. Bellissima sfida anche questa!!La penso proprio come te, da quando partecipiamo all'mtc ogni mese abbiamo imparato qualcosa di nuovo e la tua proposta rientra proprio in quest'ottica "scuola di cucina". Non vedo l'ora di iniziare a produrre!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E come dicevo più su io non vedo l'ora di vedere che sfornerete voi splendide me ti dell'MTC.....

      Elimina
  28. Prima di tutto complimenti per la vittoria!! Secondo:mi piace da pazzi questa sfida e spero di essere all'altezza perché anche se é vero che le quiches son la mia passione e la brisée pure,e le faccio spesso...qua il livello é sempre molto alto e essere all'alteza non é facile.
    Vera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il bello di questa sfida...è che per prima cosa noi sfidiamo noi stessi ad ogni ricetta.... E sono certa che anche tu farai grandi cose

      Elimina
  29. Felicissima della ricetta, della sfida, e soprattutto che tu abbia finalmente vinto, alla faccia di maritozzo ;)

    Ti chiedo una cosa qui (ma non è una domanda da filo diretto, credo).. cosa vuol dire "Premete una pallina di impasto sul bordo per alzarlo un poco"? Vedo che la pasta mentre prima era a filo con il bordo, dopo è più alzata, ma come si fa, che mica l'ho capito (e sì, puoi dirmi che sono rincoglionita!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora intanto grazie! Poi premere una pallina di impasto ( avanzato) all'interno dei bordi dell'impasto, serve a far aderire bene la brisêe ma anche a tirare su un po'

      Elimina
    2. L'impasto steso rispetto al bordo, come si vede in una delle foto, questo perché una volta che va cotta, la pasta tende a restringersi e quindi ad abbassarsi.... È diciamo un trucchetto che ci svela ROUX

      Elimina
  30. bellissima sfida!! bellissima ricetta!!! la scuola di cucina continua!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi di si...di certo imparerò anche io da tutti voi .... Per le ricette che già state meditando e che voi fortunati vi mangerete!

      Elimina
  31. Sono esattamente come te, mentre gli altri annaspano io riorganizzo le idee - per me e per loro - e faccio funzionare il cervello, le mani e le gambe, il più velocemente ed efficacemente possibile. L'ho capito presto, forse troppo: avevo 13 anni, mio padre cadde da una scala a pioli da un paio di metri di altezza a casa di parenti, e mentre mia madre e altre persone presenti cercavano di realizzare cosa fosse successo io ero già al telefono con il 118. E non lo dico perchè hai vinto, dopo 45 sfide, la sfida più bella del web, meritando ogni lode e ogni complimento. Non conosco tutti i membri della community, nonostante partecipi da Ottobre 2011, ma tu sei sempre stata una di quelli che ho sempre avuto ben presente, un punto fermo, ecco... e sono contentissima della ricetta che hai proposto, l'MTC è una bellissima scuola di cucina e come ogni scuola che si ripetti bisogna avere ben forti le basi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per le belle parole e mi emoziono...troppo gentile..... C'è da dire che dopo, quando tutto passa, quando realmente realizzo quello che sarebbe potuto essere se ..... Ecco in quel momento so che posso crollare ...ben sapendo che ce

      Elimina
    2. L'abbiamo fatta!! Ti aspettoooooo

      Elimina
  32. In ritardissimo ma non potevo mancare... per dirti che... sono felicissiiiiiimaaaaaaaa :)))
    Le più belle sfide sono quelle che insegnano le basi, dalle quali poi partire per sbizzarrirsi. E sono contenta di imparare un tipo di brisè che non ho mai fatto prima (non avevo mai fatto visto che l'ho fatta proprio oggi :))
    Una sfida mitica già prima di cominciare, come sapevo sarebbe stata quella che avresti proposto tu. E lo si capisce già dal post con cui hai aperto le danze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mari proprio oggi ho fatto una brisè senza uovo ma con un paio di cucchiai di aceto di mele...ci sono tante di quelle versioni, culture...che è così bello imparare!! Non vedo l'ora di vedere cosa state creando...e mangiando!

      Elimina
  33. Arrivo anche qui, in stra-ritardo, per dirti sei una GRANDE! Mi hai fatto morire ad inizio post, sì è tutto vero la vincitrice sei TU! a quest'ora avrai già ampiamente realizzato e penso che un pochino di "self control" l'avrai perso :-))))))) Oltre ad essere contentissima della tua stra stra stra meritata vittoria, sono contentissima per la tua scelta di ricetta. Le basi sono importantissime e a me personalmente mi mancava la brisée, e in generale un "ripasso" di questi impasti (brisée italiana, francese, frolle e compagnia :-))
    Sarà un mese straordinario!!!!!! un mega abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franca cara, credo che realizzerò .....dal 13 .... Che in community siamo tutti dei fete toni disgazziati e se non ci divertiamo come matti non siamo contenti!!

      Elimina
  34. Finalmente passo! Ancora complimenti donna dal sangue freddo...voglio proprio vedere come stavi in quel momento, altro che tranquilla, secondo me hai iniziato a vagare per casa urlando "MIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII", pisciandoti sotto dalle risate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Cri.....davvero...quelle cose mi capitano solo se alla porta mi ritrovo mia cognata con la faccia annerita da una spessa coltre di cacao in polvere! Ahahahahah

      Elimina
  35. È la seconda volta che non trovo il mio commento...ho già detto che detesto i cellulari?
    Comunque volevo ringraziarti, ieri in anticipo, ma stasera a ragion veduta, cena apprezzatissima dai pargoli grazie alla tua ricetta.
    Ed è sempre un piacere pensare a quanto questa vita virtuale entri poi prepotentemente nella vita reale e, pensa un pò, anche nel ricordo delle cene e dei pranzi che accompagneranno i miei figli.
    L'Mtc non finisce mai di regalare sorprese.
    Ti divertirai da matti, già me lo sento, questo mese.

    Baci

    RispondiElimina
  36. MA...non avevo ancora commentato? uhmmm!
    Comunque, a parte le mille congratulazioni e i complimenti che ti meriti, ti ringrazio per questa sfida!
    Adoro Roux e la sua brisée (e QUEL libro) sono la mia bibbia e non vedo l'ora di ritagliarmi il tempo per preparare qualche nuova torta salata grazie ai tuoi consigli!

    RispondiElimina
  37. E' la seconda volta che mi prendo per tempo e non arrivo sul filo di lana, però questa volta spero di poter fare il bis .........
    per il momento ecco la mia

    Torta salata al radicchio e cipolle con sarde ed uvetta

    Grazie per la splendida proposta

    RispondiElimina
  38. baker ne ho almeno altre due in testa sallo!!
    per ora accontentati di un classico di casa mia
    http://www.sosidolcesalato.com/2015/03/quiche-carciofi-salsiccia.html

    RispondiElimina
  39. sono ancora sen a adsl qui dopo il trasloco
    speriamo arrivi presto io mi metto All opera.
    ho fatto la scorsa sfida sugli scatoli vuoi vedere che mi perdo questa
    un bacio a presto

    RispondiElimina
  40. Eccomi!!! :)))

    http://lasagnapazza.blogspot.it/2015/03/torta-salata-bicolore-alle-tre-rape.html

    RispondiElimina
  41. Ciao Flavia. Come mai l'unica quiche che non ha un tuo commento é la mia?...:'(...tanto brutta é?...:'(...Piú che altro mi sorge un dubbio:non é che avrai creduto lasciare il commento e per qualche motivo io non l'abbia trovato? Ho controllato anche la spam ed é vuota,peró... Boh...Io ti aspetto fiduciosa :-)
    Un abbraccio
    Vera

    RispondiElimina
  42. Fatta!!! Le brisè non mi fanno impazzire ma grazie mille, perchè questa è fantastica!!

    http://www.cucinandoassaggiando.com/2015/03/quiche-con-agretti-peperoni-arrosto-e.html

    RispondiElimina
  43. Ciao Flavia!
    Eccomi http://lacucinateorica.blogspot.it/2015/03/tortino-di-grano-saraceno-con-bis-di.html
    Ciao Isabel

    RispondiElimina
  44. La tua bellissima proposta mi ha fatto fare il tris
    quindi per festeggiare l'eclissi e la nostra splendida Italia ecco i miei profumi

    Tarte di mare al finocchietto con alici e tarte di montagna di segale e carvi con patate, speck e confettura mirtilli rossi

    Grazie Manu

    RispondiElimina
  45. Ciao Flavia! Here's my second....andale andale!!! :)))))
    http://lacucinateorica.blogspot.it/2015/03/fiesta-taco-pie.html
    Ciao Isabel

    RispondiElimina
  46. Cuanto se aprende con estos desafíos!!
    Saludos
    Blanca de JUEGO DE SABORES

    RispondiElimina
  47. cara giudice, questa è veramente tuuuutttttta proprio apposta per lei: http://acquavivascorre.blogspot.it/2015/03/quiche-di-cipolle-banane-e-funghi-solo.html

    RispondiElimina
  48. dopo averne perse due di fila, non potevo saltare la tua!!!
    http://lagaiaceliaca.blogspot.it/2015/03/due-tarte-salate-due-al-radicchio-e.html

    RispondiElimina
  49. Ancora tanti complimenti per la vittoria!

    ecco...questa è SOLO la prima :)

    http://sexandgiuliaskitchen.blogspot.it/2015/03/brise-royale.html

    RispondiElimina
  50. e due..e oggi vado di terza...forse
    http://www.sosidolcesalato.com/2015/03/quiche-saporita.html

    RispondiElimina
  51. http://www.cookingwithmarica.net/quiche-alla-cipolla-e-fiori-di-zucca-con-base-di-michel-roux/
    Ecco la mia, le farei tutti i giorni se potessi, adoro le quiche, ciao Marica

    RispondiElimina
  52. Ti sono debitrice di tante cose.
    Però non ho ancora deciso se "da oggi in poi fare la pasta brisée sarà facile come bere un bicchier d'acqua" va inserita nell'elenco delle cose positive o negative. :D

    http://ilsorrisovienmangiando.blogspot.it/2015/03/pastiera-si-ma-salata.html

    Sono felice che si siano create le condizioni giuste per partecipare alla TUA sfida. Sei una persona generosa, ci tenevo a fare il mio piccolo per onorarti.
    Grazie, di tutto! :*

    RispondiElimina
  53. E' stata un po' una lotta contro tutto e contro il tempo, ma non potevamo mancare alla tua bellissima sfida, questa è la nostra ricetta :-)
    http://assaggidiviaggio.blogspot.it/2015/03/mtchallenge-di-marzo-la-pastiera-salata.html
    Annalù e Fabio

    RispondiElimina
  54. ciao...spero di non aver omesso nulla...la prima volta bellissima (per me) e buonissima per chi la mangiata....ma aimè, pasta in esubero,striscioline a mo' di crostata.... e la sottoscritta è stata rimandata ...rifare il compito corretto...
    un saluto Monica
    http://lacucinadimonica.blogspot.it/2015/03/quiche-con-broccoliuvettapinoli-e.html

    RispondiElimina
  55. Eccomi con le mie ultime proposte

    Tarte di mele al gorgonzola e quiche di porri e pancetta

    Grazie e buona scelta .............. ho visto delle vere meraviglie
    Manu

    RispondiElimina
  56. Buongiorno Flavia. Intanto la ricetta e domani il personaggio. Quiche nera con stoccafisso, alghe ed estratto di asparagi per la sfida #46 dell'Mtchallenge. http://www.lacucinadiqb.com/2015/03/quiche-nera-con-stoccafisso-alghe-ed.html?spref=tw

    RispondiElimina
  57. lo sai vero cara Flavia, che arrivo sempre all'ultimo perché mi piace chiudere la porta!?
    pesos ed ecco la prima... che il giorno non è finito!!
    besitos

    http://ilcoloredellacurcuma.blogspot.it/2015/03/tarte-al-baccala-e-carciofi-in.html#comment-form

    RispondiElimina
  58. Ciao!! Adoro il libro di Michale Roux, che ho sempre a portata di mano.
    Grazie per lo spunto che hai dato questo mese, mi sono davvero divertita
    http://www.dolcizie.com/2015/03/quiche-di-carciofi-alla-giudia.html

    Sara

    RispondiElimina
  59. Flavia, eccomi con la seconda...
    e non finisce qui!!!!

    http://ilcoloredellacurcuma.blogspot.it/2015/03/tarte-di-sardine-patate-e-pomodori-e.html

    RispondiElimina
  60. Flavia GRAZIE!!!!!!!!!!!!!!!! Ero convinta di aver caricato la foto.... per fortuna me lo hai fatto notare!

    RispondiElimina
  61. perdonami elisa ero sicura di avertelo linkato il 27 :(
    http://www.sosidolcesalato.com/2015/03/tortino-melanzane-mozzarella.html

    RispondiElimina
  62. Ciao Flavia, piacere di conoscerti.
    Ogni tanto, tempo permettendo, faccio un giro tra i soci e colleghi di Aifb per conoscerli un po' ed eccomi approdata qui.
    Complimenti per il tuo lavoro. Hai un blog molto bello.
    Ti seguirò con piacere.
    Alla prossima ricetta e ciao!
    Tiziana

    RispondiElimina