giovedì 21 ottobre 2010

LE CASSATELLE DI AGIRA e il raduno di C.I.

Scroll down for English version  of the recipe


Sono quasi passate due settimane dal weekend trascorso a Siena per il raduno della community della Cucina Italiana, organizzato in modo eccellente da Maria , la sua mitica famiglia, con l'aiuto di Patrizia  e Stefania a Poggio Bonelli nel Chianti e il grazie a tutti loro è sincero.
Ci siamo ritrovati con cari amici e di nuovi e stupendi ne abbiamo conosciuti, abbiamo riso , mangiato, cucinato insieme....ma più di tutto stiamo stati bene , nella condivisione di una delle più belle passioni al mondo: la cucina!

Ad ogni raduno ognuno di noi propone una ricetta da eseguire in loco, oppure che porta già pronta, e già molto tempo prima c'è una " segrataria" (quest'anno la nostra cara Dottoressa Stefania) che raccoglie foto e ricette, in modo che poi ci sia una raccolta completa sia per i partecipanti che per tutti quei forumisti che non hanno potuto essere presenti. Quest'anno i fortunati che hanno partecipato hanno ricevuto un bellissimo CD , ma la cosa interessante è che è scaricabile presso il blog (sulla colonna sinistra trovrete il logo del raduno e da dove poter scaricare tutte le ricette) che l'ha gentilmente creato per noi, anche per tutti gli amici del forum e non, che hanno in comune con noi la passione della cucina, che non è solo eseguire una ricetta, o modificarla, è il pensare al convivio, al piacere di riempire i ripiani della nostra stanza preferita di farina, briciole...sentire il profumo che una buona torta o un bell'arrosto emanano per casa, avere in comune la mania per le caccavelle, il sapere che se si entra insieme in un negozio di casalinghi avremo tutti le stesse reazioni di gioia, è sapere che se una ricetta non ci riesce c'è sempre qualcuno che ci verrà in aiuto....è la consapevolezza che se qualcuno parla di fava Tonka...nessuno vi guarderà come se avessimo detto una parolaccia...è il sapere che ovunque andremo nel mondo...avremo una passione bellissima condivisibile con tutti!!!

Tornando al raduno io ho proposto la ricetta che ho studiato per le cassatelle di Agira , un dolcetto a forma di raviolo, tipico del paese dell'Ennese, con uno squisito ripieno fatto di mandorle e cacao....dico studiato, perchè ho sperimentato varie ricette, anche quella di un paio di signore di Agira (grazie Rosa , la mamma della mia Zina), e alla fine con i miei piccolissimi accorgimenti personali, sono arrivata ad un risultato che mi ha soddisfatto pienamente.
Va aggiunto che si posssono preparare anche un paio di settimane prima e che conservandole dentro un buon contenitore (io uso i miei preziosi Tupperware) si mantengono benissimo...Ah, aspettate un paio di giorni prima di assaggiarle....non che se ne assaggiate una appena sfornata non sia ottima, ma risulterebbe biscottosa e non è questa la sua caratteristica



LE CASSATELLE DI AGIRA

Impasto: 1.250 gr farina 00
                 400 gr zucchero semolato
                    2  uova
                 200 gr acqua tiepida
                 500 gr sugna (strutto)


Ripieno:   750 gr mandorle spellate
               100 gr farina di ceci
               500 gr zucchero semolato
                75 gr cacao amaro
                75 gr cacao dolce
              750 gr acqua
                75 gr cannella in polvere
               1/4 tsp estratto di vaniglia naturale
                     buccia grattugiata di 3 limoni

per decorare zucchero "zefiro"
Per l'impasto sciogliere lo zucchero nell'acqua tiepida, impastare la sugna con la farina e le uova e mano mano aggiungere lo sciroppo di acqua e zucchero, impastare molto bene e mettere a riposare in frigo per almeno 12 ore (anche un giorno intero va bene).

Mettere le mandorle a tostare in forno preriscaldato a 180° per una ventina di minuti, girandole, fino a che abbiano raggiunto un color miele farle raffreddare e tritarle finemente. In un padellino mettere a tostare alcuni minuti la farina di ceci.
Per preparare il ripieno scaldare l'acqua e sciogliere lo zucchero, dopo circa 5 minuti mescolando aggiungere il cacao, la buccia dei limoni, la farina di ceci, le mandorle, la cannella e mescolare sempre fino ad arrivare a circa 10 minuti di cottura. Spegnere il fuoco e aggiungere l'estratto di vaniglia. Mescolare bene e fare raffreddare avendo cura di coprire la superficie per evitare che indurisca.

Accendere il forno a 175° e portarlo a temperatura.
Prendere l'impasto e stenderlo fino a raggiungere lo spessore di circa 0,5 cm e con un coppapasta o un bicchiere con diametro di 10 cm formare dei cerchi e adagiarvi sopra un cucchiaino di ripieno. Chiudere le cassatelle a mezzaluna, pressando leggermente i bordi.
Sistemare le cassatelle su carta forno ed infornarle per circa 15 minuti.
Quando sono ancora calde passarle nello zucchero tipo "zefiro" e fare raffreddare.

Dopo il raduno con il maritozzo ci siamo concessi un paio di giorni a Roma dove sono anche stata dai miei due negozi preferiti sia per gli attrezzi da cucina che per gli ingredienti, che qui a volte ho difficoltà a reperire...e ho trovato la magnifica caccavella per fare le cassatelle di Agira perfette:





Buone cassatelle a tutti!!!

English verision of the recipe :



For pastry dough:

3 lb  all purpose flour
2 cups caster sugar
2 eggs
3  cups warm water
16 oz lard (or shortening)

Dissolve the sugar in warm water, knead the flour with the lard and eggs and slowly add the syrup of sugar and water, mix well and put it in the refrigerator for at least 12 hours (a full day is even better).


FOR FILLING

3 3/4 cups blanched almonds
3/4 cup chickpea flour
2 1/2 cups caster sugar
1/2 cup and 1 tsp  unsweetened cocoa powder
1/2 cup and 1 tsp sweet  cocoa powder
3 cups cup water
1/2 cup  ground cinnamon
  1/4 tsp   vanilla extract 
grated rind of 3 lemon

Put the almonds to roast in a preheated oven at 350°F for about twenty minutes, turning, until they reach a honey-colored, let them cool and chop finely(they must have flour consistency ). In a pan put a few minutes to roast the chickpea flour, pay atte3ntion not to burn it, mix it with a spoon.
Heat the water and dissolve the sugar, after about 5 minutes, stirring, add the cocoa powders, the peel of lemon, the chickpea flour, almonds flour, cinnamon and stir again until you get to about 10 minutes of cooking. Turn off the heat and add the vanilla extract. Mix well and let it cool making sure to cover the surface to prevent it hardens.

Preheated oven at 350°F.
Cut some  circles of pastry dough. Put a spoonful of filling and close it . 
Cook them for 10-15 minutes on parchement paper. When Cassatelle are ready pass them in superfine sugar and let them cool. They're better the dey after and after.





19 commenti:

  1. Ma che bello!! Complimeti per il look & feel di questo blog!

    Un caldo abbraccio dal freddo nord!

    RispondiElimina
  2. Che buone le tue cassatelle di Agira, Fla!
    Me le sono portate a casa nella mia doggy bag perché non mi entrava più niente nello stomaco dopo i primi, ma quando le ho gustate... mmmm... una bontà! Hanno dentro il calore della Sicilia e dei suoi abitanti con quel cacao aromatizzato dalle spezie e impreziosito dalle mandorle...

    RispondiElimina
  3. Ma sei un mitoooooo, io stavo per prepararle per poi postare la ricetta, similissima, non facevo tostare la farina di ceci (da oggi lo farò) e non uso la vaniglia ma la cannella grattugiata, condivido e sottoscrivo che mangiate anche 4 giorni dopo sono d'una rara bontà! Bravissima .... ne ho una voglia pazzesca! Non vedo l'ora di mettermi al lavoro! un bacio

    RispondiElimina
  4. @ RENNA: grazie....ho visto che sei tra i miei lettori....metti una fotina..che la sagomina grigia è anonima!!!! Grazie!!

    @ PIE : sono contenta che sia riuscita ad assaggiarle e che ti siano piaciute...... uno smackete grandioso!!

    @ Ginestra: anche io uso la cannella , non grattuggiata, compro le stecche e poi le macino nel Bimby(che so che anche tu usi !!!!) , l'estratto di vaniglia mi è venuto in mente perchè le ricette che leggevo io parlavano di "vanillina" e non mi convinceva, tra l'altro con l'estratto il ripieno è rimasto molto morbido... !!!!Appena posti la tua ricetta vengo a studiare anche quella!!!! MA quanto sono buone?!?!!!??

    RispondiElimina
  5. SOno fortunata, ne ho ricevuto un pacchettino tutto per me!! E ne ho nascoste, in un angolino segreto,le ultime 3 o 4! Sono state letteralmente divorate dalle cannibali che ho per figlie! Che buone! E che bello il tuo ricordo dei giorni di Siena! E la richiesta della Fava TOnka da Pe...ni a Roma, l'anno scorso?? E le nostre risate? Allora...quando si parte?
    Alessandro, vieni giù dal grande Nord e unisciti a noi!!
    A presto, Vulcanica Etnea!!
    Patrizia

    RispondiElimina
  6. PATRIZIA: il problema da Pe..ni a Roma..non era la fava Tonka...era l'associazione con il pepe lungo....AHAHAHAHAHAHAH...e poco dopo l'esplosione del mio LM dentro alla borsa!!!AHAHAHHAHAH

    RispondiElimina
  7. Sono una delle tante prove viventi della bontà di queste cassatelle, nonchè della loro bellezza. La ragazza tiene le mani d'oro e non perde occasione per stenderci al tappeto con le sue meraviglie. Io non mi sono portata a casa nulla, se non il ricordo della loro bontà. Però ora che hai messo la ricetta, quasi quasi....
    ciao bella e grazie
    ale

    RispondiElimina
  8. wow.. la pasta di mandorle è il mio debole. queste sono proprio da rifare.. chissà se riuscirò mai a resistere i giorni del riposo.. :)

    RispondiElimina
  9. ...E come dimenticare le tue mitiche cassatelle????
    Pensa che ho dei lontani parenti ad Agira, ma non le avevo mai assaggiate!!!!
    Sono squisite!!!!!
    La doggy bag, al prossimo Raduno, sarà molto, molto capiente!!!!
    Un abbraccio
    Licia

    RispondiElimina
  10. Ciao EliFla,ti ho risposto sul mio blog! Grazie di averci fatto raggiungere quota 100.. :) Io quell'attrezzino che usi per le cassatelle lo uso per fare i gyoza, i ravioli giapponesi! Carino il tuo blog, passerò a trovarti spesso
    Marzia

    RispondiElimina
  11. @Ale: grazie!
    @Paola: ti assicuro che il ripieno è troppo buono anche mangiato mentre prepari le cassatelle!!!!
    @Licia: contentissima di averti fatto conoscere una ricetta che non conoscevi!!! Per la cronaca le tue nocciole le ho dovute nasconderE, se no il maritozzo me le finiva tutte!!!!!
    @Marzia: grazie....quello stesso aggeggino l'ho comprato anche di due misure più grandi!!! Quindi verrò a cercare ricette per poterli usare!!! :D

    RispondiElimina
  12. Il risultato dei diversi tentativi ha soddisfatto anche me...e tra una foto e l'altra...
    Fabio

    RispondiElimina
  13. Grazie per esser passata da me.
    Ho scoperto che anche tu sei una "novella" come me!
    Mi segno volentieri tra i follower e ti dico che in questo strampalato mondo di blogger, io mi ci sto trovando benissimo!
    Spreriamo continui così :)
    ah..le cassatelle mai provate...
    ma ora che ho la tua ricetta vedrò di ingrassare ancora un po'^_^

    RispondiElimina
  14. Ragazze, come vi invidio (nel senso buono però)!! Non tanto per aver assaggiato tutte quelle bontà stratosferiche, ma per esservi viste di pirsona pirsonalmente... Flavia, ma da Peroni non ti hanno riconosciuta?? Un abbraccio, C.

    RispondiElimina
  15. Non sono stata fortunata perchè non ne ho ricevuto un sacchetto tutto per me.....grrrrrrr:))) Ma sono molto fortunata perchè lo riceverò a Natale quando verrai a Bologna...hihihihihihi...ma ciò che mi rende ancora più fortunata è l'averti conosciuta. Un baciotto grosso grosso.

    RispondiElimina
  16. @ Fabio...ma mentre tu fotografavi io me magnavo nell'ordine: lasagne napoletane, parmigiana , caprese e pastiera di Nannaloo.... più altre 40 e passa portate!!! :D

    @ Cran...ma dai...novella tu??? Non ci credo!!!Comunque io...domani faccio una settimana di blog...e anche io mi sto divertendo tanto!!!

    @ Sabry...ma le cassatelle a Pat...le dovevo...in quanto segretaria..che si è fatta un mazzo così!!!! :D

    @Cri ..prima di andare da Peroni e Castroni....mio marito mi ha regalato un paio di occhialoni da sole nuovi ...sai quelli da nstars...grandi, neri..alla Jackie 'O???Ecco quelli!!!... :-)))))

    RispondiElimina
  17. No, Sabrina, non è vero...è che ha provato a corrompermi, o forse sono io che l'ho ricattata, mah!!!

    Cristina, se qualcuno da Castroni dovesse mai riconoscerla...sai quanto veloce dovrebbe mettersi a correre Eli/Fla......;))

    RispondiElimina
  18. ma com'è che non conoscevo il tuo blog?
    Sono quel "genio" che è rimasto senza zucchero a velo, e tu sei la mente geniale che su facebook mi ha suggerito come ovviare al problema ...
    Grazie!!!!!
    Bacioni!

    RispondiElimina
  19. che meraviglia queste cassatelle! E' bello conoscere ricette, per me, nuove e complimenti per la nuova grafica! Sono andata al link ma non sono riuscita a trovare il file delle ricette, conta che io sono molto stordita! Baciotti e ronron Helga e Magali

    RispondiElimina