martedì 19 ottobre 2010

AMERICAN APPLE PIE-DAI "MIEI" AMATISSIMI USA...LA APPLE PIE DI LAUREL EVANS

Chi mi conosce bene sa quanto io ami profondamente gli Stati Uniti d'America, non chiedetemi perchè...è così e basta ..già da quando avevo 7 anni...mi hanno sempre attirata ed affascinata....lo so che sono esagerata per molti, ma quando si organizza con il maritozzo un viaggio da quelle parti..mi emoziono e quando l'aereo al ritorno decolla  mi commuovo, mi viene il magone, come se stessi lasciando casa...non lo so perchè , ma è così!!!
Capite quindi che quando i vincitori del contest di settembre sull' MT challenge (a cui partecipo con grande allegria e pochissima competenza), i miei carissimi primi followers, Annalù e Fabio, hanno proposto la New York Apple Pie per il contest di ottobre...è come se fossi stata chiamata all'appello, e mi sono sentita in difficoltà, perchè la mia prima vera Apple Pie mangiata in un sobborgo di Long Island a New York  ben 22 anni fa era stata una rivelazione immensa, conoscevo le classiche torte di mele, le crostate, ma la Apple Pie..il suo profumo...era tutta un'altra cosa! E nonostante gli esperimenti non ero mai riuscita a riprodurla fedelmente e così avevo desistito!!! Perciò la difficoltà per me era immensa!!! E mi sono chiesta, come la faccio??? Che ingredienti alternativi potrei usare, in che forma???... IL VUOTO!!!
Poi la lampadina si è accesa....e mi son detta "ma io con il cuore a stelle e striscie non devo stupire..devo eseguire..alla lettera...." e così ho preso in mano il mio bellissimo libro di ricette americane (che in copertina ha proprio un'eccellente foto di Emilio Scoti della Apple Pie) e ho eseguito. Per la pubblicazione ho chiesto  direttamente alla gentilissima e disponibilissima Laurel Evans in persona , inutile dire che il suo blog è tra i miei preferiti!


AMERICAN APPLE PIE (di Laurel Evans)


Apple pie
8 mele grandi Granny Smith
120 gr di zucchero (+ un cucchiaio per la copertura)
1 cucchiaio di succo di limone
1/4 di cucchiaino di sale
1 cucchiaino di cannella in polvere
1/4 di cucchiaino di noce moscata in polvere
1/4 di cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
1 cucchiaio e 1/2 di maizena (io ho usato amido di grano)
30 gr di burro
1 uovo sbattuto leggermente con un cucchiaino di acqua
Pasta brisée friabile




per la Flaky Pie Crust (pasta brisée friabile)
320 g di farina debole (io Petra5 
1/4 di cucchiaino di sale
1/4 di cucchiaino di lievito per dolci
200 gr di burro, freddo e tagliato a pezzetti di 1 cm
5-7 cucchiai di acqua gelata (a me ne sono bastati 2...occhio non esagerate con l'acqua)
1 cucchiaio di aceto


In un robot da cucina con la lama di metallo, lavorate insieme brevemente la farina,il lievito e il sale. Unite il burro e azionate rapidamente il robot fino ad ottenere un impasto di briciole grandi quanto piselli.
Unite l'aceto e la minor quantità possibile di acqua ghiacciata e azionate rapidamente il robot.
Il composto dovrà essere friabile ma rimanere attaccato se si pizzica tra le dita. Se necessario, unite ancora un po' d'acqua.
Trasferite in un sacchetto di plastica e impastate rapidamente attraverso il sacchetto finchè il composto sta insieme. Dividetelo a metà e formate due palle di impasto, avvolgetele nella pellicola e appiattitele a disco. Mettete in frigorifero per almeno 1 ora (meglio per una notte) prima di stendere la pasta.




Stendere la pasta brisée friabile in un disco di 30 cm di diametro, ad uno spessore di circa 3 mm o più sottile. Trasferite in una tortiera di 22 cm di diametro, lasciando un bordo di circa 1 cm. Coprite con la pellicola e mettere in frigo per almeno 30 minuti.


Sbucciare le mele, privatele del torsolo e tagliatele a fette di 5mm. Trasferitele in una ciotola capiente e mescolatele con lo zucchero, il succo di limone, il sale e le spezie. Lasciate marinare a temperatura ambiente per almeno 30 minuti, poi scolatele raccogliendo i succhi. Versateli in un pentolino antiaderente su fuoco medio con il burro e fate bollire finchè il composto è sciropposo e leggermente caramellato, per circa 5 minuti, ruotando il pentolino, ma senza mescolare. Mescolate intanto le mele con la maizena finchè questa non è più visibile. Versate lo sciroppo sulle mele, mescolate e trasferite il ripieno nel guscio di pasta freddo. Ammonticchiando al centro.


Stendete il secondo disco di pasta brisée e appoggiatelo sul ripieno. Rifilatelo di circa 1 cm dall'orlo della tortiera e premete il bordo su quello della base. Ripiegatelo in sotto in modo che sia al livello del bordo della tortiera. Formate delle scanalature o premete con i rebbi della forchetta per sigillare bene. Praticate quattro tagli ad angolo retto sulla superficie. In alternativa, tagliate delle striscioline di impasto e usatele per creare una decorazione a reticolo. Mettete in frigorifero per 30 minuti.


Scaldate il forno a 215° . Spennellate la superficie con l'uovo sbattuto e cospargete uniformemente con 1 cucchiaio di zucchero. Cuocete direttamente sulla base del forno o al livello più basso per 45-55 minuti o finchè i succhi ribollono e la superficie è molto dorata. Se si scurisce troppo rapidamente , coprite con un foglio di alluminio. Servitela calda con gelato alla vaniglia.










Fidatevi , è ottima, e non perchè l'ho fatta io, ma perchè la fonte è una garanzia!!

Buon appetito America a tutti, ciao EliFla

P.S. un grazie ad Ale per la suapresentazione alla mia esecuzione (ho imparato a linkare?!?!!!)

14 commenti:

  1. Mi ripeto, sembra uscita dalla copertina del libro :-D
    Fabio

    RispondiElimina
  2. Ma questa e`la pie di Nonna Papera? Che buona!!!!

    RispondiElimina
  3. sono quelle torte che non passano mai di moda e che piacciono proprio a tutti! bellissima! Buona giornata....

    RispondiElimina
  4. Anche io adoro gli USA ache se non ci sono mai andata, purtroppo per le mie finanze non proprio al top!!! questa apple pie sembra gustosa!!! peccato nonn ci sia la fetta dell'interno!!! complimentoni!!! un abbraccio :)

    RispondiElimina
  5. Ciao Luciana..... se adori gli USA con me caschi bene...anzi quando ci andrai ...ti consiglierò un paio (un migliaio!!!) di posti dove andare!
    Devi fidarti sulla parola: era buonissima, come noterai non c'è zucchero nella brisèe, ma l'interno era godurioso..e dopo la cena bella impegnativa che aveva preceduto il momento del dolce, l'acidulo delle Granny Smith ci stava veramente bene!!!
    La fetta non l'ho potuta fotografare perchè l'ho portata a casa di amici e non avevo la macchina fotografica (il maritozzo mi avrebbe fulminata se avessi osato tirare fuori la digitale!!!ogni cena o pranzo...gli tocca aspettare che io faccia le foto!!!!! Bisogna che me lo tenga buono....perchè vorrei tanto che mi portasse 5 giorni a New York per il prossimo compleanno.... 2011)!
    Comunque di ricette made in USA continuerò a postarne..perchè checchè se ne dica in USA si mangia benissimo!!!!

    RispondiElimina
  6. Eccola qua super lanciata la nostra vulcanica Eli/Fla. Tesoro l'avevo già addocchiata di la e già messa nelle cose da fare al più presto. Vivrei di torte di mele! Un baciottone.
    PS: sto preparando la lista dei desideri per quando vieni a Bologna....brrrrrrrrrr:)))

    RispondiElimina
  7. Sabri cara, scrivi scrivi....che ti porto tutto quello che vuoi..anzi aprirò un post per il pusheraggio..per le bolognesi!!!!BAci e buona giornata

    RispondiElimina
  8. Flavia, ma cosa dici "partecipo con molta allegria e poca competenza"? La tua competenza è perfino superiore alla tua allegria, il che è tutto dire.

    Questa pie è perfetta, squisita, invitante, davvero da copertina del libro.

    Pensa che io gli USA li ho "scoperti" solo 2 anni fa: prima non mi avevano mai attirata più di tanto, mi sa che guardavo troppo CSI... :-D
    Poi un'amica che ci ha vissuto 4 anni mi ha proposto di andarci con lei in vacanza e io mi sono detta che era un'occasione unica per visitare un Paese in cui altrimenti non sarei mai andata.

    E' stata una rivelazione: mi sono innamorata degli States non appena sono atterrata ad Atlanta, che poi era solo uno scalo.

    Adesso non vedo l'ora di tornarci... ma di una cosa sono certa: la tua Apple Pie non ha nulla da invidiare alle loro, semmai è il contrario!

    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  9. MApie.... non mi dire nulla ..anche il maritozzo non era attirato poi tre anni fa l'ho convinto a passarci un mese per la honeymoon e...così siamo tornati anche l'anno scorso....un "on the road" da Key West al MAine!!!!!....... ma ve ne parlerò.... baci

    RispondiElimina
  10. mitica, anche io l'ho fatta con la ricetta di laurel! (peccato che essendo ricetta gia' pubblicata all'MT ne reclamano una nuova!
    abbiamo in comune la passione per gli states, mi sembra evidente! passa a trovarmi se ti va, ciao! alessandra

    RispondiElimina
  11. Ciao Alessandra....passo subito da te...e grazie per essere passata di qui!!
    A te la AP di Laurel è piaciuta???? A noi tantissimo!!!! TI aspetto qui quando vuoi

    RispondiElimina
  12. Ciao Elisa, grazie della tua visita. Attirosa la tua torta di mele. Mi sono divertita un sacco a fare la prima ricetta per il MT Challenge, non vedo l'ora che ci sia il prossimo! A prestissimo, Giorgia (P.S. et voilà, sono la tua 50esima lettrice fissa ;-D)
    Giorgia

    RispondiElimina
  13. Sai Fla che ieri in un negozio ho visto Buon appetito America e stavo per comprarlo? Poi ho lasciato perdere, ma solo per il momento... ;-)

    RispondiElimina
  14. bellissima la tua apple pie!
    grazie e in bocca al lupo per il contest!
    ciao ^__^

    RispondiElimina