venerdì 6 aprile 2018

BURRO ACIDO di Gualtiero Marchesi



Questa volta (da non crederci!!!) sono stata ligia agli impegni presi tra me e me a proposito di eseguire almeno una ricetta del THE RECIPE-TIONIST in corso. Così spulciando nel ricchissimo ricettario di Valentina di Profumo di Limoni ho trovato la ricetta ideale, ma ma ma tra gli ingredienti era richiesto il burro acido...e ora che cos’è sto burro acido? Dove lo trovo? Poi la stessa Valentina mi è arrivata in aiuto con un link dove ho trovato la ricetta per fare il burro acido di Gualtiero Marchesi, elaborato da una tecnica del beurre blanc, e così detto fatto!
Nella mia vastissima ignoranza oggi sono lieta di poter dire che so qualcosa di nuovo e che ho imparato anche che il Beurre Blanc è qualcosa di perfetto per la mantecatura dei risotti.
Il sapore di questo burro secondo me si sposa benissimo anche su dei crostini di pane con acciughine o tonno, insomma io ora che ho le mie piccole dosi in freezer ne approfitterò.
Ora curiosi di sapere quale ricetta di Valentina ho rifatto??? Provate ad indovinare andando a leggere il suo ricettario Ahahahahahahah.



BURRO ACIDO di Gualtiero Marchesi 

300 g di cipolla  ramata (al netto)
250 g di burro (io bavarese)
250 ml di vino bianco (io ho usato un Pinot grigio)
110 ml di aceto di vino bianco

Mondate le cipolle e tagliatele finemente e mettetele in una casseruola con il fondo spesso ed unitel’aceto ed il vino e fate cuocere a fuoco moderato. Fate bollire in modo che l’alcol del vino evapori, in modo da perdere l’amarognolo che lascerebbe nel sapore. Abbassate la fiamma e fate cuocere fino a che le cipolle non diventano traslucide e hanno assorbito i liquidi.
Spegnete il fuoco e poggiate la casseruola su un piano e aggiungete il burro a tocchettoni e lavorando con un cucchiaio di legno fate sciogliere e mescolate bene tutti gli ingredienti. 


Filtrate dentro ad una brocca con un colino a maglie strette e poi versate il burro liquido ottenuto dentro dei piccoli contenitori e fate raffreddare.
Congelate in freezer ed utilizzatelo al momento della mantecatura dei risotti. 
Io ho utilizzato gli stampi da cioccolatini in silicone, ma vanno bene i contenitori dei cubetti del ghiaccio, proprio per poter avere i quantitativi giusti al momento dell'occorrenza.

Vi aspettiamo per THE RECIPE-TIONIST




Enjoy!!!

5 commenti:

  1. Ti è venuto troppo bello!!!!! Io lo amo il burro acido, o beurre blanc che si voglia!!!!

    RispondiElimina
  2. Conosco il burro acido di Marchesi lo faccio da tanto e lo uso sopra tutto per mantecare il risotto gli da un sapore unico. E' buono anche in una soffice frittata alla francese l'acidulo copre un pò il grasso provare per credere. Sul pane non l'ho ancora provato. Buona fine settimana.

    RispondiElimina
  3. Certo che sono una chioccerai presentati così!

    RispondiElimina
  4. Ho studiato tutto il blog di Valentina, al punto da essermi sentita quasi 7na stalker. Ho pochi dubbi: il risotto bianco!

    RispondiElimina