venerdì 29 aprile 2016

NZÚDDI (Vincenzini)- COOKIES



                 Scroll down for English version
 
Io vivendo in Sicilia avrei davvero una miniera di ricette di monasteri e conventi da cui attingere a piene mani, ma mi sono fermata su dei biscotti tipici di Catania, soprattutto semplici negli ingredienti e nell’esecuzione.
Nzùddi, dolcetti tipici del Catanese nel periodo dei Defunti, ma che ormai si trovano in diverse località della Sicilia Occidentale, oltre che nel Messinese.
Il nome sembra che derivi dal diminutivo di Vincenzo (in dialetto “Vincinzùddu”), perché sono dei biscotti creati dalle suore del Monastero di San Vincenzo di Catania.
Nei tempi passati, infatti, le vere pasticcerie erano i monasteri e i conventi, e le loro preparazioni erano un sostentamento per sopperire alla vita monacale di povertà. Ogni convento aveva le sue specialità e queste venivano indicate con preciso riferimento al monastero di origine, come per gli ‘Nzùddi di Catania.

Con questa ricetta partecipo al Calendario del cibo Italiano di AIFB


NZÚDDI (Vincenzini)
(per circa 30-32 biscotti)

500 g di farina debole (00)
500 g di zucchero
5 g di ammoniaca per dolci
50 g di mandorle tostate e tritate
½ cucchiaio di scorze candite di arancia (io ne metterei anche un cucchiaio)
1 cucchiaino di cannella
Acqua (circa 200-250 ml)

Preriscaldate il forno a 180°C.
Impastate tutte gli ingredienti, con l’acqua regolatevi per ottenere un impasto soffice.
Su una teglia da forno rivestita di carta forno formate delle palline, tipo amaretti, pressare al centro di ogni biscotto una mandorla intera cruda. 



Infornate per circa 15 minuti, dovranno formare una crosticina sia sopra che sotto.
Il risultato una volta freddi è quello di biscotti croccanti e non morbidi.

English version
 
"Nzùddi",Typical Sicilian cookies, the origin of the name is from San Vincenzo Monastry here in Catania( St.Vincent), where these cookies were created. Nzùddo is a nickname to say in Sicilian dialect Vincinzuddu, theat i sas saying “little Vince”.
They are easy and fast to make  and we usually find them in bakeries during the first days of November when here in Italy we commemorate ours “death” relatives.
I post it now just because for the Italian food calendartoday is the national day of the Monastry recipes.
Enjoy


NZÚDDI (Vincenzini)
(30-32 cookies)

4 cups all purpose flour
2 ½ cups of sugar
1 tsp of ammonia for sweets
2 oz  of toasted and chopped almonds
½ Tbsp candied orange peel (1 TBSP is better in my opinion)
1 tsp cinnamon
Water (1 cup –more or less )

Preheat oven to 350°F.
Mix all the ingredients , for water you have to get a soft dough.
On a baking sheet lined with parchment paper make small balls , such as macaroons , press an almond in  the center of each cookie.
Bake for about 15 minutes ,  they are ready when they get a crust both above and below .
When cool  the cookies must be crispy, not soft!

FONTI: "Profumi di Sicilia" di Giuseppe Coria- ed. Cavallotto

4 commenti:

  1. Hanno quell'aspetto rustico e sempliciotto che li rende irresistibili... e poi amo i biscotti lievitati con l'ammoniaca: non so, sarà quella consistenza croccante ma "ariosa"... :*

    RispondiElimina
  2. Biscotti che non conoscevo e che forse presto conoscerò!! ;)
    Ricordiamoci di passare dal tuo spacciatore, in stiva metto una valigia quasi vuota...:)
    Grazie mille per questa bella ricetta e per aver contribuito a questa bella giornata!
    Aurelia

    RispondiElimina
  3. La cucina dei conventi è un tesoro senza fine! questi nzùddi devono essere deliziosi, bisogna provarli :-)
    Buon fine settimana, a presto ...

    RispondiElimina
  4. Flavia questi biscotti "m'intrigano parecchio", a parte gli scherzi, li rifarò al piu presto, questi biscottini che devono essere deliziosi, complimenti

    RispondiElimina