venerdì 18 marzo 2016

SPAGHETTI AL POMODORO-GIORNATA NAZIONALE




                           Scroll down for English version
 
Sono l’emblema della cucina Italiana nel mondo, sono una delle nostre bandiere più belle (che richiamano anche nei colori la nostra bandiera a dirla tutta) ed oggi è la loro Giornata Nazionale: gli spaghetti al pomodoro.
Sulla loro storia, la loro origine vi rimando al post di AIFB, che cura il Calendario Nazionale del Cibo Italiano, dell’ambasciatrice di oggi Rosaria Orrù, io mi limiterò a pubblicarvi la mia versione base di una delle paste più poliedriche in assoluto, si perché basterebbe una grattugiata di bottarga, oppure due briciole di pane fritte con un’acciughina, per avere già due varianti incredibilmente semplici ma ugualmente favolose.
Aggiungo solo che era, è e sarà sempre uno dei miei piatti preferiti, quello che dopo una lunga vacanza all’estero desidero mangiare appena arrivata a casa, insieme alla pizza!! Quello che sa di Italia, di buone cose, di cultura, di gusto in assoluto, uno di quelli che tutto il mondo, ne sono certa, ci invidia!!
Con questa ricetta partecipo al Calendario Nazionale del Cibo Italiano



SPAGHETTI AL POMODORO
Per 4 persone
320 g di spaghetti


Salsa di pomodoro -   salsa madre (dal  “Cucchiaio d’Argento”)
1 kg di pomodori
2 grossi spicchi di aglio
Basilico
Olio extra vergine di oliva
Sale  e pepe nero

Incidete una croce sul fondo dei pomodori e dopo averli immersi qualche momento in acqua bollente, sbucciateli, privateli dei semini e tritate la polpa. Aggiungete in un tegame l’olio extra vergine d’oliva, il sale, il pepe macinato fresco, qualche foglia di basilico e l’aglio, che poi eliminerete. Lasciate cuocere ed insaporire la salsa per una trentina di minuti. Conservate in frigo qualche giorno o congelate.


Per gli spaghetti portate ad ebollizione abbondante acqua e nel frattempo scaldate la salsa a cui aggiungerete un cucchiaino di zucchero  se avvertite una nota di acidità.

Cuocete gli spaghetti in acqua salate e quando saranno al dente scolateli.
Condite e mescolate con la salsa di pomodoro e servite con una spolverata a piacere di Parmigiano Reggiano, o cacio ricotta o ricotta salata.

English version
 
If I tell you spaghetti al pomodoro you can only think to my country:Italy. 
Today in Italy it is the National Day of Spaghetti withtomato sauce and even if it is one of the easiest Italian recipe I think I have to post on my blog and here it is all for you, the way I make it!! May today be a great day and I wish you to taste asap a wonderful dish of Spaghetti al pomodoro.
Enjoy


SPAGHETTI WITH TOMATO SAUCE
For 4 people
11 oz  g of spaghetti

tomato sauce
2 lb of tomatoes
2 large cloves of garlic
Basil
Extra virgin olive oil
Salt and black pepper

Carve a cross on the bottom of the tomatoes and pour them in boiling water some time, peel them, remove the seeds and chop the pulp. Add in a pan extra virgin olive oil, salt, freshly ground pepper, a few leaves of basil and garlic ( remove it when sauce is ready). Cook for about thirty minutes. You can keep it in fridge for few days or in the freezer.

While bringing to a boil water for spaghetti, heat the sauce adding a teaspoon of sugar, just in caso of sourness of tomato. Cook the spaghetti in plenty of salted water and drain them when they are ready.
Mix pasta with the tomato sauce and serve with a sprinkling of Parmigiano Reggiano.


5 commenti:

  1. gli spaghetti al pomodoro sono il mio piatto preferito da sempre, non potevo non cogliere la palla al balzo
    grazie :*

    RispondiElimina
  2. Non imparerò mai a metterli così a cupoletta...lo fai con il mestolone ?

    RispondiElimina
  3. Trovo solo un diffetto alla tua ricetta: 80 grammi di pasta a persona con un sugo così buono sono pochissimi! :-)

    RispondiElimina
  4. Mi hai fatto venire fame! Gli spaghetti al pomodoro è il piatto più delizioso che c'è!

    RispondiElimina
  5. Sono d'accordo con te...nulla è meglio di un bel piatto di spaghetti al pomodoro quando si torna da un viaggio all'estero: mettono allegria e ci si sente subito a casa!

    RispondiElimina