sabato 20 febbraio 2016

LE PATATE AL FORNO CON CIPOLLE



                            Scroll down for English version
 
Patate, ci si potrebbe scrivere un romanzo sopra, fare un film, delle conferenze e non si esaurirebbe mai l’argomento, perché a ben pensarci sulle patate se ne dicono di ogni, abbiamo comuni modi di dire in cui le patate risultano perfette, come per esempio:
-patata bollente: quando un argomento è scottante, imbarazzante.
-spirito di patate: per indicare  una battuta spiritosa non riuscita, perché il distillato alcolico che si ricava dalle patate è insipido.
-Avere le patate in bocca: quando qualcuno sta parlando in modo non chiaro.
-sacco di patate: per indicare la descrizione di chi è goffo, semplice e sciocco
-idem con patate: ha origine nelle trattorie germaniche economiche, quelle da poco prezzo, dove veniva servito come piatto unico, poiché era a costo praticamente zero e  mentre un commensale mangiava, quello accanto  ironicamente diceva idem riferendosi alle patate.
Alcune curiosità ci dicono che sia di pasta gialla o di pasta bianca, la patata ha agevolato alcune importanti invenzioni, come per esempio quella della fotografia a colori, nata anche grazie alle patate: I fratelli Lumière, infatti, usarono la fecola di patate per mettere a punto nel 1904, le lastre Autochrome, antenate delle pellicole fotografiche moderne.
E sembra che ,parlando dei sovietici si dicesse che  facessero “le gomme per i pneumatici  con le patate” , non fosse un modo di dire, ma che fosse vero tanto che  la Commissione Europea ha autorizzato la produzione di patate geneticamente modificate che serviranno a  usi industriali, grazie alla maggiore quantità di amido contenuto in questo tubero
Ma venendo ad un discorso più “alimentare” del termine, considerato che è un tubero, grazie alle sue proprietà nutrizionali, versatilità e resa produttiva, è la quarta coltivazione sulla faccia della terra,  ed è la coltura più diffusa in Italia dopo il pomodoro.
 Originaria del Sudamerica e la sua domesticazione risale a più di 7000 anni fa. Giunse in Europa nella seconda metà del XVI secolo e, in Italia, fu introdotta dai frati carmelitani. Considerata la versatilità in cucina direi che ce n’è per tutti i gusti; pensiamo solo ai quintali di patatine fritte che si consumano ogni giorno in tutto il mondo, ai purè, alle “mashed potatoe” che accompagnano sempre gli stufati e le carni nel Nord America, ai nostri gnocchi di patate, agli impasti di lievitati dove se ci si mette una patata lessa si ottengono risultati eccellenti….e pensiamo alle tipiche domeniche Italiane dove con l’arrosto o con il pollo…le patate al forno non mancano mai e oggi, per il Calendario Nazionaledel Cibo Italiano, di AIFB, è la giornata nazionale delle patate al forno, come ben ci spiega l'ambasciatrice Giovanna Nobile
Considerando che io mangerei patate tutti i giorni, posso con orgoglio ammettere che una pirofila di patate cotte in questo modo mi risolvono spessissimo cene e pranzi in cui desidero servire un contorno che piaccia praticamente a tutti. Per questa ricetta si consiglia di usare le patate a pasta gialla. 

Con questa ricetta semplice semplice contribuisco al Calendario Nazionale del cibo Italiano


PATATE AL FORNO CON CIPOLLE

5 patate a pasta gialla medie
1 cipolla rossa
2 rametti di rosmarino fresco
Olio extra vergine di oliva
Sale
Pepe nero macinato fresco

Preriscaldate il forno a 200°C.
Sbucciate e tagliate a rondelle la cipolla.
Lavate le patate  molto molto bene, aiutatevi anche con una spazzolina se è il caso, perché vanno cotte con la buccia.
Tagliatele a tocchetti e mettetele in una pirofila con la cipolla, condite con olio extra vergine di oliva, sale e pepe. Spezzettate i rametti di rosmarino ed infornate per circa 25-30 minuti. Con un cucchiaio di legno rigiratele delicatamente e cuocete altri 10 minuti, o fino a che non saranno cotte , questo dipende anche da quanto grandi sono i tocchetti di patate.
Servite subito.

English version
 


I really have to thank Cristoforo Colombo for discovering America…. Yes not only because it is probably my favourite continent but even because it is the country of potatoes origin… wel even of chocolate and tomatoes, some of best food on hearth.
Anyway for the Italian food Calendar today it is the national day of baked potatoes, one MUST sidedish for Sunday lunches or dinner.
Following there is one of my recipe, because I can eat potatoes in any way….
Enjoy your weekend….


BAKED POTATOES WITH ONIONS

5 yellow fresh medium potatoes
1 red onion
2 sprigs fresh rosemary
Extra virgin olive oil
salt
Freshly ground black pepper

Preheat oven to  400° C.
Peel and cut the onion into rings.
Wash the potatoes very well, also help yourself with a brush if necessary, they must be cooked in their skins.
Cut them into chunks and place in a pan with the onion, drizzle with extra virgin olive oil, salt and pepper. Chop the rosemary and bake for about 25-30 minutes. With a wooden spoon mix gently and cook 10 minutes, or until they are cooked, this also depends on how big are the pieces of potato.
Serve immediately.
 
Fonti:
www.colturaecultura.it

3 commenti:

  1. Io ho sempre detto che le ricette semplice sono allo stesso tempo le più difficili. Una pasta al pomodoro è più difficile che una al ragù per la composizione con vari ingredienti salva alle volte la ricetta. Ma qui non si può sbagliare. Brava e grazie e buona fine settimana.

    RispondiElimina
  2. Effettivamente c'è da essere grati a Colombo :-) le patate sono un vero jolly in cucina, piacciono proprio a tutti e stanno bene con tutto :-)
    Bellissima la tua proposta, un contorno favoloso!
    Buona domenica, a presto .....

    RispondiElimina