martedì 26 febbraio 2013

PESTO ALLA SICILIANA-SICILIAN PESTO


Sono davvero contenta perché la scorsa settimana ho dato mia prima “cooking class” ad un gruppo di Americani simpaticissimi e tra le varie cose insegnategli c’è questo Pesto alla Siciliana, che ha soddisfatto tutti. E’ stata una bella mattinata a cucinare tutti insieme, in realtà avrei dovuto fare una dimostrazione, e avevo a disposizione una bellissima aula, con una cucina in piena regola, con un bancone di lavoro centrale con tanto di specchio direzionabile grande come tutto il piano di lavoro sul soffitto, in modo che gli allievi potessero vedere da seduti quello che facevo J ; ma che volete farci io non sono una che sa stare in “cattedra” , quindi ho chiamato tutti attorno a me  e ho messo tutti a mondare, setacciare, mescolare, riempire e cucinare, perché secondo me è fondamentale quando si vuole imparare in cucina poter anche “mettere le mani in pasta” …. Ho insegnato loro come cuocere “al dente” i nostri spaghetti, come salare la pasta e soprattutto quanto  è importante assaggiare.
La cosa che mi ha fatto più piacere è stata che c’è chi ha fatto il bis, ma anche chi si è portato il pacchetto a casa. E in fondo sapere che un giorno ci saranno amici in California, Maine e Massachusetts  che gusteranno questo piatto, mi rende orgogliosa J .
Tra l’altro questa è una ricetta facilissima e velocissima….provare per credere e buon appetito a tutti .

 SPAGHETTI con PESTO ALLA SICILIANA

500 gr di spaghetti
500 gr di pomodorino ciliegino di Pachino
250 gr di ricotta fresca (se di pecora ancora meglio)
1 spicchio d’aglio
½ bicchiere di olio EVO
4-5 foglie di basilico
Sale e pepe nero
150 gr di mandorle

Infornate per 20 minuti circa le mandorle (partite dal forno freddo) a 250°C e dopo un 10 minuti smovetele. Tirate fori dal forno e fate raffreddare.
Mettete  sul fuoco una pentola con abbondante acqua salata e nel frattempo , mondate e tagliate i pomodorini, metteteli in un boccale , aggiungete la ricotta, il sale, il basilico, l’olio e il pepe e con un frullatore ad immersione (ma va bene anche un robot da cucina) frullate bene il tutto, aggiungete le mandorle e tritatele insieme al composto.
Quando l’acqua bolle versate gli spaghetti, per questi ci sono voluti circa 10 minuti , ma assaggiate sempre sia per il sale che per la cottura . Scolate la pasta, conditela con il pesto e servite subito.

English version

Last week I had a great morning when I had my first “cooking cass” with some very nice American people. I Had to show them how to cook some sicilian recipes, but as you know I like everyone could see and understand well what to do..so I ask students to help me to wash, cut, mix, fill , and prepare food. I was really happy to see they were satisfied abut the class and even the they liked what they tasted .
And I’m even proud somewhere in Maine, California or Massachusetts may taste this pasta with Sicilian Pesto.


 PASTA WITH SICILIAN PESTO

 -1 lb spaghetti  (500 gr)
-1 lb Pachino Cherry Tomatoes (500 gr)
-1 cup Ricotta Cheese (250 gr)

-1  clove of garlic
- ½ cup EVO (oil)

-Salt and black pepper
-basil

- ¾ cup almonds

Toast almonds just till they’re golden (450°F 10-15 minutes)

Put water with salt on heat  for spaghetti and in the meantime prepare the Sicilian pesto. In a container put cut Cherry tomatoes, basil, salt , black pepper, EVO oil, garlic and almonds; blend all ingredients and add Ricotta cheese.

When water is boling pour spaghetti, stir  with a fork and cook for the time you read on pasta package (in this case we use De Cecco Spaghetti n.12 , and the right cook time is 10 minutes).

Drain spaghetti and in a large bowl mix Sicilian Pesto and pasta. Serve hot !!! and ENJOY!!!

7 commenti:

  1. Ma che bella esperienza! Concordo con te, in cucina per imparare bisogna avere.. le mani in pasta!
    Buonissimo il pesto, sarà il mio pranzo oggi!

    RispondiElimina
  2. e che te lo dico a fare..pasta buonissima...ed il pesto così mia nonna lo faceva sempre, ma lei usava il mortaio..ammazza che primo piatto che ne veniva fuori!

    RispondiElimina
  3. Che bontà questo pesto...mi hai dato una bella idea :-)

    RispondiElimina
  4. E' sicuramente un'esperienza bellissima, mi piacerebbe farne una simile, la gioia di passare le proprie conoscenze, di condividerle sapendo che sono apprezzate. Complimenti!
    Il pesto siciliano non l'ho mai fatto, grazie!
    A presto!

    RispondiElimina
  5. Ma che bella questa esperienza che hai vissuto. Concordo con te che un corso di cucina si faccia tenendo le "mani in pasta", altrimenti come si fa ad imparare? Bravissima.

    RispondiElimina
  6. E' meno famoso di quello genovese, ma di un buono unico! Brava, spandi la nostra cultura all'estero, visto che noi stiamo spandendo la loro.. ;)

    RispondiElimina
  7. E ci credo che questi spaghetti siano piaciuti: sono buonissimi! Li preparo spesso in modo molto simile ai tuoi :-)
    Sulle "mani in pasta" non posso che essere d'accordo. Penso alla pasta fresca: come si farebbe a capire la giusta consistenza dell'impasto, se non tuffandoci le mani..?
    Baci

    RispondiElimina