mercoledì 18 maggio 2011

POMODORI VERDI FRITTI - FRIED GREEN TOMATOES





                                     Scroll down for English version
C’è una parte degli USA che non è grandi Parchi Nazionali, non è lunghe ed infinite autostrade a 6 corsie, non è grattacieli senza fine…. C’è una parte degli USA sonnacchiosa, senza rumore, a misura d’uomo, romantica, dolce e calda…. Si trova nel Sud, sulla Costa Atlantica dove sfociano grandi fiumi tuttora vie commerciali di enormi navi cargo..nell’800 erano zone ricche e fiorenti, piantagioni di tabacco e cotone…commercio di schiavi , poi la schiavitù fu abolita (per fortuna) e queste zone del Sud subirono un grande crollo insieme ad ingenti danni dovuti alla guerra di secessione. Non ci crederete , ma paradossalmente questa guerra persa, oggi è stata una fortuna per città come Savannah (Georgia) e Charleston (South Carolina) e volete sapere perché??? Perché a differenza di tutte le altre città Americane, si sono fermate, non c’erano i soldi per ricostruire ..e così sono rimaste le elegantissime ville e le immense fiere piantagioni alla “Via col Vento”, giardini curatissimi… che non hanno lasciato spazio ai grattacieli!!



 Altra cosa stupenda di queste zone è il cibo.. anche lì la tradizione e il nuovo hanno creato delle fusioni eccelse… a Savannah, dove lungo la River Street ancora i lampioni sono a gas, dove ogni strada si incrocia con belle piazzette e dove le querce sono piene di grigie ed affascinanti thillandsie ricadenti, siamo stati a cena a “The Olde Pink House”, una villa ben conservata del XVIII secolo e lì per la prima volta in vita mia ho mangiato i mitici pomodori verdi fritti…una rivelazione…. Inutile dirvi che per tutto il viaggio da Savannah a Charleston…non sono più mancati nei miei pasti insieme al fantastico iced sweet tea!!!I più buoni in assoluto sono stati quelli di “Jestine’s Kitchen” a Charleston…un ristorantino semplice dove vengono riproposti i piatti di Jestine, una signora di colore nata in una piantagione del Sud nel 1885, che nel 1928 andò a servizio presso la famiglia Ellison e dove si occupò della loro casa, della loro cucina e soprattutto della unica figlia Dana Berlin Ellison, che decise anni fa di aprire questo ristorantino riproponendo le ricette di Jestine, la quale  morì alla veneranda età di 112 anni nel 1997…ma grazie a questo posticino nel centro di Charleston Jestine  rivive sempre e tutti i giorni!!!!





Con questa ricetta partecipo al contest di Max












E al contest della mia Meggy (che come me è malata di USA)










POMODORI VERDI FRITTI della signora WARRINGTON    (ricetta gentilmente regalatami da Eleonora di BURRO E MIELE) e ve la riporto esattamente così come me l’ha scritta!!! GRAZIE ELEONORA


4 pomodori verdi di dimensioni medie
1 cucchiaino di sale
1/2 cucchiaino di pepe
1 cucchiaio di aneto
1 tazza (150 gr circa) di farina di mais (cornmeal) IO HO USATOFARINA FIORETTO
Olio per friggere ma tu sai che negli USA si friggono nella sugna vegetale, ma si trova qui in europa???

Mischiare la farina di mais con i condimenti, impanare le fette di pomodoro in tutti i lati e friggere fino a farli diventare dorato scuro.
C'è anche chi li fa passare prima per l'uovo sbattuto, ma sembrerebbe che questa è la versione antica e originale, che nasce come piatto povero, per recuperare i pomodori non maturi caduti nelle piantagioni.



English version 
There is a place  in the U.S.that isn’t  great national parks ,  long and endless  6-lane highways, skyscrapers  .... There is a sleepy part of the USA, without noise, it's romantic, sweet and  warm.... It is located in the south, the Atlantic Coast where large rivers flow .. where huge cargo ships still sails on,  in the XIV century these areas were rich and prosperous thanks to tobacco and cotton plantations ,  then slavery was abolished (fortunately ) and these regions of the South suffered a major collapse along with extensive damage to the Civil War. Do not believe it, but paradoxically, this defeat   was the today luck  for towns like Savannah (Georgia) and Charleston (South Carolina) and want to know why?? Because unlike all other American cities, they stopped, there was no money to rebuild .. and so remained the elegant villas and vast plantations fairs to "Gone With the Wind", manicured gardens that have left ...instead skyscrapers!
 Another wonderful thing is the food of these areas .. there is a good fusion between traditional and new ... these fusion is  excellent in Savannah, along the River Street where the streets are still lighted by gaslamps, where every street intersects with beautiful squares and where the oak trees are full of gray and fascinating falling moss, we had dinner at "The Olde Pink House", a well-preserved eighteenth-century mansion and there for the first time in my life I ate the legendary fried green tomatoes ... a revelation .... Needless to say all the way from Savannah to Charleston ... are no longer missing in my meals with the great iced sweet tea! The best green fried tomatoes were those of "Jestine's Kitchen" in Charleston ... a simply restaurant  where they are replicated Jestine dishes, a black lady born on a plantation in the South in 1885 and who in 1928 went to services at Ellisons home,  and took care of their home, their kitchen and especially the only daughter Dana Berlin Ellison, who decided years ago to open this restaurant proposing Jestine’s recipes, Jestine died at the age of 112 years in 1997 ... but thanks to this little place in downtown she lives forever and every day!!




One day I was chatting with Eleonora and talking about travel, places visited, we ended up back in the southern United States and talking about fried green tomatoes, she lives  in France and she didn’t find green tomatoes, and although I find them and also good from Pachino, I did not have a tested recipe to cook them .. and so she gave me Mrs Warrington’s recipe from  Louisiana, an original recipe, a recipe handed down, without using  eggs, like Jestine’s one! ! A big thanks to Eleonora, the recipe is fantastic and very easy ... especially because on Sunday night  hubby was prepared  them. Obviously I wrapped” my kitchen with aluminium foil because it was cleaned and..  then I didn’t want to clean up it after dinner ... . Hubby  also proceeded to prepare the steaks with bbq! We spent a beautiful Sunday evening, almost warm summer, remembering an unforgettable trip, thinking how many special people I met through my blog ... .. not to cook and not to clean!





 MRS WARRINGTON’S FRIED GREEN TOMATOES recipe given to me kindly by Eleonora “Burro e Miele” ) THANKS ELEONORA

4 medium-size green tomatoes
1 teaspoon salt
1 / 2 teaspoon pepper
1 tablespoon dill
1 cup (150 gr) corn flour (Cornmeal)
Crisco to fry

Mix the corn flour with seasonings, breading the tomato slices on all sides and fry until they become golden brown.There are also people who make them pass before in beaten eggs, but it would appear that this is the oldest and the original version, which began as a humble dish, to retrieve the fallen unripe tomatoes plantations.






52 commenti:

  1. E' da quando ho visto il film che ho voglia di provarli ma non conoscevo la ricetta ; ))) I LOVE USA!!!

    RispondiElimina
  2. Leggendari questi pomodori verdi fritti come i posti a cui ti riferisci :)

    RispondiElimina
  3. Flavia...bellissimo post, mi hai fatto venir voglia di tornarci :) e le foto... il faro!! che bello!
    Bravo maritozzo, li ha fatti prioprio bene!!
    :P
    che voglia ne ho!!!!

    RispondiElimina
  4. Mi fai venir voglia di saltare sul primo aereo e trasferirmi laggiù!! <3

    RispondiElimina
  5. che bel viaggio interessantissimo post che scorre come un bicchier d'acqua...voglia di pomodori verdi fritti e di ammirare quei bellissimi giardini e quelle ville...

    RispondiElimina
  6. Non ho mai visitato quelle zone degli stati uniti...vedendo le tue foto me ne pento amaramente!! Chissà che non ci sia una prossima volta :)

    RispondiElimina
  7. Favolosi, anche per un'altra USA addicted come me :-)

    RispondiElimina
  8. You have been so many places:) Thank you for sharing~

    RispondiElimina
  9. non li ho mai mangiati...ma anche grazie al film li conosco!:D
    Saranno una bontà...anche a me che non piace il pomodoro....così lo mangerei!:P
    ahahahah

    RispondiElimina
  10. che meraviglia!!! anche io adoro l'America, ma ho visto(per ora) solo NY e Boston e i loro dintorni! è stata per me una vacanza splendida, e il cibo non è così male come si crede! In bocca al lupo per i tuoi contest!

    RispondiElimina
  11. Ciao Cara...mi aggiungo anche io alle malate degli States!!! Immagino quanto sia stato bello il viaggio a cui hai accennato...penso che vedere dal vivo certi posti che di solito vediamo nei film è molto emozionante!! Pensa che la prima volta che sono stata in America è stato come se ci fossi sempre stata...forse perchè vedo tantissimi film ambientati lì!! Ma veniamo a questi pomodori verdi fritti che non possono non farmi pensare al bellissimo film di qualche anno fa e che ho visto tantissime volte!!! Devo dire che sono sicuramente buonissimi e poi fatti dal tuo lui sono sicuramente meglio!!! Un bacio e bellissima ricetta...

    RispondiElimina
  12. Mai mangiati, ma ora ho ancora più curiosità!

    RispondiElimina
  13. Flavia, complimenti per il post e per questi pomodori che devono essere buonissimi!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  14. Sluuuuuuuurpy!Grazie agente B, grazie hubby e grazie anche a Ele!E' sfacciato dire che questa scatta in pole position?Pure il post mi ha fatta sognare!Ti lov!Bacini

    RispondiElimina
  15. Io non li ho mai mangiati, ma mi attiravano un sacco... ma davvero sono con la farina di mais???? Felicissima ssono... e domenica propongo al mio dolce ddoppio di farli!!!

    RispondiElimina
  16. Ohhhhhhhhhhh! I'm now officially desperate to go for some green tomatoes and put them in a pan!
    Yours just look luscious....
    I've never been to a lighthouse, even had lived in Spain...
    See you there! In bocca al lupo

    RispondiElimina
  17. per un attimo le scene di Via col vento(film preferito)si sono materializzate davanti a me grazie!!hai raccontato molto bene questo tuo viaggio e per un attimo anche noi abbiamo viaggiato con te..complimenti per la ricetta ,non li ho mai mangiati,ma mi incuriosiscono parecchio..bella l'idea della carta di alluminio sul piano cottura..per la serie..lui cucina e a me non tocca pulir...bacioni!!!

    RispondiElimina
  18. ohhhh... come mi piacciono!!!! da impazzire, peccato che non sempre li trovo, li ho provati l'anno scorso a settembre con i pomodori tardivi... bravo il tuo cuoco!

    RispondiElimina
  19. Quanto e bello viaggiare... e quanto mi spirano questi pomodori verdi fritti! Già da quando ho visto il film che m'incuriosiscono!
    Non lì ho mai cucinato in altro modo a parte che per fare la marmelata, se li trovo "s'ha da fà!"

    besos

    RispondiElimina
  20. Mi è sembrato di essere li! Meraviglioso racconto e bravo il maritino;-)

    RispondiElimina
  21. bellissima ricetta, bellissimo post emeravigliose foto ^_^ però dobbiamo fare anche gli onori allo chef della situazione qui eh! :) complimenti :D

    RispondiElimina
  22. wow carissima mi piacciono proprio molto questi posticini americani all'insegna della natua e della vita e che belle foto, e poi la storia di questa nonnina che rivive nei ricordi dei luoghi e la ricetta semplice e da fare sicuramente :) grazie per il sorriso di prima su fb hai tolto un pò di tensione

    RispondiElimina
  23. Ho sempre desiderato, sia visitare quei luoghi bellissimi, che assaggiare i pomodori verdi fritti, ancora non ci sono riuscita..né per l'uno né per l'altro! Bellissima ricetta complimenti!

    RispondiElimina
  24. che posti meravigliosi! bellissimi i pomodori verdi fritti.. mi chiedo cosa mi sono persa visto che non li ho mai assaggiati! bacio

    RispondiElimina
  25. Quando ho letto il titolo mi è balzato alla memoria il libro e poi il film, uno dei miei preferiti. Bello il tuo post, racconta di un paese a misura d'uomo, non quello che ci viene propinato dai telefilm. Mai stata negli States, mai arrivata l'occasione ma chissà, prima o poi.... Grazie mille, Rosanna

    RispondiElimina
  26. eh si quella parte dell'America deve essere molto affacinante, io me ne sono innnamorata vedendo e rivedendo quel film!

    RispondiElimina
  27. questa è una parte degli states che mi attira davvero tanto! belle le foto!
    ottimi i pomodori da film :D

    RispondiElimina
  28. I just love that you are in Italy and I'm in Canada and we can communicate back and forth. . .so easily. YOu mentioned that you would be in the US for a short window this summer. .and wanted to know where you might be able to pick up a book. The states is still in process of getting the books into the stores but it is readily available on amazon. A reader let me know that she is buying hers on UK amazon. ..so I am wondering if there is a similar site available in Italy.
    Thanks so much for being a fan of the blog. ..we just appreciate our readers all so very much. ..Blessings. .from Canada!

    RispondiElimina
  29. ~~~ beautiful pictures flavia...i REALLY love the one of the rain outside the window...

    happy to see you at farmhouse and happy to stop by today...hugs to mou :-)

    sending love,
    kary and teddy

    RispondiElimina
  30. Mi hai quasi convinta! Devo ancora stabilire la meta per il viaggio di nozze e vedere questi posti attraverso le tue parole mi stuzzica parecchio. I pomodori verdi fritti non li ho mai mangiati...dovrò rimediare...

    RispondiElimina
  31. I'm passing this on to my mother in law! She loves fried green tomatoes!

    xo,
    amanda

    RispondiElimina
  32. Costi quel che costi ma un giorno ci andrò. buoni i vostri pomodori, ma se li faccio con la polenta normale?
    Baci!

    RispondiElimina
  33. Adoro questi tuoi post made in USA!!!!
    (e pure i pomodori verdi fritti :P)

    RispondiElimina
  34. Come mi piacerebbe visitare l'America e di più quelle zone dove si respira aria di intatto...Ele è una garanzia e lui ha interpretato benissimo questa ricetta, io qualche volta li ho assaggiati ma fritti semplicemente con farina 00 e sale...proverò questa versione aggiungendo anche l'aneto...grazie per questa vostra partecipazione e in bocca al lupo, ciao.

    RispondiElimina
  35. Bellissimo post e stupende foto, ma lo sai che mi sono ricordata di un film che mi è piaciuto tantissimo!! li devo fare!!
    Bravissima baci Anna

    RispondiElimina
  36. bellissimiiiiiii!e molto particolari

    RispondiElimina
  37. i pomodori verdi fritti mi piacciono tantissimo...li preparo in un altro modo ma anche così sembrano essere buonissimi, la primissima volta che li ho fatti, dopo aver guardato l'omonimo film ne venne fuori una poltiglia!!!!!!ihihihih

    RispondiElimina
  38. Great post, Flavia! If the weather doesn't warm up considerably over the summer we will have lots of green tomatoes to fry. I've never made them so have bookmarked your recipe and will save it for later in the summer. Your photos are wonderful.

    RispondiElimina
  39. non li ho mai cucinati, ma sembrano gustosissimi... li provero' presto!!!

    RispondiElimina
  40. Ma questi sono proprio da provare! Almeno posso far finta di esserci stata anch'io nel vecchio Sud con le Mamie rubiconde e i grandi latifondisti vestiti di bianco!
    E vai, via col vento! :-)
    Ciao!

    RispondiElimina
  41. Ciao, se passi nel mio blog, dopo le 22 verranno pubblicati i vincitori del CUCINA ETNICA e … c’è una sorpresa

    RispondiElimina
  42. Come direbbe la volpe all'uva? Sei acerba non mi piaci, e così dico io agli states non potendoci andare, siete brutti non mi piacete....ma in realtà mi ci trasferirei seduta stante!

    I pomodori verdi fritto erano la passione di mio nonno "siculo" come te.

    Un bacione
    Deborah

    RispondiElimina
  43. Ciao Flavietta,
    che bei luoghi! Prima o poi ci vado anche io:) Ihihi:)) (spero)

    E poi i pomodori verdi fritti mi rimandano direttamente a quel bel film ...alla fermata del tram!
    Bacio

    RispondiElimina
  44. You've described the low country of Savannah and Charleston beautifully. Jestine's fried green tomato recipe sounds delicious. I'm a southern girl myself and I so love fried green tomatoes. How wonderful that Jestine lived to be 112. Think of what she must have seen during her lifetime.
    Sam

    RispondiElimina
  45. bellissimo, con il tuo racconto mi hai davvero portata negli USA, in una grande giardino tranquillo, con delle belle ville stile vittoriano, che tranquillità! buon fine settimana, Giorgia & Cyril

    RispondiElimina
  46. I've only had fried green tomatoes once and they were delicious! What a wonderful recipe and I love the history lesson.

    RispondiElimina
  47. Ciao, il pdf della raccolta plumcake è pronto.
    Puoi scaricarlo dal mio blog, in fondo alla pagina.
    Grazie ancora per la tua partecipazione.
    Natalia.

    RispondiElimina
  48. Ciao, il pdf della raccolta plumcake è pronto.
    Puoi scaricarlo dal mio blog, in fondo alla pagina.
    Grazie ancora per la tua partecipazione.
    Natalia.

    RispondiElimina
  49. ancora non li ho mai mangiati ma con questa ricetta mi è venuta voglia di provarli... CIAO SILVIA (mi sono unita ai tuoi lettori fissi)

    RispondiElimina
  50. Really yummy! No green tomatoes in New Zealand...

    RispondiElimina
  51. Vorrei invitarti a partecipare al mio primo Contest!

    http://ziatopolinda.blogspot.com/2011/05/la-mia-versione-light-il-mio-primo.html

    Ti aspetto!!!

    RispondiElimina
  52. Ma che buoni!! Io li ho sempre fatti passandoli anche nell'uovo....proverò questa versione, si sentirà, sicuro, molto di più il sapore del pomodoro...slurp!
    Un abbraccio

    RispondiElimina