martedì 12 maggio 2015

SPAGHETTI AL POMODORO CON I SUOI “PETALI”, EMULSIONE DI CAPPERI E BOTTARGA DI MUGGINE



                    



                                 Scroll down for English version
 
Credo, e spero di non dire un’idiozia, che nelle scuole Alberghiere o anche in quelle di cucina amatoriali una delle ricette assolutamente da insegnare tra le prime basi in assoluto ci debba stare di buon diritto la pasta al pomodoro. Che sembra facile.. ma secondo me se non la si è mai fatta non è così semplice come può sembrare.
Ma poi arriva MTC n.48, con Paola di Fairie’s Kitchen e ci offre tre salse veloci, ognuna con una sua prerogativa…e su MTC la redazione si mette in moto per aiutarci a conoscere i tipi e i metodi di cottura della pasta… degli abbinamenti perfetti con il pomodoro e credetemi alla fine di questa sfida saremo tutti più bravi anche a fare la pasta con il pomodoro.
Premetto che io amo alla follia la pasta e col pomodoro trovo sia la migliore, quindi il 5 maggio con me hanno sfondato una porta aperta all’MTC!!!
Devo dire che non ci sto tanto a pensare su cosa abbinare al pomodoro, perché io l’ho sempre mangiato e continuo a farlo…in insalata, con la pasta, e ora che da noi è iniziata già la bella stagione del sole i pomodori di ogni sorta a casa mia non mancano mai…. Non so se faccio bene o no, ma direi che li consumo in un modo o nell’altro quasi quotidianamente!!!
Amo i pomodori in insalata con il pesce, la carne , formaggi e mozzarella e appena arriva il caldo faccio la mia personalissima versione di “crudaiola” …. Spesso quando invito amici a cena li propongo come contorno confit, o gratinati.. ma anche secchi con delle scaglie di formaggio, olio extra vergine di oliva e origano o basilico…insomma…. Sono decisamente al 100% una “tomato addicted” sin da quando ero bambina e credetemi o no…ho ancora ben presente nella memoria delle mie papille gustative il pomodoro che faceva mia nonna per condire la pasta tornati dal mare…mai più riusciti a riprodurlo un condimento così.. ma credo che l’ingrediente segreto fosse proprio la mia nonna e con quanta passione preparava quel sugo! 


Per la prima proposta di spaghetti al pomodoro per questo MTC mi sono affidata all’utilizzo totale del pomodoro, utilizzando anche le bucce dei pomodori stessi dopo averli sbollentati, le ho fritte velocemente, per avere quella nota croccante nel piatto…. E ho abbinato il tutto alla Bottarga di Muggine, regalo di una bellissima e calorosissima regione Italiana che è la Sardegna… la bottarga di Muggine,  che regala a questo mio piatto quella nota che rende la mia ricetta preziosa insieme ad una leggera emulsione di ottimo olio extra vergine di oliva Pugliese e capperi di Pantelleria.

E dunque eccomi qua anche questo mese a partecipare all’MTC n.48


SPAGHETTI AL POMODORO CON I SUOI “PETALI”, EMULSIONE DI CAPPERI E BOTTARGA DI MUGGINE 


150 g di spaghetti (De Cecco n.)
12 pomodori Piccadilly
1 spicchio grande di aglio rosso di Nubia
2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
Bottarga di Muggine sarda
Sale
Pepe nero
Timo fresco
2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
1 cucchiaio di capperi dissalati
Olio di mais per friggere

Lavate e mondate i pomodori, sul fondo di ognuno incidete a croce e sbollentateli 4-5 minuti in acqua bollente. Eliminate le bucce, avendo cura di conservarle su un foglio di carta da cucina e tamponatele con un altro pezzo di carta da cucina.
In un pentolino versate dell’olio di mais e portatelo a temperatura, friggete le bucce di pomodoro e poggiateli su carta assorbente da cucina e mettete da parte.
Con un frullatore ad immersione emulsionate2  cucchiai di olio extra vergine di olive con i capperi.
Nel frattempo mettete sul fuoco l’acqua per la cottura della pasta.
In una padella mettete l’olio extra vergine di oliva (2 cucchiai) e rosolate lo spicchio di aglio con qualche rametto di timo fresco e una macinata fresca di pepe nero.
Aggiungete i pomodori “pelati” 2 dopo un 3-4 minuti schiacciateli (preservandone due per la presentazione finale del piatto), eliminate i rametti di timo e lo spicchio di aglio, mescolate e dopo 5 minuti spegnete il fuoco. Appena l’acqua della pasta bolle salatela e versate gli spaghetti.
Teneteli molto al dente, e riaccendete il fuoco sotto alla padella con i pomodori, con un forchettone passate gli spaghetti direttamente dalla pentola di cottura alla padella mescolate e saltate il tutto per un minuto.
Con un pennello da cucina spennellate l’emulsione di olio e capperi sul fondo di due piatti, raccogliete con un forchettone gli spaghetti e posizionateli al centro, rifinite con i “petali” di pomodoro , spolverate la bottarga di muggine e qualche fogliolina di timo fresco e buon appetito.






N.B. Per il sale assaggiate, perchè abbiao la bottarga e i capperi ...quindi secondo me a sempre assaggiato tutto man mano che si prepara.

English version
 
In the following recipe I put all the Mediterranean flavors..using very good tomatoes from Sicily, extra virgin olive oil from Puglia, Mullet roe from Sardinia, capers from Pantelleria Island and above all ...our Italian Pasta! 
So enjoy the recipe... and have a great day!
 

SPAGHETTI WITH TOMATOES, TAMATOES "PETALS" AND MULLET ROE
6 oz  of spaghetti (De Cecco n.12)
12 Piccadilly tomatoes
1 large clove garlic
2 Tbsp  extra virgin olive oil
Grated mullet  roe (“bottarga” di Muggine from Sardinia)
Salt
Black pepper
Fresh thyme
2 Tbsp extra virgin olive oil
1 Tbsp  capers
Corn oil for frying

Wash and clean the tomatoes  and on the bottom of each carve crosswise and boil 4-5 minutes in boiling water. Eliminate the skins, taking care to keep them on a sheet of kitchen paper and dab with another piece of kitchen paper.
In a saucepan pour corno il  and bring to temperature for frying, fry the tomato skins and put  on paper towels and set aside.
With an immersion blender emulsified  2 spoons of  extra virgin olives with capers.
Meanwhile, bring water to a boil for cooking spaghetti.
In a pan put the extra virgin olive oil (2 tablespoons) and fry  the garlic with a few sprigs of fresh thyme and black pepper.
Add the tomatoes  and  after a 3-4 minute crush them (preserving two for the final presentation of the dish), remove the sprigs of thyme and the garlic, stir and after 5 minutes turn off the heat. Once the pasta water boils add salt and pour the spaghetti.
Cook them till two minutes before the suggested tie written on the package.
Turn on the heat under the pan with the tomatoes with a fork  pour the spaghetti directly from the cooking pot to the pan(without water of course) and combine stirring for a minute.
Brush the emulsion of oil and capers on the bottom of two dishes, pick up with a fork spaghetti and place them in the center, decorte with the fried tomatoes  "petals", sprinkle the mullet roe and  few leaves of fresh thyme and enjoy your meal.

29 commenti:

  1. splendidi Elisa, adoro questi abbinamenti, le due isole e i loro prodotti migliori e bella la disposizione nel piatto...

    RispondiElimina
  2. Veramente sfiziosi e sicuramente buonissimi
    bellissima la presentazione con la bella idea dei petali di pomodoro
    buona serata Manu

    RispondiElimina
  3. Immagino il profumo di questo piatto! Poi con la bottarga di muggine dev'essere fantastico! Mi sa che questo mese farò grandi scorpacciate di pasta con i sughi più svariati! Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Uno splendore. Di sapore, di contrasti di consistenze, di presentazione...di tutto.
    meraviglioso e basta.

    RispondiElimina
  5. Che bella questa sfida..piena di sapori, proprio come i tuoi spaghetti che mi hanno incantato!!! Brava Flavia come al solito

    RispondiElimina
  6. Spettacolo. Anch'io, nei miei spaghetti, in preparazione, ho previsto le chips di bucce di pomodoro.
    Commento a mezzanotte ma se li avessi qui li mangerei molto volentieri.
    Bacioni

    RispondiElimina
  7. Mi piace tutto, ma proprio tutto di questo piatto! Dillo che ci hai preso gusto a vincere!

    RispondiElimina
  8. Ecco, vedi. sto scoprendo abbinamenti al pomodoro che mai avrei pensato da sola, come la bottarga. e mi fa molto piacere perché lo proverò, mi incuriosisce tantissimo!!!! Brava brava brava!

    RispondiElimina
  9. Che bello! Come fare un ottimo piatto con pochi ingredienti...sarà che sono tra i miei preferiti!! Molto bello l'impiattamento, con quei petali rosso fuoco e il pomodoro morbido al centro. E cosa non deve essere quell'emulsione di capperi...sapori fantastici, mi piace molto!
    Alice

    RispondiElimina
  10. Che bello! Come fare un ottimo piatto con pochi ingredienti...sarà che sono tra i miei preferiti!! Molto bello l'impiattamento, con quei petali rosso fuoco e il pomodoro morbido al centro. E cosa non deve essere quell'emulsione di capperi...sapori fantastici, mi piace molto!
    Alice

    RispondiElimina
  11. Flavia ma che piatto stupendo e floreale!!
    compliementi! Adoro la bottarga e posso solo immaginare da qui il profumo.
    Un abbraccio a presto
    Frankie

    RispondiElimina
  12. Spettacolo Flavia, la bottarga di Muggine insieme ai pomodorini e i capperi sono una combinazione vincente e i petali un colpo di genio.
    Bravissima!!!

    RispondiElimina
  13. Bellissimo l'abbinamento pomodoro-bottarga, lo proverò di sicuro, e un tocco di raffinatezza i petali di pomodoro!

    RispondiElimina
  14. La bottarga la amo alla follia, ma l'ho sempre accompagnata alla pasta nella maniera più classica.. L'abbinamento con il pomodoro credo doni più cremosità e consistenza, creando un piatto da 10!
    Bravissima!

    RispondiElimina
  15. Il giorno in cui aprirò un bistrot questo è il tipo di piatti che vorrei mettere in menù: semplici, genuini e con quel tocco magico che li rende speciali. Tu hai sempre una marcia in più e questo connubio tra isole mi piace tanto :) Grazie per la ricetta :)

    RispondiElimina
  16. Flavia concordo con Paola, hai davvero il tocco magico, quello che rende speciale un piatto semplice, che però scontato e banale non è affatto. Questi sono i piatti che amo e che vorrei riuscire a creare. Bellissima la presentazione!

    RispondiElimina
  17. WOWWW, che piatto!!! Li avevo visti e mi erano subito piaciuti ma mai avrei pensato che questi spaghetti nascondessero una tale complessità, complessità geniale perchè fa sembrare semplice anche quello che semplice non è. Mi piacciono tantissimo!

    RispondiElimina
  18. Ecco, direi che quei petali potrei mangiarli davanti alla tv al posto delle patatine. Ma che bel piatto!!!

    RispondiElimina
  19. emozione pura questi spaghetti!!! Sto perdendo le bave! baciotti e ronron Helga e Magali

    RispondiElimina
  20. ma quanto continui a crescere, Flavia, quanto?????
    questo è un piatto da stellato, nella concezione, nella realizzazione, nella tecnica...
    da far restare a bocca aperta...
    lo sai che vinci l'MTC, di questo passo? :-)
    strepitosa!

    RispondiElimina
  21. Pienamente d'accordo con Alessandra! Troppo brava! Mi piace un sacco l'uso della bottarga, sembra che il piatto abbia ricevuto una pioggia di polvere d'oro. Chiccosissimo!

    RispondiElimina
  22. No, vabbè, se vuoi vincere di nuovo tu allora dillo :D :D :D Complimenti davvero, piatto meraviglioso!

    RispondiElimina
  23. Meravigliosa! Con la bottarga sfondi una porta aperta... io sono per metà sarda e non sai quanta me ne riporto le poche volte che ci torno. La concezione di questo piatto è solo in apparenza semplice... perché vedo più tecniche e soprattutto complessità dei sapori che ti esplodono in bocca. Comolimenti!!

    P.S. Secondo me i piatti delle nonne non possono essere rifatti tal quali, non ci riusciremo mai. Hai ragione, l'ingrediente segreto sono proprio loro!

    RispondiElimina
  24. Questa per me è una ricetta da maestra.
    Il pomodoro declinato in versione cremosa e croccante, la sapidità pungente dei capperi e quella marina della bottarga... una favola!!!
    E sono d'accordo con te, la salsa di pomodoro è una delle basi che vanno insegnate, anche perché è una delle cosiddette salse madri, basi della cucina classica.
    Cucina classica che tu evidentemente conosci a menadito, tanto da poterla reinterpretare in chiave da Chef.
    Grandissima Flavia!!!!

    RispondiElimina
  25. Bella l'idea delle bucce croccanti! Vorrei assaggiarla..... ahahah

    RispondiElimina
  26. Fatta e mangiata 10 minuti fa: grazie! Abbiamo gradito tutti!

    RispondiElimina