lunedì 4 maggio 2015

FRITTELLE DI "NEONATA" - FRIED FISH BALLS




                            Scroll down for English version
 
Lo so che letta così fa impressione e anche tanta, ma che vi posso dire?? A Catania così le chiamano e per farmi dare la ricetta dal Signor Vittorio, il “meglio pescivendolo della Pescheria” , così ho dovuto chiamarle!
No fatevi trarre in inganno…e fidatevi sono troppo buone e una ricetta tipica qui a queste latitudini!
La “neonata” sono i pesciolini piccolissimi di pesce azzurro, solitamente di sardine e acciughe, che in Italiano conosco come Bianchetti. Fidatevi ve li posto ora, ma li ho mangiati ai primi di Aprile quando ancora la legislazione permette l’acquisto di questo novellame! Ma tranquilli che fino ai prii di Dicembre non ne acquisterò più!!!
Mi fa tanto sorridere come in varie zone di Italia lo stesso pesce abbia nomi diversi, per esempio n Liguria li chiamano “Gianchetti”, a Brindisi “shuma ti mari”, a Taranto “Faloppa”, a Napoli “Cicenielli”, ad Ancona “paranzola”…insomma così come il nome le frittelle saranno comuni un po’ in varie zone di Italia, ma sono certa che ognuno le fa a modo suo…una cosa è sicura: sono sempre sublimi!!!
Il Signor Vittorio li fa così, me lo sono fatto spiegare mentre in Pescheria tagliava con un coltello gigantesco delle fettine sottilissime di pesce spada per farlo marinato…. E così Maria Pia quel sabatonella mia cucina…li ha fatti per tutti!!!



FRITTELLE DI “NEONATA”

500 g di bianchetti freschissimi
2 uova
1 cucchiaio di farina
3 cucchiai di pecorino Siciliano grattugiato
Prezzemolo tritato finemente
Sale
Pepe
Olio di mais per friggere

In un tegame non troppo grande versate l’olio in profondità e mentre lo portate a temperatura, preparate le frittelle. In una terrina mescolate con  un cucchiaio di legno i bianchetti con le uova, la farina, il Pecorino grattugiato, il prezzemolo il sale e il pepe.
Appena  l’olio sarà pronto con l’aiuto di due cucchiai versate un pao di mucchietti di pesciolini nell’olio bollente, fateli dorare e scolateli su carta assorbente.
Sono ottimi sia caldi, che tiepidi che freddi…a voi la scelta. Di solito a Catania le frittelle di neonata sono schiacciate, ma a noi a mucchietti sono piaciuti di più!
Li potete servire sia come appetizers per un aperitivo, che come antipasto…. O come preferite!!

 English version

“Neonata” (in Italian we call it “Bianchetti”) are the whitebait of the “ blue  fish2 from Mediterranean (sardines ) sea , caught with special nets in the early months of the year. Here in Sicily they are fried in “fish balls ” and they are delicoius.


“NEONATA”  FRIED FISH BALLS
1 lb  of fresh whitebait
2 eggs
1 Tbsp  flour
2 Tbsp grated Pecorino Siciliano
Parsley, finely chopped
Salt
Pepper
Corn oil for frying

In a not too large  saucepan pour deep  oil and while it reaches the right temperature , prepare the fish balls. In a bowl mix with a wooden spoon whitebait  eggs, flour, grated Pecorino cheese, parsley, salt and pepper.
As soon as the oil is ready with the help of two tablespoons pour soe  piles of fish in hot oil, let them brown and drain on paper towels.
They are excellent  served hot, or warm and even cold ... You can serve both as appetizers for an aperitif, or as a main dish  .... Or as you prefer !!

2 commenti:

  1. Ragazzi, che spettacolo quella neonata!!! Sai che non l'avevo mai mangiata prima?
    E adesso dovrò aspettare fino a ottobre-novembre... ma me la vado a cercare, perché la ricetta del Signor Vittorio è favolosa.
    E favolosa è stata anche la maniera in cui gliel'hai chiesta... ^_^

    Un abbraccio fortissimo!!!

    RispondiElimina
  2. Ecco, ma un volo per Catania a quest'ora ci sarà?! Che meraviglia assoluta sono queste frittelle??!?

    RispondiElimina