lunedì 24 febbraio 2014

STRUDEL DI PERE CON CRANBERRY E SALSA DI CARAMELLO-PEAR STRUDEL WITH CRANBERRIES AND CARAMEL SAU

                                   
                                                     Scroll down for English version

Dopo lo Strudel salato per cenare la vigilia del mio genetliaco, mi sembrava giusto festeggiare il mio compleanno con un buonissimo Strudel dolce... E così è stato.
Cosa devo dirvi? La mia ricetta non è delle più ricercate, ma del resto , quando parto con l'MTC , solitamente per prima cosa cerco di capire bene dove vado a parare , sull'elasticità della pasta matta non avevo più alcun dubbio, ma la resa della cottura in forno non l'avevo ancora testata, quindi non mi sono discostata troppo da ciò che vi ha proposto Mari con la ricetta per la sfida n.36 del gioco più famoso ed utile del web.
Temevo il giudizio di maritozzo, perché aveva grandi aspettative, dopo il successo dello “struccolo” propostogli la sera precedente, ed invece è stato prodigo di complimenti ed entusiasmo soprattutto per la salsa al caramello di Michel Roux, che pero a mi avviso se servita dopo almeno mezza giornata di riposo è meglio, perchè risulta più densa.

E ora bando alle ciance e veniamo alla ricetta  con cui partecipo alla sfida n.36 dell’MTchallenge.
       




STRUDEL DI PERE,CRANBERRIES E SALSA AL CARAMELLO DI MICHEL ROUX

Per la Pasta Matta di Mari
150 g di farina 00
100 ml di acqua
1 cucchiaio di olio extra vergine d’oliva
1 pizzico di sale

Per il ripieno
700 g di pere abate di Bronte
80 g di brown sugar ( se non lo avete potete crearvi un’ottima alternativa)
3 di cucchiai di Grappa
50 g di mandorle a lamelle
50 g di cranberry disidratati
50 g di pangrattato
30 g di  burro
1 cucchiaino di  all spices
Scorza grattugiata di 1 limone
20 g di burro fuso per spennellare la sfoglia
zucchero a velo a piacere per la superficie


Per la salsa al caramello di Michel Roux
100 g di zucchero semolato
75 g di burro, ammorbidito
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
400 ml di panna fresca




Preparate l’impasto per la sfoglia.
Scaldate l’acqua, deve essere abbastanza calda ma non bollente. Setacciate la farina in un recipiente, aggiungete il sale e l’olio e versate a mano a mano l’acqua calda mescolando. Quando la farina avrà assorbito tutta l’acqua, togliete l’impasto dal recipiente e cominciate a lavorarlo con le mani su una spianatoia per un paio di minuti, fino ad ottenere un impasto morbido, quasi appiccicoso ma che comunque non resta attaccato alla spianatoia o alle dita. Mettete l’impasto a riposare, coperto da un panno umido o da una pellicola, per circa mezz’ora. Nel frattempo accendete il forno e portatelo alla temperatura di 180°C, modalità statica.



Disponete sulla sfoglia il composto di pangrattato, quindi sopra ad esso il ripieno di pere, lasciando liberi circa due centimetri di bordo. Preparate il ripieno.
In un pentolino fate tostare leggermente le lamelle di amndorle, giusto il tempo che prendano colore.
Fate sciogliere in un tegame il burro e poi fatevi rosolare il pangrattato fino a farlo dorare ,attenzione a non bruciarlo. Spegnete il fuoco, versate il pane in un recipiente, fatelo leggermente raffreddare, quindi aggiungete la scorza del limone grattugiata e mettete il composto da parte.
Lavate sotto l’acqua corrente le pere, sbucciatele, toglietene il torsolo, tagliatele in quattro e poi ciascun quarto in fettine sottili. Mettete le fettine di pere in un recipiente, aggiungete il brown sugar , le lamelle di mandorle , i cranberry, la Grappa e l’all spice  e mescolate bene il tutto.
Stendete la sfoglia.
Mettete una tovaglia pulita (possibilmente lavata con sapone neutro e ben sciacquata), di lino o di cotone, sopra a un tavolo. Infarinate leggermente la tovaglia, prendete l’impasto e cominciate ad appiattirlo con le mani sopra alla tovaglia, quindi spianatelo aiutandovi con un mattarello. Quando la sfoglia comincerà ad essere abbastanza sottile mettete da parte il mattarello, sollevate la sfoglia dal tavolo aiutandovi con le mani e, tenendola con le nocche nella parte sottostante, cominciate a tirarla verso l’esterno facendola girare ogni tanto e facendo attenzione che non si rompa. La sfoglia deve diventare praticamente trasparente. Riponetela nuovamente sulla tovaglia, dovreste aver ottenuto una sfoglia quadrata di circa cinquanta centimetri per lato. Siccome i bordi saranno rimasti un po’ più spessi, passate con le dita lungo tutta l’estremità della sfoglia tirando la pasta per assottigliarla.






A questo punto, aiutandovi con la tovaglia, cominciate a sollevare la sfoglia per arrotolarla sul ripieno. Fate fare un paio di giri, quindi ripiegate anche i due lembi esterni e continuate ad arrotolare fino alla fine.
Riponete la sfoglia in una teglia precedentemente imburrata, spennellate la superficie della sfoglia con il burro fuso e mettete a cuocere.
Ci vorranno circa trenta/quaranta minuti, ma siccome la cottura dipende molto dal forno, fate attenzione perché la sfoglia non deve diventare troppo scura bensì deve rimanere dorata.
Togliete la teglia dal forno e fate raffreddare lo strudel. 




Per la sala al caramello Mescolate il burro e lo zucchero in una casseruola a fondo spesso. Mettete a fiamma molto bassa e mescolate in continuazione con un cucchiaio di legno finchè lo zucchero si scioglie del tutto.
Proseguite la cottura finchè il composto  è color caramello. Togliete subito la pentola dal fuoco e incorporate la panna. Aromatizzate con l’estratto di vaniglia. Mescolate bene per amalgamare il tutto.
Rimettete su fuoco medio e cuocete la salsa per 5 minuti, mescolando di continuo, sempre con un cucchiaio di legno. La salsa dovrebbe essere perfettamente  omogenea, liscia e lucida. Filtratela con uno chinois e fate raffreddare.
Conservate la salsa in frigo fino ad un massimo di tre giorni, in un contenitore a chiusura ermetica.

Servite lo Strudel a fette con la salsa di caramello 



English version
 
After the savory strudel for my birthday’s eve dinner  , I wanted   to celebrate my birthday with a delicious sweet  Strudel... And so it was.
What should I tell you ? My recipe is not so original, but at first I would like to understand first what could be a good idea, on the elasticity of the dough I no longer had any doubt, but I had not tested yet cooking it in the oven, so I didn’t change too much from the original Apfelstrudel posted by Mari .
I was curious to know hubby’s judgemet , because he had great expectations after the success of " struccolo " offered to him the night before, and instead he was  generous with compliments about the dessert and enthusiastic for the caramel sauce by Michel Roux



 




PEAR STRUDEL, DRIED CRANBERRIES AND CARAMEL SAUCE

For the dough
5 oz + 2 Tbsp all purpose flour
1/2 cup water
1Tbsp extra virgin olive oil
1 pinch of salt

For the filling
1 ½ lb pears
¼ cup  of brown sugar
3 tablespoons of Grappa Liquor
2 oz  sliced ​​almonds
2 oz  dried cranberry
2 oz  breadcrumbs
2 Tbsp of butter
1 tsp all spices
Grated rind of 1 lemon
Some  melted butter for brushing the pastry
Icing sugar for the surface


For the caramel sauce by Michel Roux
½ cup caster sugar
3 oz butter , softened
1 tsp vanilla extract
2 cups of heavy cream

Prepare the dough for the pastry.
Heat the water, it must be pretty hot but not boiling . Sift the flour into a bowl , add the salt and oil and pour in the hot water gradually , stirring . When the flour has absorbed all the water , remove the dough from the bowl and begin to knead with your hands on a board for a couple of minutes, until the dough is soft, almost sticky but that does not remain attached to the work surface or the fingers. Put the dough to rest , covered with a damp cloth or foil , for about half an hour. In the meantime, turn on the oven and bring to a temperature of  350 ° F.
Prepare the filling .
In a small saucepan, lightly toast the almonds slices , just long enough browning .
Melt the butter in a pan and then lightly fry the breadcrumbs until it is browned , be careful not to burn it. Turn off the heat , pour the bread in a bowl, let it cool slightly , then add the grated lemon rind and put the mixture aside.
Wash under running water pears , peel , gather out the core , then cut them into quarters and each quarter into thin slices. Put the sliced ​​pears in a bowl , add the brown sugar , the of almonds, cranberry , Grappa, all spice and mix well .
Roll out the pastry.
Put a clean cloth (preferably washed with soap and rinsed well ) , linen or cotton , on top of a table. Lightly flour the cloth , take the dough and begin to flatten it with your hands on the tablecloth , and then helping you flatten with a rolling pin . When the dough begins to be thin enough set aside the rolling pin , lift the dough from the table , helping with his hands and, holding it with his knuckles on the underside , you begin to pull it out by turning it occasionally and making sure that you do not break . The dough should be almost transparent. Store it again on the tablecloth, you should have gotten a sheet. Since the edges are left a little ' thicker , passed with the fingers along the ends of the sheet pulling the dough for making it thin .
Put  on the pastry bread crumbs , then above it the stuffed pears , leaving about one  inch of the edge .
At this point, with the aid of the tablecloth , you begin to raise the dough to roll it over the filling . Make do a few laps , and then fold the two outer edges and also continue to roll until the end.
Put the dough in a buttered baking sheet , brush the surface of the dough with melted butter and put to cook.
It will take about thirty / forty minutes but since it depends very much on the baking oven, be careful because the dough should not be too dark but must remain golden .
Remove the pan from the oven and let cool the Strudel .

For caramel sauce
 Mix the butter and sugar in a saucepan with a thick bottom . Put on low heat and stir constantly with a wooden spoon until the sugar dissolves completely .
Continue cooking until the mixture is caramel-colored . Immediately remove the pan from the heat and stir in the heavy cream. Add   vanilla extract . Stir well to mix everything .
Put on medium heat and cook the sauce for 5 minutes, stirring constantly , always with a wooden spoon. The sauce should be perfectly homogeneous , smooth and shiny. Filter it let it  and cool .
Store the sauce in the refrigerator up to three days in an airtight container .

Serve the strudel in slices with caramel sauce.

13 commenti:

  1. La salsa al caramello te la copio subito!!! Da te c'è sempre da imparare. Il tuo strudel è veramente riuscito benissimo e pure come accostamento di sapori mi pare bilanciatissimo.
    Insomma, si vede che sono golosa?????
    A presto
    Nora

    RispondiElimina
  2. mamma che buonoooo... pere e cranberry con frutta secca? spettacoloo!
    bravissima

    RispondiElimina
  3. salsa al caramello forever. Buonissimo. io compio gli anni il 13 maryo, caso mai ti vada di farne uno identico tutto per me, da spedirmi a Milano

    RispondiElimina
  4. Che spettacolo! Non potevi scegliere di meglio!

    RispondiElimina
  5. Direi che tuo marito non si possa proprio lamentare! prima lo strucolo al salmone poi questo delizioso.. non è che era il SUO di compleanno? :-) la tua sfoglia è un capolavoro, la prima che vedo (mia compresa) veramente trasparente e perfetta!! grande prova Fla! baciii!

    RispondiElimina
  6. a quanto pare questo mese siamo in perfetta sintonia! Anche io pere e caramello, ma in modo del tut€! Quanto è bello l'MTC e la versatilità in cucina!

    RispondiElimina
  7. guarda flaviuzza mia adorata, devo dire che la versione dolce ti è venuta spettacolare, come sempre stupisci

    RispondiElimina
  8. Ma come poteva non piacere a tuo marito???? Uno strudel da urlo!!!

    RispondiElimina
  9. salsa al caramello!!!!!!!!!! :O :O
    flavia mi hai colpito e affondato, stra-buono!
    baci

    RispondiElimina
  10. Un abbinamento delizioso.. e quella salsa al caramello deve essere semplicemente spaziale! E' da molto che vorrei provarla..

    RispondiElimina
  11. flavia, tu sei tre metri sopra il cielo- sempre- e io mi chiedo quand'è che vincerai 'sta benedetta gara...(sempre troppo tardi, in ogni caso). E comunque, noi continuiamo a bearci delle tue meraviglie, dal brown sugar fatto in casa a questo ripieno spazilae (l'all spice con le pere, ma come ho fatto a non pensarci prima), passando per una salsa che è l'incarnazione stessa del peccato di gola. Paolo è unuomo fortunato- alla enne. diccelo ;-) da parte mia!

    RispondiElimina
  12. Carissima Flavia, hai fatto una sfoglia perfetta direi, sottilissima, trasparente. E l'hai riempita con un ripieno all'altezza di tale perfezione. Mi piace tutto, l'abbinamento delle pere con il brown sugar (grazie per la ricetta :)), l'utilizzo della grappa che aromatizza, la nota acidula dei mirtilli rossi, le mandorle e il tocco dato dalle spezie. E a tale sfoglia e tale ripieno sei riuscita a trovare degnissimo accompagnamento con quella salsa al caramello che richiama, esaltandolo senza prevaricarlo, il ripieno.
    Bravissima e grazie di cuore per questa versione dolce.
    Mari

    RispondiElimina
  13. Una sola parola : Hummmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm! stragoloso e chic, Flavia!

    RispondiElimina