mercoledì 5 febbraio 2014

LE OLIVETTE DI SANT'AGATA- SANT'AGATA'S ALMOND "OLIVES"





                                                          Scroll down for English version
 
Oggi a Catania è Sant’Agata, la Patrona della città , e qui non ci si limita al giorno di vacanza, ma sono quasi quattro giorni di Festa. Questa festività, sentitissima, da tutti i Catanesi, è la terza  Festa Cattolica più importante del mondo per festeggiamenti e ‘’Devozione’’ , dopo la Festa della Madonna di Guadalupe in Messico e la Settimana Santa a Siviglia , in Spagna.
In questi giorni per tutta la città , ma in particolare nei dintorni del Duomo , si vedono migliaia di persone, devoti, che indossano una casacca bianca  e di un copricapo nero, lo fanno per devozione, per ringraziare di una Grazia ricevuta…ed è un’usanza che si tramandano da generazione, di padre in figlio.
La Festa si compone di vari momenti folcloristici  particolari , le candelore in giro per la città, il 3 febbraio esce dal Municipio (che si trova sempre nella Piazza del Duomo)la carrozza del Senato, mentre  i fuochi d’artificio in Piazza Duomo esplodono la sera del 3 … ( a sira ddo ttrì) , la Messa dell’Aurora il 4 , quando finalmente il fercolo con le reliquie della Santa esce dalla stanzetta , in cui resta chiusa tutto l’anno (la si può vedere solo il 17 Agosto in Duomo , per Sant’Agata d’Estate), e comincia il giro tra urla e preghiere dei devoti, nella città, un giro che non finisce mai prima di notte fonda (quest’anno Sant’Agata è rientrata verso le 5.00 di questa mattina) … ci siamo trovati con maritozzo a vedere il fuochi del Fortino (zona molto popolare di Catania, con altissima concentrazione di ‘’devoti’’) verso le due di notte, e ciò significa che il fercolo torna in Duomo alle prime luci dell’alba.  Il 5 Febbraio mattina, oggi, si celebra la Messa Pontificale in Duomo…mentre nel pomeriggio verso le cinque Sant’Agata torna fuori dalla Chiesa e comincia a salire per la via Etnea , che dura ore perché c’è il così detto “carico e scarico della cera”, in cui ogni devoto che ringrazia o prega o fa penitenza fona candele di cera di ogni misura e peso (c’è chi per esempio porta un cero che di equivale al peso di chi chiede la grazia)dona al fercole.. e quindi ogni pochi metri la cera caricata, va scaricata su dei carri, perché sarebbe impossibile da trasportare… considerate che Via Etnea è in salita e il fercolo viene trainato a piedi da decine di persone.
Quando Sant’Agata arriva il Piazza Borgo esplodono i fuochi d’artificio del Borgo, che di solito negli ultimi ani non sono mai stati fatti prima delle 2.00 di notte e da lì il fercolo ritorna verso il Duomo, ma all’incrocio con la Via di San Giuliano (che è in salita, perché costruita su un vecchio cratere ormai spento dell’Etna ) con una rincorsa si porta sulla bellissima e barocca Via dei Crociferi, dove solitamente all’Aurora, dal convento delle Clarisse, suore di clausura escono e nonostante le migliaia di persone scende il silenzio per ascoltare queste suore fare un canto al fercolo che si ferma davanti a loro….credo, avendolo vissuto che sia uno dei mome ti più suggestivi e mistici di tutta la Festa. Da quel momento si torna in Duomo, dove Sant’Agata torna nella sua stanzetta , chiusa e dove nessuno la rivedrà più fino ad Agosto, ma solo per un giorno… Catania tornerà al suo quotidiano…aspettando un altro anno per la Festa più sentita.
E’ usanza in questo periodo (,a ormai si trovano, per i turisti) preparare tra le tante cose le olivette di Sant’Agata e io che da quest’anno sono “cittadina” ho iniziato questa tradizione e avendo le mandorle buone, come queste che abbiamo qui in Sicilia …vi assicuro… una bontà infinita!
Stamattina mi sono fatta una bella passeggiata nel centro storico e ho avuto la bella sorpresa di trovare la Pescheria , il mercato alimentare vicino al Duomo ,aperta ed è stata una miriade di festa, folclore e colori!
Buon Sant’Agata a tutti e vi auguro una volta nella vita di poter venire qui ad assistere a questa festa incredibile.







OLIVETTE DI SANT’AGATA

500 g di mandorle spellate
500 g di zucchero a velo
 Maraschino
Colore alimentare  verde (io ho usato il “leaf green” Wilton in pasta)
Zucchero semolato per la ‘’finitura’’

In un mixer, con le lame in acciaio (io ho usato il Bimby), tritare finemente le mandorle con lo zucchero a velo, fino a ridurre tutto a farina.
Versate la farina di mandorle e zucchero a velo in una ciotola capiente , aggiungete un po’ alla volta il Maraschino ed iniziate ad amalgamare il tutto, come se steste impastando, aggiungete qualche goccia di colorante verde (io usando i Wilton che sono in pasta, anche se sembrano un gel, mi aiuto con uno stuzzicadenti per aggiungere il colore) ed impastate bene tutto, fino a che non otterrete un composto  morbido , ma sodo.
Il Maraschino va aggiunto un po’ alla volta, perché contenendo le mandorle il loro olio , se ben conservate sono umide, altrimenti sono più asciutte , tesso discorso se partite direttamente dalla farina di mandorle , potreste aver bisogno di qualche goccio di liquore in più.
Preparate un piatto, o scodella con dello zucchero semolato , e formate le olivette , prelevando un po’ di impasto alla volta, passatele nello zucchero e mettetele su un vassoio con carta forno.
Si conservano abbastanza a lungo, ma copritele sempre con un po’di pellicola , così da evitare che si asciughino troppo.

English version
 
Today in the town I live in is Sant’Agata’s day and it is holiday.  During these days (from the 3th Fabruary till tomorrow morning ) there a lot of “devoted” persons who follow tha saint Reliquary , because just during these days it is possible t see it. During the year it is closed in a room inside the Dome.


Anyway there are even typical food and one of these are Sant’Agata’s almond olives! I prepared them and in the morning we went to the historycal center to see  Sant’Agata’s reliquary…ut we even went for some “food” shopping in the “pescheria “ , the ancient fish market near the Dome. It was a sunny, warm and colourful day…I hope youcan come once to live this atmosphere.


























SANT’AGATA’S ALMOND OLIVES

3 ½ cup  almonds (or almond’s flour)
3 ½ cup icing sugar
½ cup Maraschino Liquor
“leaf Green” by Wilton food color
Sugar to decorate


In a mixer with steel blades (I used the Thermomix ) , finely chop the almonds with the icing sugar until you reduce everything to flour.
Pour the almond flour and icing sugar in a large bowl , add some Maraschino and started to mix everything , as if you were kneading, add other Maraschino Liquor and a few drops of green color  and knead everything well , until you get a soft , but firm mixture.
I add Maraschino in two or three times , because almonds contain oil , buti f you use almond flour it is a bit drier so you may need a few drops of liquor more.
Prepare a little bowl with granulated sugar , and form the olives , roll them in sugar and place on a tray with baking paper .

18 commenti:

  1. che belle che sono!!mai provate,ma hanno un aspetto golosissimo :)

    RispondiElimina
  2. Mentre scrivevo la mia prima tesi di laurea (proprio su Sant'Agata!) le sognavo ogni notte!!! XD

    RispondiElimina
  3. sono bellissime le olivette e staordinarie le foto.
    bravissima come sempre!!!
    a prestoooo
    Ketti <3

    RispondiElimina
  4. Non conoscevo questa tradizione nè questo dolce, ma il mio amore per le mandorle me lo fa già adorare :P

    RispondiElimina
  5. La voglia di partecipare a questa festa mi è venuta...prima o poi ci capiteró.
    Intanto queste olivette posso provarle.

    RispondiElimina
  6. WOW deve essere una festa davvero bellissima da vedere. Non avevo mai sentito parlare di queste olivette. Devono essere deliziose

    RispondiElimina
  7. Sono strepitose!!!!! Non le conoscevo. Grazie!! =)

    RispondiElimina
  8. Ma che belle che sono! NOn conoscevo questi dolcetti! C'è sempre da imparare.
    Baci.

    RispondiElimina
  9. Bellissime! E belle anche le foto! Mi piace tantissimo la fontana dell'Amenano :)

    RispondiElimina
  10. Queste sono le tradizioni che dobbiamo conservare. Sono loro il nostro patrimonio, quello che abbiamo nel DNA, nel cuore nell'animo.
    Leggere il tuo racconto è stato un po' come essere presente.
    Grazie Flavia.
    Nora

    RispondiElimina
  11. Bellissimo il tuo racconto, mi ha permesso di conoscere ancora di più questa festa!
    Grazie per le foto.

    RispondiElimina
  12. Sono arrivata qui per leggere la ricetta dello strudel, e sono incappata in questa meraviglia.. purtroppo non sono mai stata in Sicilia, ma il tuo blog ha i profumi di questa terra, e mi attira irresistibilmente. Ti seguirò con molto piacere. Ora vado a leggermi qualche altra ricetta tradizionale...

    RispondiElimina
  13. Ciao Flavia, complimenti per questo tuo reportage davvero trainante. Le tradizioni sono la cultura del nostro patrimonio da far conoscere a tutti come hai fatto tu con orgoglio e amore per la propria terra!
    Ti ringrazio per essere passata da me, finalmente ho trovato il benessere alimentare con la pasta madre che ho trovato e che aspettavo da tempo. Facile da trovare nei super dell' Auchan con un costo che non supera i 2 euri. Provala e vedrai che ti darà delle belle soddisfazioni sia come lievitazione che come benessere salutare a livello intolleranza. Direi proprio che il lievito di birra da oggi in poi lo accantonerai. Grazie di cuore per tutto...un abbraccio caloroso a te e a tutta la tua bellissima Sicilia che io amo tanto.

    RispondiElimina
  14. Non sap evo che tu fossi catanese! Da un anno e mezzo, mi sono trasferita a Giarre!

    RispondiElimina
  15. Splendida Catania come splendidi sono questi dolcetti che non conoscevo!!

    RispondiElimina
  16. Splendido post cara, mi hai fatto scoprire cose che non sapevo, come queste golose olivette!!!!

    RispondiElimina
  17. Da buona calabrese adoro i dolci alle mandorle e queste feste tradizionali così sentite...quanto mi manca la mia terra! :(

    RispondiElimina