sabato 9 novembre 2013

ETNA CHIAMA FUJI: QUADRATINI DI CANNOLO CROCCANTE APERTO CON GELATINA DI RICOTTA E MATCHA



                                                   Scroll down for English version

Come sapete l’Estate scorsa il viaggio “overseas “ con maritozzo è stato in Giappone, un viaggio di cui non vi ho ancora raccontato, ma di cui mi riprometto di scrivere al più presto.
La ricetta che segue nasce così in estemporanea pensando al simpaticissimo contest di Vatinee , dove ad una qualsiasi ricetta , di una qualsiasi parte del mondo, si mescola un qualcosa di un’altra cucina del mondo…una contaminazione !!!!

Io vivo su un’isola su un vulcano, il più alto attivo d’Europa , il magnifico Etna, che è spettacolare nelle sue eruzioni, simpatico con i suoi estemporanei sbuffi di fumo (anzi in questi giorni mi sta facendo morire dalle risate, sembra un gigante Sioux che manda segnali di fumo) , ma soprattutto un vulcano buono, perché quando erutta non mette in pericolo la vita di nessuno.
Ovviamente durante le vacanze in Giappone , arcipelago di isole, non potevo non andare sul Fuji, che supera l’Etna di pochissime centinaia di metri, per i Giapponesi è una divinità , almeno una volta nella vita devono andare in pellegrinaggio a piedi fino alla cima…. A noi ha fatto un grandissimo regalo, ci si è mostrato in tutto il suo splendore , cosa abbastanza inusuale nel mese di Agosto…ma solo perché io ho obbligato tutti i compagni di viaggio, a fare i dovuti inchini di preghiera affinché sua Maestà Fuji ci degnasse ….. ebbene la mattina successiva aprendo le finestre della stanza dell’hotel ci siamo ritrovati davanti uno spettacolo immenso …senza nemmeno una nuvola.


La ricetta che segue è una contaminazione tra il croccante di mandorle (tipico qui in Sicilia, con cui vengono anche proposti i cannoli in maniera più “leggera” dal classico impasto ) , con una gelatina di ricotta di pecora ( utilizzando l’agar agar come gelatificante, che in Giappone di chiama Kanten-  se dite Agar Agar vi guardano stupitissimi e con un inchino in pratica vi dicono che non hanno capito un bel ciufolo!!- e il Matcha per dargli un po’ di colore…. Attenzione non lo chiamo tea matcha, perché la parola CHA è già il sostantivo che indica il tea, mentre MAT è semplicemente la polvere di tea verde – inutile dirvi l’infinità di CHA che mi sono ritrovata in Giappone, ma prima di partire sapevo che era il Matcha che avrei riportato in patria ..insieme ovviamente ad altre 3000 cose ) .


 
QUADRATINI DI CANNOLO CROCCANTE APERTO CON GELATINA DI RICOTTA E MATCHA

Per il croccante:

4 cucchiai di zucchero semolato
2 cucchiai di mandorle in granella
Tostate velocemente in un pentolino le mandorle in granella fino a farle diventare colore nocciola chiaro.

In un pentolino da fondo spesso sciogliete lo zucchero, fino a che rende il colore caramello, attenzione a non mescolarlo con cucchiai di acciaio o metallo ,etc.  Togliete dal fuoco e aggiungete le mandorle , mescolate velocemente con un cucchiaio di legno e versate dentro dei coppa pasta, o cutter su carta forno. E fate raffreddare.

Per la gelatina di ricotta

200 gr di ricotta di pecora
2 cucchiai rasi di zucchero (non usate troppo zucchero perché come base avete già il croccante)

4 gr di agar agar
1 pizzico di Matcha

Qualche goccia di cioccolato per guranire

Passate la ricotta in un colino a maglie fitte, mettete in un pentolino con lo zucchero e portate ad ebollizione (l’agar agar va utilizzato con liquidi caldi ), spegnete e aggiungete l’agar agar e mescolate molto bene. Mettete  2/3 del compost in una ciotola di vetro ad addensare , mentre al restante 1/3 mescolate un pizzico di Matcha per dargli il colore verde chiaro , mettete anche questo in un contenitore di vetro ad addensare.
Una volta addensato, prendete i quadretti di croccante e poggiateli su un piatto, e con dei cutter tagliate pezzetti di gelatina di ricotta e guarnitene alcuni con qualche goccia di cioccolata ( o cubettini di arancia candita).

 English version

During my last Summer vacation in Japan (I’ll post as soon as possible something about it) I bought some Japanese ingredients as Matcha (the green tea powder) and even Agar Agar (or Kanten, that’s a natural powder for jelly).
With the following recipe Imix Sicilian tradition with these two Japanese ingredients to join to a ”contest about fusion recipes".

I prepared an open “cannolo” with a jelly of ricotta cheese… and the experiment was really delish!!!


CRISP OPEN “CANNOLO” WITH JELLY RICOTTA CHEESE AND MATCHA

For the crisp :
4 Tbsp granulated sugar
2 Tbsp  chopped almonds

Toast the chopped almonds   in a small pan quickly until they become light brown color .

In a thick-bottomed saucepan melt the sugar until it makes the color of caramel, careful not to mix it with spoonfuls of steel or metal, etc. . Remove from heat and add the almonds, stir quickly with a wooden spoon and pour in cutters on parchment paper. And let it cool .

For the jelly  ricotta cheese
1 cup  ricotta cheese
2 Tbsp sugar (do not use too much sugar because we have a sugar crisp as a base )
½ tsp Agar Agar (Kanten)
1 pinch of Matcha(green tea powder)
A few chocolate morsels  for decorating

Sift ricotta cheese through a sieve with a dense grid , put in a saucepan with the sugar and bring to a boil ( the agar agar should be used with hot liquids ) , turn off and add the agar agar and stir very well. Put 2/3 of compost in a glass bowl to thicken , while  mix the remaining 1/3 with a pinch of Matcha to give it the green light color  and put it  in a glass container to thicken .
Once thickened , take the squares of crisp sugar and almonds  andput  on a plate, with cutters cut pieces of jelly cheese  and decorate  some squares  with a few chocolate  morsels (or cubes of candied orange ) .

11 commenti:

  1. Flavietta, ma è bellissimo!!! Mi piace l'aspetto, mi piace l'accostameto e mi piacciono sia la Sicilia che il Giappone! ^_^
    Sei un vulcano (ed è il caso di dirlo! :-D)
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  2. Strepitosa! Solo a te potevano venire idee vulcaniche come questa!! Dal piatto agli accostamenti e la loro preparazione, mi sembra tutto stupendo!! Besos!

    RispondiElimina
  3. Carissima... Ma è una contaminazione .. Vulcanica !!! Meravigliosa! E poi, in un post ho imparato così tante cose! Prima di tutto: agar agar pensavo fosse giapponese!! (Tipo mushi, mushi!!). Poi, mai più dirò te matcha: come dire te verde te! E poi, il Fuji.. Bhe un sogno per me, ma in genere tutto il Giappone!
    Adoro i croccanti siciliani che conosco bene! Lo sai che da piccola ho passato estati tra San Giovanni la punta ed ACI trezza? L'etna mi è molto più vicino che il fiume chao Praya.
    Grazie cara! Inserisco presto la ricetta nell'elenco intanto.. In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  4. Vaty...non ci credo!!! siamo state così vicini senza saperlo??? Spero davvero che tu possa tornare da queste parti. Il Giappone è assolutamente da visitare ...è meraviglioso !!! BAci

    RispondiElimina
  5. No, ma è una ricetta strepitosa! Sarà sicuramente buonissimo (e gluten free!!!), è bellissimo e la foto è strepitosa con quel piatto che riassume le due culture, insomma una figta pazzesca, anzi, mondiale!

    RispondiElimina
  6. Meravigliosi, Flavia. ME-RA-VI-GLIO-SI.
    Non ho parole per descrivere la creatività, la bellezza e la bontà di questi quadratini con la loro gelatina di ricotta di pecora e matcha!!!!

    RispondiElimina
  7. Le foto del tuo viaggio sono incredibili,immagino l'emozione nel vivere quell'emozione!
    La tua contaminazione è origine e sicuramente buona, poi quel fondo di croccante deve essere proprio buono!

    RispondiElimina
  8. Fla, questa preparazione è di un'eleganza pazzesca, nelle forme, nei colori e nelle consistenze. Davvero super!

    Fabio

    RispondiElimina
  9. Questo piatto sembra un'opera d'arte! Che bello deve essere stato il viaggio in Giappone....il mio sogno da adolescente
    Un abbraccio
    Silvia

    RispondiElimina
  10. Questo piatto sembra un'opera d'arte!
    Che bello deve essere stato il viaggio in Giappone...il mio sogno da adolescente

    Un abbraccio
    Silvia

    RispondiElimina
  11. L'ho vista al volo su facebook e ora vengo a godermela con calam! Wow! Mi ricorda un'opera d'arte...hai mai visto i dolci su http://www.modernartdesserts.com/...ecco: una cosa del genere! Un bacio cri

    RispondiElimina