giovedì 5 aprile 2012

LA PASTIERA di Zia Chechina




                                             Scroll down for English version


Settimana frenetica questa per molti di noi…almeno per me , ho iniziato gli auguri di Pasqua con gli amici, e ci stiamo organizzando già per il pranzo di Pasqua e la Pasquetta…e infatti oggi ho già acquistato e messo a scolare la ricotta fresca freschissima perché domani mi metto all’opera per la Pastiera, quella che faccio in questo periodo dell’anno e che preparo tre giorni prima perché così la si gusta in tutta la sua magnifica bontà.
La ricetta è della Zia Chechina una signora  cara e gentile che scrisse la ricetta a macchina circa 32 anni fa alla mia mamma e quel testo ripiegato con cura e la busta che apro ogni anno li conservo io da tanti anni ormai.


LA PASTIERA DELLA ZIA CHECHINA

Per la crema:
100 gr di latte
500 gr grano precotto
30 gr di burro
Buccia grattugiata di 1 limone
700 gr ricotta fresca (io di pecora)
600 gr zucchero
5 uova intere
2 tuorli
1 bustina di vaniglia (io ¼ cucchiaino di estratto di vaniglia)
1 cucchiaio di fior d’arancio
1 pizzico di cannella
10 gr cedro candito

Per la frolla :
500 gr farina 00
3 uova intere
200 gr zucchero
200 gr strutto

Preparate la frolla  mescolando la farina , le uova, lo zucchero e lo strutto. Fate un impasto senza lavorarlo troppo . Distendete la frolla e rivestite la teglia per la Pastiera.

Preparate la crema : Versate il grano precotto in un tegame aggiungendo il latte , il burro e la buccia grattugiata del limone. Riscaldate il tutto per circa 10 minuti mescolando fino a che diventa crema.
A parte frullate la ricotta con lo zucchero, le uova e i tuorli con la vaniglia, l’acqua di fior d’arancio e la cannella. Lavorate bene il tutto fino a rendere il composto liscio ed omogeneo.
Aggiungete il cedro tagliato a dadini ed unite alla crema di grano .
Riempite la frolla (già stesa nella teglia) e decorate con strisce di frolla.
Infornate in forno preriscaldato a 170° C per un’ora circa o fino a che la Pastiera avrà preso il colore ambrato.
Spegnete il forno e lasciate che la torta si ritiri nella teglia. Cospargete di zucchero e velo e servite almeno due giorni dopo.




Da oggi potete cominciare a postare le ricette per il THE RECIPE-TIONIST di Aprile che trovate qui



E visto che la ricetta di oggi è tradizionalmente Pasquale ricordatevi che sono “giudice” nel contest della mia amica Terry sulle ricette di Pasqua e che dura fino all’11 Aprile…. E dove si vincono degli stampi in silicone .



English version

This is a busy week for us  in Italy because Easter is here and we are all busy to prepare and bake for Easter day. In these days I’m still meeting my friends to give us chocolates and eggs.
The recipe I’m posting is a typical southern Italy one (it is one famous pie from Naple) and it has to be on my Easter table.




PASTIERA  (pie)

For the cream:

¾ cup  of milk
2 cups precooked wheat
2 Tbsp of butter
Grated zest of 1 lemon
3 cups  fresh ricotta cheese  
3 cups sugar
5 eggs
2 egg yolks
¼ teaspoon vanilla extract
1 tablespoon orange blossom water ( orange extract)
1 pinch of cinnamon
1 Tbsp  candied citron

For the pastry:

2 cups all purpose  
flour
3 eggs
1 cup sugar
1 cup shortening

Prepare the pastry by mixing flour, eggs, sugar and shortening. Do not knead dough too much . Lay the pastry and covered the pan for Pastiera.

Prepare the custard: Pour the precooked wheat  in a pan add the milk, butter and grated rind of lemon. Heat the mixture for about 10 minutes, stirring until it becomes creamy.
Aside blend the ricotta cheese with the sugar, eggs and yolks with  vanilla extract, orange flower water  (or orange extract) and cinnamon. Worked well together until the mixture is smooth and homogeneous.
Add the citron, diced and combined with cream of wheat.
Fill the pastry (already lying in the pan) and decorated with strips of pastry.
Bake in a preheated oven at 325° F for about one hour or until the Pastiera will have taken the amber color.
Turn off the oven and let the cake 
retreats in the pan . Sprinkle with icing sugar and serve at least two days later.



Hope you are going to like it. Hugs, 

12 commenti:

  1. Adoro la pastiera...io l'ho appena preparata.

    ciao e buona pasqua.

    RispondiElimina
  2. Non ho mai fatto la pastiera anche se mi piace un sacco. E' che da noi non è di tradizione, però potrei lanciarmi e provare

    RispondiElimina
  3. My favorite holiday because of the baking.... love a beautiful pastiera like this. Happy and blessed Easter to you xo

    RispondiElimina
  4. La pastiera è una delle torte che più mi piacciono ma non l'ho mai preparata ... mi sa che mi tocca provarci e la tua ricetta sembra fattibile anche per una neofita come me.
    Buona Pasqua Flaviaaaaa
    Nora

    RispondiElimina
  5. Non è Pasqua senza !!! anche io ho una ricetta molto simile alla tua, solo meno zucchero, è la migliore tra tutte le versioni , Ciao e Buona Pasqua.

    RispondiElimina
  6. A napoli in questi giorni è tutto un profumo di pastiere che si espande per la città e la tua è decismanete invitantissima!!Auguro di buona Pasqua,Imma

    RispondiElimina
  7. mi perdoni se ti dico che la pastiera è uno dei pochi dolci che non mi piacciono? anche se ho assaggiato quella originale fatta in casa, ma apprezzo il profumo e l'impegno. :-D
    Buona Pasqua!!!

    RispondiElimina
  8. ottima la tua pastiera..voglio provarla anche io...un bacio e buona pasqua

    RispondiElimina
  9. buona la tua pastiera!!! non l'ho mai fatta...finora mi sono limitata a mangiarla :D con grande soddisfazione!!!
    un bacione

    RispondiElimina
  10. Ciao grazie mille : copiata! Ti lascio i miei auguri per una Pasqua che sia davvero di rinascita!
    Lecoq

    RispondiElimina
  11. Questa ricetta è davvero superba e dalle foto si vede che ti è venuta magnificamente!! tanti cari auguri di Buona Pasqua,cara Flavia!

    RispondiElimina
  12. Mai fatta la pastiera mi incute una sorta di timore.... ma tanto tanto amata ogni volta che mi è stata gentilmente donata :)

    Buona Pasqua cara

    RispondiElimina