venerdì 16 ottobre 2020

CIABATTE di PANE senza impasto



Oggi sono esattamente dieci anni che ho il mio blog, DUE LUSTRI!!!

Quanta acqua è passata sotto ai ponti, quante belle persone incontrate, quante cose imparate sulla cucina, e anche sull'amicizia, quanti quintali di farine utilizzate, viaggi, esperienze, ma soprattutto quante ricette! Si perchè l'ho sempre detto, il mio blog per me è quell'archivio, quel ricettario pronto all'uso, dove a differenza del quaderno scritto a mano, trovo anche qualche foto, pessima eh, lo so, ma spesso mi aiuta a ricordare un passaggio o anche solo "quel " particolare che a molti non dirà nulla, ma che a me magari in quel momento dà quello sprint che ha reso la ricetta da rifare perchè un successo.

Il caso ha voluto, e lo scrivo ogni 16 ottobre, che aprissi, senza volerlo, Cuocicucidici il giorno mondiale del pane, che è poi il simbolo assoluto del cibo...della vita, la base, anzi le fondamenta!!! Quindi come ormai è tradizione io il 16 Ottobre pubblico un pane e quest'anno la scelta, non solo è stata un successo assoluto, ma è ricaduta sulle ciabatte, un pane che a me piace tantissimo, ma che pensavo fossero difficilissime da realizzare, ed invece no!!! Non c'è impasto, e nel giro di massimo due ore e mezza il pane buonissimo è pronto!!!

Ricetta presa da un video su Insatgram della Bread Ahead Bakery di Borough Market di Londra durante il lockdown, e beh, non riesco a contare quante volte da allora l'ho già fatto!

Con questa ricetta partecipo al World Bread Day 2020

#wbd2020 #worldbreadday #workdbreadday2020 




CIABATTE


400 di farina 00 (forte)

350 g di acqua

5 g lievito di birra secco

8 g di sale

olio di oliva 

In una ciotola mescolate velocemente la farina, il lievito, l'acqua e il sale, NON l'olio, che serve dopo, con un cucchiaio di legno. Con una spatola ripulite i bordi della ciotola e fate un giro di olio sui bordi e sempre con la spatola "rincalzate"   l'impasto, in modo da fare scendere un po' l'olio sui lati.




 Non vi preoccupate se l'impasto risulta "grumoso", è del tutto normale. Coprite e lasciate così per 30 minuti.  A questo punto, sempre lavorando dentro la ciotola, prendete i lembi dell'impasto da un lato e ripiegatelo verso di voi, girate la ciotola di 180° e ripiegate ancora, tipo a portafoglio, tipo le pieghe del tipo 1. E ribaltate sopra/sotto.




Coprite nuovamente e lasciate riposare altri 30 minuti. Ripetete l'operazione delle pieghe e vedrete che l'impasto inizia a cambiare, a diventare più liscio. 




Altri 30 minuti coperto di riposo e ripetete le pieghe, a questo punto dopo aver coperto la ciotola, accendete il forno a 250°C (io uso la funzione termo ventilato)  e dopo 30 minuti, in una teglia capiente, spolverata abbondantemente di farina di semola di grano duro rimacinata, e rovesciate l'impasto. 







Dividete con un tarocco in due e rotolate i due pezzi ottenuti nella farina, prendete il primo pezzo di impasto e tiratelo in modo da appiattirlo e mettetelo sulla leccarda del forno, rivestita di carta forno, e fate la stessa cosa anche con il secondo pezzo. Infornate subito e fate cuocere circa 15 minuti o fino a che vedrete il colore tipico del pane.

Di buona regola va tagliato e mangiato quando si è raffreddato, ma credo sarà difficile resistere.




Enjoyyy!!!


Nessun commento:

Posta un commento



Utilizzando questo form, e lasciando un commento a questo post, si acconsente al trattamento e all'archiviazione dei propri dati personali da parte degli autori di questo sito. Vedere anche "privacy Policy" in alto nelle pagine