venerdì 27 gennaio 2012

OCCHIO, MALOCCHIO, PREZZEMOLO E FINOCCHIO...AUGURI ALE!!!



                                       Scroll down for English version


« Occhio, malocchio, prezzemolo e finocchio,
ego me baptizzo contro il malocchio.
Puh! Puh!
E con il peperoncino e un po' d'insaléta ti protegge la Madonna dell'Incoronéta;
con l'olio, il sale, e l'aceto ti protegge la Madonna dello Sterpeto;
 corrrrrno di bue, latte screméto, proteggi questa chésa dall'innominéto. 



»Rassegnatevi..è così siamo una ciurma di foodblogger folli… ci piace stare bene insieme e ci piace fare cose allegre e divertenti.
Oggi è il genetliaco della mitica Ale di Menuturistico e poiché sono alcuni anni che teme questo periodo per una serie di spiacevoli eventi che le sono capitati sempre a cavallo del suo compleanno, aveva addirittura pensato di non festeggiare più!!! Per gente allegra e soprattutto folle come noi la cosa non è ASSOLUTAMENTE accettabile..e quindi da quest’anno abbiamo deciso di fare gli auguri ad Ale “antijella”…di recitare insieme una formula magica e puh puh…la jella non c’è più!!! J
Quindi non è Blogger che è andato in tilt se vedete una sfilza di blog con questo bellissimo banner creato appositamente dalla bravissima Mai, che ovviamente non ha avuto vita facile, dovendo seguire le nostre folli idee... di Eleonora, Fabio e AnnalùMapi, StefaniaP&S , Stefania , Giulia, Greta, Cristina B., Cristina G., Patty, Loredana, Emanuela, Simonetta,  Ginestra, Alessandra, Muscaria  , Roberta , Mario e ovviamente Dani  J .
 Abbiamo fatto anche di peggio, una fazione di questa ciurma sta addirittura giungendo in quel di Genova per festeggiare insieme a lei , così sappiate che da quest’anno Ale riprende i festeggiamenti per il suo genetliaco e li riprende alla grande  e noi ne siamo felici perché prima di tutto le vogliamo bene!!
Altra cosa carina abbiamo deciso di postare ricette “portafortuna” per forma o per la scelta degli ingredienti…. E quindi ci saranno cornucopie, quadrifogli , coccinelle, etc , tra cui anche la ca (!) che porta tanto bene…. o come nel mio caso ferri di cavallo!!!

AUGURONI ALE E STAI TRANQUILLA CHE NON TI MOLLIAMO ….. (che sia questa la sua disdetta?????) ahahahahhahahahahahahahahah




TRECCIA SALATA A FERRO DI CAVALLO
(ho utilizzato la ricetta dei panini semi-dolci delle Sorelle Simili da “pane e roba dolce” )

500 gr farina 00
200 gr acqua
37 gr lievito di birra
75 gr burro
8 gr sale
25 gr strutto
50 gr zucchero

Per il ripieno
100 gr Emmental
100 gr salame tagliato a tocchetti

Fate una fontana con la farina ed amalgamate al centro tutti gli ingredienti (tranne l’Emmental e il salame)  ed impastate per 10-12 minuti battendo energicamente.
Deve risultare un impasto tenero , ma non appiccicoso. Fate due palla e fate lievitare coperto sotto una ciotola a campana per 50-60 minuti.
Stendete l’impasto e tagliatelo in 6 strisce e farcite il centro di ognuna con Emmental e salame. Richiudete le formate 2  trecce a forma di ferro di cavallo. E fate lievitare per altri 50-60 minuti.
Nel frattempo preriscaldate il forno a 210° . Infornate per 15 minuti circa o fino a quando ben colorite.
















Un buon weekend allegro a tutti , ma in particolare ad Ale e a chi sarà con lei questo weekend!!!!

                                     Flavia  


English version

Today is the birthday of  a very dear friend of many foodblogger . But for many of us is a dear friend even out from Blogland. As in recent years in the days before this day it  has always been bad news for her , she decided that she no longer wanted to celebrate it. But we  definitely do not want such an important day that goes unnoticed, so we decided to give her best wishes good luck in the world ,  well ..in the universe!
Here  in Italy there are lots of good luck mascots.... the red chili, the horseshoe, the cloverleaf, the cornucopia, the hunchback, the ladybug, the currency, the elephant with its trunk raised, horns and the owl ....and so between ingredients and recipes we have tried to make a virtual lucky party just for Alessandra!!!

I have prepared a bread shaped like a horseshoe filled with cheese (cheddar is fine too) and salami into cubes.
Enjoy your meal and a wonderful lucky weekend  you all, xoxoxoxo
                                                     Flavia  

                                                                                                         

FILLED HORSESHOE BREAD

2 cups all purpose  flour
¾  cup  water
2 Tbsp intant yeast
2/3  stick butter
1 ½ tsp  salt
1 ¼ Tbsp  lard
3 Tbsp sugar

For the filling
100  Emmental chees or Cheddar
100 g sausages cut into chunks (salami)

Take a fountain with the flour and mix all the ingredients in the center (except the Emmental cheese and salami) and knead for 10-12 minutes, beating vigorously.
It must be a soft dough, but not sticky. Take a ball and let rise in a bowl covered with a bell for 50-60 minutes.
Roll out the dough and cut into 6 strips and put in  the center of each salami and Emmental cheese. Close the 2 braid and form  a horseshoe. And let rise for another 50-60 minutes.
Meanwhile, preheat the oven to 420° F. Bake for 15minutes or until well-colored.


giovedì 26 gennaio 2012

PASSATELLI


                                           
                                        Scroll down for English version

Prometto che dalla prossima settimana vi posto anche un dolcino!!! Promesso!!!
Ma oggi è giovedì ed è anche il mio giorno per postare la ricetta delle (st)renne, anche questa prima collezione “(st)renne 2012 “ si concluderà la prossima settimana , ma come sapete sarà il turno delle (st)renne per un mese , che hanno vinto la scorsa collezione di “(st)renne gluten free” e saranno le bravissime: Eleonora, Mai, Loredana, Greta e Simonetta .


Come sempre ringrazio chi come me è una (st)renna fondatrice sin dall’inizio di questa speciale avventura…Ale e Dani, Fabio edAnnalù, Stefania e Mapi!!!



La minestra di oggi è un classico Emiliano-Romagnolo e come tutte le ricette tradizionali ognuno ha la sua ricetta di famiglia, io vi posto quella che sicuramente , per esperienza, non delude nessuno, è la ricetta di Alessandra Spisni che a differenza di tante ricette ha la presenza della farina, molti alzeranno le sopraciglia, ma devo dire che dopo averne provate tante che puntualmente mi si “scioglievano” nel brodo, con questa ricetta ho finalmente ottenuto i passatelli come piacciono a me.

Questo è un piatto che solitamente si prepara nei weekend invernali, quelli dove il freddo e il maltempo la fanno da padroni, con un bel brodo di carne caldo, o un brodo di pollo, ma anche un semplice brodo fatto con cipolla, sedano carote e sale…purchè sia brodo e purchè sia caldo e confortevole!!!




PASSATELLI ( da “Le ricette de la Vecchia Scuola Bolognese” di Alessandra Spisni – Minerva Edizioni)
Dose per 6 persone

100 gr farina 00
300 gr pangrattato fine
300 gr Parmigiano Reggiano grattugiato
7 uova
Sale e noce moscata

2 litri di brodo (buono)

In una terrina versare la farina, il pangrattato, il Parmigiano Reggiano e aromatizzate con la noce moscata e miscelate bene gli ingredienti tra loro. Fate al centro una fontana e al centro mettete le uova e un pizzico i sale, mescolate tutti gli  ingredienti con una forchetta e impastate bene tutto.
Otterrete un impasto morbido , ma compatto. Formate una palla e lasciate l’impasto copeto a riposare un’ora prima di passarlo allo schiacciavate. Portate il brodo a bollore in una pentola capiente e schiacciate i passatelli direttamente nel brodo bollente e quando vengono a galla sono pronti.

Vi abbraccio forte,
                    Flavia  











English version

The following recipe is a traditional recipe from Emilia-Romagna, and it’s perfect during cold winter Sundays, when we need a confortable food!!
What you need is a good homemade meat or vegetable (1 onion, 2 carrots and selery and salt) broth and trust me you are going to feel very well!!!


PASSATELLI (by  Alessandra Spisni)



 ¾ cup all purpose  flour
 1 1/5 cup  breadcrumbs 
1 1/5 cup grated Parmigiano Reggiano
7 eggs
Salt and nutmeg

2  liter broth (good)

In a bowl add the flour, breadcrumbs, Parmigiano Reggiano cheese and flavored with nutmeg and mix the ingredients well together. Make a fountain in the center and put eggs and a pinch of salt, mix all ingredients with a fork and mix everything well.
You will get a soft dough, but compact. Form a ball and let the dough rest for an hour covered before crushing it into a potatoes smasher .Bring the broth to a boil in a large pot and crush passatelli directly into boiling broth. Passatelli are ready when they come to the surface.



Have a nice day,
                              Flavia  

mercoledì 25 gennaio 2012

TAGLIATELLE AL RAGU!!!


                                                       Scroll down for English version

Non potevo fare finire l’MTC di Gennaio senza il classico delle tagliatelle per eccellenza…. Promesso dopo queste per un po’ non vi posto più tagliatelle ma la colpa lo sapete di chi è: di Menuturistico e Aleonlykitchen…mi hanno istigata!!! J



La ricetta è la più semplice  solo uova e farina e il condimento è il Ragù come lo fa mio padre, cosa posso aggiungere di più??Nulla se non consigliarvi di farle e gustarle e credetemi fatte con le proprie mani è una gran soddisfazione!!!


Vi ricordo che alle 23.59 di questa sera termina il “THE RECIPE-TIONIST di Gennaio” ….. J



TAGLIATELLE CLASSICHE

2 uova
200 gr farina 0 o 00

Con la farina formate su un tagliere grande una fontana, fateci un buco e rompete le uova al centro; con l’aiuto di una forchetta rompete le uova e cominciate gradualmente ad inglobare la farina, inserite il concentrato  e amalgamatelo alle uova, piano piano sempre con la forchetta.
Quando le uova avranno assorbito la farina, cominciate a lavorare l’impasto con le mani, all’inizio aiutatevi con una spatola o un coltello per staccare l’impasto dal tagliere.
Lavorate bene per almeno 15 minuti.
Quando l’impasto risulterà poroso, elastico e morbido, formate una palla e fatelo riposare riparato dall’aria , sotto ad una coppetta a campana o avvolta nella pellicola trasparente (meglio). Dovrà riposare 20-30 minuti almeno, perché più riposa più per voi sarà facile lavorare la sfoglia.
Spolverate il tagliere con la farina,  poggiate l’impasto e spolverate con farina, cominciate ad abbassare l’impasto con l’aiuto del mattarello e cominciate a lavorare e tirare la sfoglia.

Quando la sfoglia sarà pronta lasciatela asciugare un po’ (potete anche stendere un panno di cotone su un tavolo e lasciarle asciugare lì sopra per una ventina di minuti) , poi fateci un rotolo e con l’aiuto della coltella ( o se non l’avete utilizzate un coltello a lama larga, o una spatola di acciaio) tenendo la punta della coltella sempre a contatto con il tagliere cominciate a tagliare le tagliatelle che per essere TAGLIATELLE devono avere una larghezza compresa tra i 7 e gli 8 mm!!!









































IL RAGÚ DI MIO PAPÁ

800 gr carne macinata di vitello
1 bicchiere di latte
1 cucchiaio di burro
3 cucchiai di olio EVO
1 cipolla tritata
2 carote tritate
2 gambi di sedano tritati
Sale e pepe

Mettete in una pentola l’olio, il burro, le carote, la cipolla e il sedano tritati finemente e il pepe a soffriggere per un 6-7 minuti a fuoco vivace. Aggiungete la carne macinata e fatela rosolare ben, prima di aggiungere la passata di pomodoro ed il latte, mettete il sale e coprite con un coperchio. Fate cuocere per un paio d’ore a fuoco basso, mescolando spesso . Aggiustate di sale.

Un bacio a tutti, 
                      Flavia   




English version

I now….I know…too many Tagliatelle (noodles) recipes in these days on my blog…but trust me it is the last one for the next weeks. This is the classic recipe seasoned with Bolognese ragout. It’s really good …. Make it!!!

A big kiss ,


TAGLIATELLE (NOODLES)


2 eggs
200 all purpose flour


With the flour on a cutting board formed a large fountain, a hole and let us break the eggs in the middle, with the help of a fork, break the eggs and begin to gradually incorporate the flour, place the eggs and mix the concentrate tomato paste, more slowly with a fork.
When the eggs have absorbed the flour, start working the dough with your hands, help each beginning with a spatula or knife to remove the dough from the cutting board.
Work for at least 15 minutes.
When the dough will be porous, elastic and soft, form a ball and let it sit sheltered from the air, under a bell-shaped cup or wrapped in plastic wrap. Must rest at least 20-30 minutes, because the more rest will be easy for you to work better the dough.
Sprinkle the cutting board with flour, put the dough and sprinkle with flour even the surface of dough, begin to lower the dough with the help of rolling pin and start to work and pull the dough.

MY DAD’S RAGU’
( a version of Bolognese Ragout)

800 g ground veal
2 bottles of tomato sauce Mutti
1 glass of milk
1 tablespoon butter
3 tablespoons of  EVO oil
1 onion, chopped
2 carrots, chopped
2 stalks of celery chopped
Salt and pepper

Put the oil in a pan, butter, carrots, onion and celery finely chopped pepper and fry for 6-7 minutes on high heat. Add the ground meat and brown well before adding the tomato sauce and the milk, put the salt and cover with a lid. Cook for a couple of hours over low heat, stirring often. Season with salt.





xoxoxoxo, Flavia